"Through the Flames of Fire comes Transformation"

Witchcraft

We Remember Giordano Bruno, Philosopher, Magi, Defender of Truth & Justice


On the 17th of February 2014 we remember the death and life of Giordano Bruno; Philosopher, Magi and one who gave his life for “TRUTH” and feared NO one.  As he said to the Inquisition Court and the Cardinals seated there in, “You who pronounce this sentence do so with greater fear than I who receive it.” 

His crime was “Truth” and this he paid the supreme price with his life.  He never backed down he would become a traitor to NO one; traitor’s are COWARDS and are the ones who are the betrayers to all humanity. 

Giordano Bruno died but one time, however, he lives forever in the hearts of all who see “Truth and Justice.”  And the flames that took his life also gave him life and continue unto this day he will forever be remembered by all who seek truth and justice.

Today in Rome the statue of Giordano Bruno on Campo Di Fiore stands as a reminder to all NEVER back down when you know you are right!!!

We remember all those who have lost their lives to the truth.

Avante!

 

Be Blessed my Ancestor with all my love forever.

 

Rev. Lori Bruno, HPs/Elder

Our Lord and Lady of the Trinacrian Rose Church

Rev. Darcie M. Clausen – Vélez

Temple of Diana

&

Temple of Nine Wells


Blessed Spring Equinox


Wishing everyone a most Blessed Spring Equinox, the rites we gather and celebrate are truly in our hearts and there is not always a need to be in a public or large circle, we manifest and cast our own circles when we do magic to bring health, healing, prosperity and joy to others lives.

This Spring Equinox may you all be in my circle of magic and may you all be blessed with all fantastic joys and new endeavours.

My love is my circle and that is the strongest magic of all. Look into the mirror and see where your truth lies from within, do you do magic for the greater good or do you do it to build up your ego the latter is the wrong way to go for when we give openly without thinking of ourselves we are blessed beyond all we can imagine.

Blessed Spring Equinox to you all and Happy New Year.


Invocation of the Moon


moon

Hail to you oh, Goddess, the Moon, blessed lady, fortunate, cold

and moist, temperate and beautiful. Of all the planets you are the

head and key, your movement is smooth, you have shining light, lady

of happiness and joy, of good words, of good fame, of the power to

bless.

You are the lover of law and ponder the things of the world, and

your thought is subtle. You love joyful singing and enjoy joking and

love, you are the lady of ambassadors and messages and of the

revealing of secrets. You are high and noble, you are nearer to us

than the other planets, you are more powerful than all of them and

bright; you bring good and evil, you connect the planets to one

another, you transfer their light, you control everything through your

goodness.

And everything in the world is adorned by your ornament and

by your judgment all is judged. You begin all things, you are their

end. You above all planets have nobility and honor. And in this way

I call upon you.

I conjure you by [all Buddhas & Bodhisattvas] and by Celan and

Silija’il, who are the angels God has set over you to complete your

effects,

I invoke you by all your names; in Arabic, Camar [Qamar]; in

Latin, Luna; in Persian, Mehe [Mah]; in Greek, Zamahyl [Sam’a’il];

in Indian, Cerim [Suma]; in Roman, Celez [Selene], have mercy on

me and receive my humble petition, fill this talisman with your

power, with your spirit, with your pneuma, look with favor on us,

help us to be successful, and to be happy, healthy and safe. Thanks

be unto you, O Moon!


Neapolitan Witchcraft


Neapolitan Witchcraft

The following 19th century folklore article is referencd to by Leland in his Preface to Aradia or the Gospel of Witches, 1899. It contains many small and marvelous treasures of Italian magical lore, including discussion of lore about the witches’ council meeting under the walnut-tree of Benevento, the flight of Herodiade, healing spells, prayers or spells made upon rosary without medals or knoted cords, etc.

If the reader has ever met with the works of the learned folk-lorist G. Pitre, or the articles contributed by “lady Vere De Vere” to the Italian Rivista, or that of J. H. Andrews to Folk-Lore,* he will be aware that there are in Italy great nubers of strege, fortune-tellers or witches, who divine by cards, perform strange ceremonies in which spirits are supposed to be invoked, make and sell amulets, and, in fact comport themselves generally as their reputed kind are wont to do, be they Black Voodooists in America or sorceresses anywhere.
*March, 1897: “Neapolitan Witchcraft”
–Charles G. Leland, Aradia or the Gospel of Witches, A New Translation by Mario Pazzaglini, Ph. D. and Dina Pazzaglini, 1989, p.115.

It seems that many 19th century folklorists mixed up different types of “withces” willy nilly. Andrews made no distinction between those who act for good or ill. He lumped together those who called upon devils in charms with those who invoked Jesus. Descriptions of deeds quite probably done by genuine living 19th century practitioners were intermixed with imaginary deeds done by folkloric witches.

Activities involving the use of a padlock and knotted cord to attract a lover and that certain charms were taught on Christmas eve were presented along with witches magically removing a hump from a hunchback, dancing naked to cure a sick person, and flying.

Probably Andrews intermixed these activities because they all fall into the realm of folklore about magic. However, by using the single English word, “witch,” he implies all these activities were done by one of the strega.

Leland, wrting at about the same time period, apparently has done much the same. He labeled all Italian female practitioners of magic and divination as strega.

FOLK-LORE
TRANSACTIONS OF THE FOLK-LORE SOCIETY

Vol III March, 1897 No.1

NEAPOLITAN WITCHCRAFT
by J.B. Andrews

Southern Italy has been for many ages the favorite country for witches; they come from all parts of the peninsula to the Grand Councils held under the walnut-tree of Benevento, and even from more distant lands, for its fame is celebrated in Mentonnese tradition. This tree is to have been destroyed by S. Barbato in 660, during the reign of Duke Romualdo, in contending against superstition. Benevento was formerly called Malevento, a name perhaps significant. The site of the tree is now disputed, its very existence doubted; but witches still pretend to meet on the spot where it grew. The Neapolitans have an occult religion and government in witchcraft, and the Camorra; some apply to them to obtain what official organizations cannot or will not do. As occasionally happens in similar cases, the Camorra fears and yields to the witches, the temporal to the spiritual. There are also wizards, but as elsewhere they are much rarer; according to the usual explanation they have more difficulty in flying, being heavier.

It is said that the devil as a man prefers women; they for their part are amiable to him, at times even seducing him. There are special departments of the art–there is that of the earth and of the sea–having their special adepts. The first will only be treated of now; any witch can, however, render service to sea-faring folk, in giving a good haul of fish or averting a storm. Amongst witches by birth are women born on Christmas Eve, or on the Feast of the Conversion of St. Paul. Whoever invokes the devil on Christmas Eve before a mirror may become a witch.

An instruction in the methods is by itself sufficient; it is frequently given by the mother to her daughter, but not exclusively; any one may learn the art, even those knowing only a single incantation can make use of it. When a new witch has completed her education, the two women open a vein in their arms; having mixed the blood, the older witch makes a cross with it under the left thigh of her pupil, who says : ” Croce, croce, sciagurata sono.” There is no visible sign by which to detect them, they recognise one another by looking into their eyes; then the one who first leaves salutes the other by striking her with her left hand on the left shoulder and simply saying : ” Me ne vo.” In payment for the power he gives, the devil receives her soul with those of the others she procures for him; in witness of her fidelity she mocks at religion, and will profane the Host by trampling on it. But she means to cheat him and save her soul at the hour of death. She goes to mass, fills her room with pious pictures, before which, however, she does not work her charms. In her death-agony she sends for the priest, gives up to him all her apparatus to be burnt, then confesses and receives absolution. Her companions try to save some of the most precious objects from the flames. There are certain crimes for which there is no forgiveness, such as having caused death or made a hunchback. Among the many devils the head of all is called Satanasso.

Especially malicious is the Diavolo Zoppo (the lame devil), proud, violent, and treacherous ; he occupies himself much with lovers. Others are Lucibello, Lurdino, Lurdinino, Quisisizio, Turbionone, Scartellato, Baldassare. Their aid is invoked, they are present at the councils. The witches go to meet them flying through the air, often on horseback. In order to be able to fly, after having completely undressed and undone their hair, they go a little before midnight to an isolated spot out of sight, away from every sacred object. It is forbidden to see them, but not to speak to them. Then they anoint their bodies with the following composition, the quantity varying according to their weight: ten pounds of spirits of wine, half a pound of salt of Saturn, half a pound of Dragerio, to be left for four hours in a covered vessel. Then, saying ” Sotto I’acqua e sotto il vento, sotto il noce di Benevento, Lucibello portami dove debbo andare,” they fly away.

The meetings take place at midnight in the country, when the witches dance and take council together. Anyone seeing them may claim a gift; thus a hunchback once got rid of his hump. Hearing them singing ” Sabato e Domenica” in endless repetition, he added ” E Giovedi morzillo” (and Shrove-Thursday), a favourable day for witchcraft, as is also Saturday. This story is one of those most widely spread in Europe. It is indispensable that the witches should return before dawn: once the hour has passed, they fall in their flight and are killed. As a proof, it is said that some have been found very early in the morning in the streets of Naples lying dead and naked. On their way they can neither traverse a running stream nor cross roads; they are obliged ” to go round them.” They can turn themselves into animals, especially into black cats, but not into inanimate objects. However, they may become “wind,” so as to enter a house in order to carry off someone, or to transform him, or for other bad purposes. If when in the house the witch is seized by the hair and so held until day-break, she dies; but if in reply to her question “

What do you hold ? ” is said : ” I hold you by the hair,” she answers, escaping: ” And I slip away like an eel.” On entering a house she should say: ” lo entro in questa casa come vento per pigliarmi questo figlio, e a I’ora in cut me lo rubo, dev’ essere presente anche la morte.” If she means to transform the person she says: ” lo non sono cristiano, sono animale e sono eretico, e dopo di avere ereticato, ho fatto diventare questa donna (uomo o fan-ciullo) animale, ed io divento piu animale di questa donna.” Beside the bed she says: ” Io sono venuto per forza del demonio, il diavolo mi ha portato su di un cavallo, e come diavolo, e non come cristiano, io mi ho preso questa donna.” Their aid is invoked in quarrels. The Camorrists and bullies bring their arms to have them made invincible. A witch present at a fight can prevent the blows from striking home, or she may stop the fight by saying under her breath: ” Ferma, ferma, arma feroce, come Gesu` fermo la croce, come il prete all’ altare, I’ostia in bocca ed il calice in mano.”

Witches are much sought after in affairs of the affections between lovers, and between husbands and wives, and to restore love between parents and children. They use an ” acqua della concordia ” and an ” acqua della discordia.” To bring back an unfaithful lover the witch goes at night to the cemetery, digs up with her nails the body of an assassin, with her left hand cuts off the three joints of the ring-finger, then reducing them to powder in a bronze mortar, she mixes it with ” acqua benedetta senza morti,” bought at the chemist’s. The lover is to sprinkle the road between his house and his sweetheart’s with this water, and this will oblige the beloved one to return.

Another very powerful powder is made by scraping the left humerus of a dead priest; the powder is then made into a small parcel and hidden on the altar by the server at a mass paid for by the witch. When the priest says: ” Cristo eleison” she must mutter: ” Cristo non eleison.” Such a bone was shown me by a witch; it had been purchased for fifty francs from one of the servants of a confraternity. It had belonged to the witch’s mother, who was also a witch, and had been stolen from the objects given by her before dying to the priest to be burnt. It must be the left humerus, ” the right having been used for giving the benediction.”

It is possible to make a lover come in the following manner. At noon precisely take hold of a shutter or door of the room with the left hand, shut it quickly three times, then strike the floor heavily three times with the left foot. This ceremony is repeated three several times; at the end the shutter is slammed with violence. Each time the door or shutter is shut, say: ” Porta, che vai e vient;” then at the last time of all : ” Prendilo, Diavolo, e non lo trattieni; giacche` set il Diavolo Zoppo, portami N– o vivo o morto.”

To prevent a lover from liking another, stand in front of a wall so that your shadow falls on it; speak to the shadow as if to the lover, saying: ” Buona sera, ombricciuola mia, buona sera a me e buona sera a te; avanti a N— tutte brutte figure, ed io bella come una luna.” In speaking of oneself, touch the breast; the shadow, in naming the lover; in saying bella, touch the face; in mentioning the moon, the wall. Witches undertake to punish the unfaithful. They prepare three cords with knots, a black cord for the head, red for the heart, white for the sexual organs. To cause pain in the head, they take hold of the black cord, gaze at a star, and say: ” Stella una, stella due, stella tre, stella quattro, io le cervella di N– attacco, glide attacco tanto forte, che per me possa prendere la morte.” This is repeated five times outside the witch’s door. For the heart, say: “Buona sera, buona sera, N– mio, dove e` stato? Diavolo da me non e` accostato; diavolo, tu questa sera me lo devi chiamare e qui me lo devi portare.”

Taking hold of the white cord, is said:: ” Diavolo, to in mano ho questo laccio; to gli lego c—i e c-o, da nessuno possa f/–e ed impregnare; solo a questa f-a possa adorare.” The incantation finished, the cord must be worn in order to keep the knots intact, for if untied the charm is broken. A lemon, orange, or even a potato, stuck over with pins of various colours and nails answers the same purpose. The pins and nails are inserted at midnight in the open air, deeply or superficially, according to the harm intended. In sticking in each pin, is said: “Stella, stella, delle fore fore, diavolo quattro, diavolo nove, io questa spilla in testa a N— inchiodo,gliela inchiodo tanto forte che per me ne deve prendere la morte.” Then knots are made round some of the pins with a cord secretly bought by the witch for this special purpose, refusing to take change; if the seller calls her back she tells him that he is mad. In knotting the cord, is said: “Diavolo Zoppo, io metto questa spilla in testa di N– vivo o morto.” Then the object is hidden to prevent a disenchantment, as by throwing it into a drain or into the sea. The head, heart, or liver of an animal is also used, the head of a cock for a man, of a hen for a woman.

To prevent an unfaithful lover from sleeping, the woman goes to bed quite naked, takes hold of the left sleeve of her chemise, saying: ” Rissa, rissa, diavolo, io mi vendo questa camicia, non me la vendo per denaro. Pulci, cimici, piattole e tafani e I’ortica campaiuola, da N– ve ne andate, ed allora pace fossa trovare, quando questa camicia si viene a prendere.” Then, putting the chemise in the middle of the bed, she stands at the foot, places her arms crossed on the bed, and turns them four times so that the last time the-palms are turned upwards, saying: “Il letto di N– non Io vedo, non Io so. Ai piedi ci metto due candelieri, alia testa ci metto un capo di morte, nel mezzo due spine di Cristo. Diavolo, per me si ha da volt are, spesso e tan to deve volt are forte, che per me deve pigliare la morte.” Then she must lie down without speaking, or else she will herself have much suffering. To detach a husband from his mistress, the wife can go barefooted with unbound hair to a crossroad, where picking up a pebble and putting it under her left armpit she says : ” Mi calo a terra e pietra piglio, tra M– e N– un grande scompiglio, e si vogliono acquie-tare, quando questa pietra qui sotto si viene a pigliare.” She does the same at a second cross-road, putting the pebble under the right armpit; then at a third placing the pebble between the chin and breast. Returning to her house she throws the pebbles into the cesspool, so that they cannot be got at, saying: ” M– allora con N– fossa tu parlare, quando queste tre pietre qui dentro viene a pigliare.”

To attract a lover, the witch provides a magnet wrapped with a knotted cord; it must be worn. Much recommended are cakes containing, according to the case, menstrual blood or sperm. A padlock also serves to submit a person to one’s will. In opening it, say: “N— di lontano ti vedo, da vicino ti saluto, ti chiudo e non ti sciolgo, se non farai tutta la mia voglia.” Then lock the padlock, put a knotted cord round it, and keep it in a safe place. It is possible to overcome the protection of holy medals or other blessed objects, especially if something belonging to the person can be obtained-a bit of his skin, nails, or clothing; besides this, the co-operation of four or five witches is necessary. They sing together, one saying ” Tu gli I’hai fatta, to gli la leva,” another replying “Tuglilafai, e non gli la nego.” The witches also undertake to break spells. Suspending a sieve on scissors under the bed of a man made impotent, the witch also places there her shoes crossed; she provides herself with a rosary without medals or other blessed objects, and a packet of unwashed herbs, then tearing the packet and scattering its contents on the ground, she says: ” Come io sciolgo questo mazzo, cost sciolgo questo c-o.”

Sometimes a dance of naked witches takes place round the bed of a sick person, recalling the devil dances in Ceylon, the object of both being to cure the illness. There must be three or five witches; if five, one remains at the back, one stands at each corner of the bed, holding between them cords which must cross the bed diagonally, then dancing, they sing ” Tit git I’hai fatta, ed io gli la tolgo,” going round the bed. When there are only three witches the left corner at the foot of the bed remains empty, the cord being held laterally. They cure all diseases, employing medicinal herbs as well as magic, or even pious objects. Medals of S. Anastasio are much recommended against infection; they are also most efficacious amulets against the Evil Eye, as are also spinning whorls and the well-known horns.

As regards the Evil Eye, witches cannot make it, but they can avert its influence. A small packet of salt worn on the person is a protection against it; but according to the Neapolitans it is useless against witchcraft, contrary to the belief in some other places. For that, a little bag full of sand is good, the witch being obliged to count each grain before working her spell, in the meanwhile the hour of her power passes. A comb, three nails driven in behind the house-door, and the horseshoe are also recommended against witchcraft. Witches can make storms cease, or render them harmless, by saying before an open window: ” Ferma, ferma, tuono, come Gesu` fermo I’uomo, e come quello schifoso prete all’ altare, con ostia in bocca ed il calice in mano.”

Witchcraft is powerless on Wednesday, during Holy Week, and (contrary to what is thought in some other countries) on the eve of St. John Baptist’s Day. It is believed that at midnight then Herodiade may be seen in the sky seated across a ray of fire, saying:

” Mamma, mamma, perche` lo dicesti?””Figlia, figlia, perche’ lo facesti? “

The were-wolf is known, but not as the creation of witches. It is a curse on men born on Christmas live; they are known by the length of their nails. The malady seizes them in the night; they run on all fours trying to bite, but they retain the human form. If they are wounded so as to lose blood, the madness is stopped at once. Girls born on Christmas Eve are not maidens.

The foregoing information was obtained quite recently from witches in Naples. When asked what books they used, they answered None, that their knowledge is entirely traditional. The incantations, often composed in verse, have become in time so damaged that it has seemed better not to attempt to indicate the verses. Still, literal accuracy in repeating the spells is believed to be of the greatest importance. A scarred tongue was shown to me as the consequence of a mistake.

Some of the apparatus of witchcraft mentioned was presented to the Society that it might be placed in the Cambridge Museum.

I owe much to the kind aid of Signor Luigi Molinaro del Chiaro, of Naples, founder of the paper, Giambattista Basile, so much appreciated by amateurs of Italian traditions. Unfortunately it exists no longer.

Le Pigautier, Menton, September, 1896.

 


ThisIs: An Ancient Traditional Folk Magic Spell to Keep your enemy away


http://m.thisiscornwall.co.uk/story.html?aid=19890595#axzz2gsXMMRkH


Jupiter Talisman 2


We have a great aspect with Jupiter being in exaltation and with this we can work with him to aid in success, fortune and prosperity and good luck. When we work with him he has to be in either his rising or culmination and well dignified with the Moon and separated from malign planets that could cause interference with his work. Remember Jupiter is the Jovian energy he is god like above all the others, the Father to all the Gods and Goddesses.

I will be looking at an upcoming date for the next Jupiter Talisman to be cast and consecrated on the 3rd day of October 2013, San Juan, PR, AST/EDT at the hour of 07:00 am on Jupiter day in Jupiter hour. The images in which I shared for the election that we had back in 2013 July will be the same images and you will use the same invocation as well. Using Frankincense or Storax as your resin incense and gold and purple candles.

I will of course put more information up for everyone and good casting.

It is best to work with Jupiter when he is well dignified in your own chart as that will increase the energy and manifestations of your workings with him. If you have any questions or would like your chart cast to see where is sits in your chart just contact me directly.

Darci "Ariana" Clausen – Velez

Traditional Astrologer, Tarot, Spiritual Advisor

Reverend and HPs

Temple of Diana

Black Walnut Anthology

Anima Corpus Mundi Astrology

Phone: 978-210-2423

Skype: Arinanna3

Email: Csolarwolf1@aol.com & Csolarwolf@gmail.com

or

Contact me today: http://my.vcita.com/02c4f551

Set an Appointment Today: http://my.vcita.com/02c4f551/scheduler

Send me a Message Today: http://my.vcita.com/02c4f551/message


Book Review: The Path of the Shaman, by Anna Franklin


Path of the Shaman (Eight Paths of Magic)

The Path of the Shaman is a book two by Anna Franklin that focuses on the eight paths of a witch/.Witch. It is journey in which few experience and when they do it is one of great calcination and dissolution of ones entire self, and one as Anna herself describes as not wishing it upon her worst enemy.  When she speaks of this process it is called a shamanic crisis one in which is a very personal experience and each one who undergoes this transformation does so individually, it is not without experiencing pain to the level of losing all control over your own self, physically.  It takes you to the realms in which if you are not strong enough, you will never return.

As quoted directly from Chapter 2; ”Though anyone can offer themselves to the spirits, there is no guarantee that the spirits will accept.  The candidate is always subject to trial and testing before the initiation in the Otherworld can take place, encapsulating a very real dissolution, death and rebirth in the core of his being, a process entirely out of the shaman’s control and often sudden and violent in its onset.”  ”The initiation consists in an ecstatic experience, during which the candidate undergoes certain operations performed by mythical Beings, and undertakes ascents to Heaven and descents to the Underworld or subterranean World.”  In the same chapter as spoken of from above, Anna along with two others go into great detail their surgery’s by the mythical Beings in which brought them to their path as Shaman.  Anna and the others share extremely personal experiences and sufferings in which they endured along their path.  In understanding this, then it is easy to see that one of the first known Shamans from the western world would have been Jesus himself.  He was born to this world by a woman and that of the seed of an Upperworld mythical being and then was hung on the cross to die at the age of 33, then buried and he descended to the Underworld and then returned to the Middle World and finally ascending to the Upperworld.

There is mention of the the Shamans Cosmos world the three levels in which exists and that only a Shaman may see and know personally.  The Middle Earth, where we live, the Underworld and the Upperworld, the Underworld were all must go when we die and are prepared for such hidden knowledge, the Upperworld the world of the Angels and the spirits that aid us and protect us as we travel the path of our lives.  She goes into great detail of the World Tree and the Tree of Life with references to all other cultures and their views, which are all very similar from culture to culture.  Also, in this chapter she mentions that of the Black  Stone, the Meteoric Stone, the meteoric stone which is also called the black stone is not common in knowledge.  It is the stone in which is housed at Mecca and part of a yearly pilgrimage in which the Muslims are required to make, they go there for prayers and the asking of healing from the Great Mother.  This stone is from the Upperworld and it represents on this earth the Mother of all creation.  It is the one that holds all within.  There is more on the cosmos, the pole star and more.

There is mention and in great detail of how one travels the cosmos, by the spirit to do the work of healing and learning of old knowledge which is through the astral planes and the different levels of ones consciousness we experience as we go into trance, or in dream states.  What we must do to prepare ourselves physically, mentally and spiritually prior to being able to entrée this state as well as different gateways that are available and how to return and protect oneself while out of the physical form.  Many points she discusses throughout the entire book draws anyone back to the knowledge of the Emerald Tablet as well as the work’s of Dion Fortune.  Which is not common in today’s modern Wicca studies or among the New Age teachings?

Continuing we get to where she speaks of the various spirit worlds one will encounter and the view of other cultures, as I am a Strega I will make reference to her point on the Italian culture.  ”The Italian carnival society Cavallino assembled under the banner of Erodiade (ero dia de), a name for the Queen of Faeries, possibly synonymous with the witch goddess Herodias.  The society grew with prominence in the Middle Ages, appearing in processions, pantomimes and healing sessions, but many have had a very ancient, Pagan origin.  It was exclusively male, its members dressed in women’s clothing and wore make up.  They always gathered in odd numbers, such as seven, or nine or eleven.  The Catholic Church persecuted them as Pagans who worshipped the Goddess Diana.

Anna goes into great deal of the types of spirits and their powers they bestow onto human-folk they may take a liken to as well as power animals and how they come to us in our times of specific need to guide us to understand and to gain understanding in our journeys we are to encounter.  There is great focus on the types of plant allies a Shaman works with and a shaman’s view that we are kin to all things and that all things have a spirit that resides within them.  Yes, there are those herbs in which are used to obtain a level of trance and they assist us to achieve a level in our meditation and allowing us to journey to the Otherworld, though it is not without a cautionary note.  She cautions us on the plant spirits, ”However, any relationship with a power plant is precarious, and its spirit must be approached with respect.  To use a power plant for recreational purpose is an abuse of its energies and will lead to the subjugation of the magicians will by the plant spirit.  Meaning the magician has no control over the plant spirit or his or herself, the plant spirit has full control.  This means a loss of your Personal Power.  In reading this caution it reminds me of something Dr. Leo Louis Martello wrote in his words of wisdom regarding the Craft.  He states the following:  “In the Craft, there is no hard dogma. Hard drugs are forbidden. Mindless morons can’t be a compliment to our Mother Goddess.  Power is something personal, not to be used over others, which is contrary to Craft ethics. Those who think the Old Religion will make them masters over others are slaves to their own self delusions.

Anna finishes by speaking about what Personal Power is Not and the practices of a Shaman.  She speaks of an experiment a Japanese doctor performed using the water element.  He took two glasses and placed a crystal in each one, on one of the glass he wrote on a piece of paper the word Thank you and on the other You Fool the crystal inside the glass of water with the words thank you started to grow and the crystal in the glass of water with you fool did not, thus showing the powerful nature of water and how important it is to us.  We are 90% water in our body, so imagine if you thank yourself all the time and others, just imagine how we would all grow with a kind word.  When speaking of the various types of divination, magic and castings we do as a Shaman even a witch many in this day and age focus on the weather.  Myself personally I have had many people comment due to the high levels of heat how they were going to do weather magic to bring rain.  My advice always is no, when you are doing magic of this level you need to be aware that unless it is so severe that you need to consider beyond your own selfish needs, to take anything from another region is to ultimately cause harm of some kind.  While you may feel you need it, it may be needed more in another region.  This goes for any magic, you do not cast just to cast, you do not just invoke to invoke there has to be a reason when you call on the powers and forces of the Otherworld.  Magic is not a game but something true and real.

While I was reading The Path of the Shaman I was reminded of many things I have learned and was guided wisely with advise in the past, also being reminded of many journeys in which I have travelled to the Otherworld, the Underworld and the Upperworlds.  I have seen many things in my life and as a Witch but I needed a gentle reminder of a few things, it also guided me more in some specific research I have been doing which I will not speak of so much here.  What I am saying is that sometimes we need something and the Gods bring it to attention in many ways, a book, a kind word from another, a picture, a quote a journey or a sign in the mundane world that only a witch would notice.  Pay attention and you will be amazed.

This is an extraordinary book and one that ever Witch/witch should own and have as part of her/his library.


Book Review: Ancient Spellcraft From the Hymns of the Hittites to the Carvings of the Celts, by Laura Perry


I have had this book for many years, it is a book of various spells that aid Magicians in manifesting that of fertility, protection, healing, prosperity and more.  In this work Laura Perry covers ancient cultures such as the Celts, Egyptians, Hittites, Crete, Greece, Rome and Scythia.

There are a lot of way and spells that we use as Magicians today to assist in our magical workings to assist those who seek us out for healing, protections, removing of curses or hexes, prosperity, love, fertility and more.  This is a book that focuses on the spells of our ancients incorporating some of the simplest of ingredients, many you can find in your kitchen cupboards and from the recycling of glass jars, and more.

As a practicing Witch I was taught that some of the most powerful magic is the simplest magic as it is from the heart and in this book she focuses much on the same concept in how she guides those according to the specific spells.  She focuses a great deal on the clearing of mind, mental focus on the work you are to manifest and of course the invocations of the Gods to intercede on our behalf.  All of this is how I was taught by my True Mother in how to do my magical workings.

This is a must have for anyone who practices magic it is in my opinion worth the value.

Purchase your copy today here and enjoy it as much as I have and see what Magic you can make and Manifest in your life and that of others.

Ancient Spellcraft: From the Hymns of the Hittites to the Carvings of the Celts


La Caccia Alle Streghe; Italian Version


Tutte le religioni hanno un lato rispettabile e uno manchevole. Non dobbiamo piu’ spezzare ciascuno gli idoli dell’altro; ma guidare dolcemente gli uomini fuori dall’idolatria.

I libri sacri di tutte le nazioni in tutti i tempi sono stati collezioni di favole.

(Eliphas Levi)

 

 

 

LA CACCIA ALLE STREGHE

 

SINTESI DI UN GENOCIDIO

 

alateus

 

 

 

PARTE I – PRIMA DEL MASSACRO

§ 01 – FISSIAMO I LIMITI

 

Trattando di “caccia alle streghe” molti autori tendono ad allargarsi, nel corso delle loro esposizioni, per considerare come argomenti connessi e pertinenti anche:

• la caccia agli eretici (ebrei e marrani, catari, valdesi, ecc.)

• le ossessioni

• le possessioni demoniache

• i riti satanici

• e quanto altro ha avuto attinenza con i momenti piu’ oscuri della storia del cristianesimo.

Per vari motivi di brevita’ e di sintesi espositiva in queste pagine si tratta unicamente delle “streghe” e del martirio che hanno dovuto subire durante i tre secoli che vanno dal 1400 al 1700.

Il periodo compreso tra 1400 e 1700 e’ quello solitamente indicato dagli storici come il “tipico periodo” nel quale sono stati operati dalla chiesa i grandi massacri a danno dei suoi nemici o presunti tali, anche se questo non e’ sostanzialmente esatto, trattandosi di limiti posti per esigenza e comodita’ di studio.

In realta’ la persecuzione delle streghe si e’ manifestata, seppure in tono minore, gia’ a partire dall’alto Medioevo ed e’ continuata ben oltre il 1700.

 

Nel testo non vengono trattati i casi di “possessione demoniaca”, verificatisi in alcuni conventi (come quello delle Orsoline di Loudun), che altro non sono che esasperate turbe sessuali di povere disgraziate condannate, dalle loro famiglie, a consumare la loro esistenza tra le mura di un convento; inoltre e’ stato omesso anche l’episodio inerente le “Streghe di Salem” perche’ gia’ trattato in altra pagina di questo sito, e anche per limitare l’esposizione a quanto avvenuto nei soli paesi europei.

 

Sempre su questo sito potete consultare:

* I. E. Ferrario – Triora, la Salem d’Italia.

* A. C. Marturano – Streghe e stregoni nel medioevo russo.

* E. Dall’Aglio – Il Giullare e le Streghe.

* G.T. Garella – Storia della Stregoneria negli U.S.A.

 

 

In questa PARTE I, prescindendo dalla furia omicida del cristianesimo, cerchiamo di definire, a grandi linee, chi e cosa si intendeva per strega prima del 1200-1300.

 

 

§ 02 – LA STREGA ANTICA

 

Prima di addentrarci nella storia del genocidio delle streghe e’ quindi necessario puntualizzare bene la natura e le caratteristiche di questi singolari ed inquietanti personaggi.

Per comodita’ di esposizione conveniamo di indicare come “strega” sia i soggetti femminili che quelli maschili (maghi, negromanti, stregoni, ….); questa e’ una convenzione generalmente accettata, tenuto conto che il massacro avvenuto tra il 1400 ed il 1700 ha colpito in massima parte soggetti di genere femminile; utilizziamo quindi il termine strega in senso neutro.

 

La strega e’ una figura senza tempo che si puo’ far risalire, se non alla preistoria, certamente alla protostoria. Comunque non e’ necessario spingersi tanto lontano; basti ricordare alcune famose streghe che la cultura e la letteratura antica ci hanno tramandate quali Medea, Circe, Canidia, Panfila, Ecate, Diana ed altre dai fantasiosi e impossibili poteri.

E’ stato affermato da piu’ parti che:

“la strega fa paura solo a chi ci crede”

 

questa affermazione lascia supporre che, da un punto di vista razionale, la strega possa essere stata una figura del tutto negativa, una parassita nel contesto sociale dei tempi passati.

Si deve però poi prendere in considerazione anche l’altra comune asserzione:

“la strega e’ stata una figura temuta ma ovunque ricercata”

 

e cio’ fa pensare che, malgrado le incredibili sciocchezze addebitate a questa singolare figura, qualche funzione positiva puo’ comunque esserle attribuita.

 

Occorre pertanto vedere come operava, dove e cosa faceva realmente una strega prima della grande strage e prima che il clero l’accusasse di quelle attivita’ ignobili, collegate alla figura del Diavolo, che il clero stesso aveva inventato a giustificazione del proprio abominio.

Un’altra affermazione che puo’ lasciare il lettore perplesso ma che deve essere accettata – seppure con riserva – e’ che:

“la strega era fondalmente onesta e credeva in buona fede, pur sbagliando, in cio’ che faceva e nei suoi illusori poteri”

 

L’affermazione trova una sua giustificazione se si esamina in particolare quelle che erano le sue attivita’ e l’ambito in cui operava.

 

La strega e’ stata una figura tipicamente rurale, contadina; era presente ed operava nelle campagne, vivendo isolata nei boschi o ai margini di piccoli, sovente miserabili villaggi.

Le streghe di citta’ potrebbero sembrare un’eccezione ma in realta’ anch’esse appartenevano alla stessa categoria.

Molte di esse avevano abbandonato la campagna e scelto di vivere nell’ambito cittadino spinte dalla fame, alla ricerca di un quotidiano e precario pezzo di pane.

In citta’ praticavano oltre alla loro arte anche la prostituzione, sino a quando l’eta’ lo permetteva; si insediavano normalmente nei bassifondi a contatto con la feccia cittadina, preparando e vendendo prodotti medicamentosi, filtri d’amore, unguenti cosmetici, prodotti abortivi ed anche quei veleni che la societa’ di allora usava spesso e volentieri.

 

Sia in campagna che in citta’ si puo’ dire che la strega, (a volte detta anche: lammia, masca, bagiura), operasse in due ben specifici settori:

• la magia bianca

• la magia nera

 

§ 03 – LA SCUOLA DELLE STREGHE

 

Streghe non si nasce, si diventa. Affermazione abbastanza scontata che pero’ lascia intuire quello che doveva essere il tirocinio di un’aspirante strega.

 

In linea di massima l’arte veniva trasmessa da madre a figlia o da strega-maestra a strega-apprendista, mediante lunghi anni di apprendimento e di pratica.

Anzitutto occorreva acquisire una buona conoscenza sulle virtu’ di varie erbe, muffe, funghi, minerali e sostanze varie.

Bisognava imparare a procurarsi le materie prime, raccogliendo le erbe necessarie nella giusta stagione, quando esse maturavano pienamente le loro qualita’ medicinali, venefiche, soporifere o allucinogene.

Occorreva apprendere l’arte di essicarle e conservarle con particolari accorgimenti affinche’ non perdessero le loro proprieta’.

Bisognava imparare a dosarle, miscelarle in giusta misura con altri componenti, per preparare decotti, filtri, pomate, veleni, unguenti ed elisir destinati a produrre specifici effetti.

Di fatto la strega, senza rendersene conto, alcune volte riprendeva antiche ricette, alcune delle quali forse risalenti a Galeno, ottenendo parecchi di quei prodotti medicinali che oggi vengono acquistati in farmacia come “specialitá”.

 

Per fare cio’ le streghe disponevano di “Libri Magici” (vedi § 26) che erano, allo stesso tempo, raccolte di ricette mischiate a formule magiche per esercitare taluni incantesimi. Questo lascia supporre che alcune streghe sapessero leggere, se non scrivere, e questo, a volte, le poneva su di un piano culturale e di conoscenza superiore a quello di certuni sprovveduti che le perseguitavano.

Tutte le streghe “credevano” nella loro arte e la esercitavano con convinzione ed in buona fede,

 

anche quando si trattava di improbabili magie o incantesimi privi di effetto; tutto questo a prescindere da fantasiosi patti col Diavolo che furono un’invenzione della chiesa e dei suoi sicofanti a soli fini persecutori.

 

 

§ 04 – LA MAGIA BIANCA

 

Scopo fondamentale della magia bianca era quello di dare la guarigione (o almeno dare sollievo) ai vari e piu’ comuni malanni e alle infezioni cutanee allora assai comuni, viste le discutibili abitudini igieniche di quei tempi.

 

Tutto questo veniva realizzato dalla strega seguendo antichissime ricette, a volte manoscritte, risalenti alla notte dei tempi, tramandate da madre a figlia o da maestra ad apprendista. Erano sostanzialmente ricette, collaudate dal tempo, a base di erbe e di radici che le streghe raccoglievano e trattavano con la competenza a loro tramandata, trasformandole in pozioni, decotti, impiastri, unguenti che

“di solito funzionavano”.

 

Ed e’ proprio il fatto che di solito funzionassero a far credere alle streghe, in tutta buona fede, di essere in possesso di “particolari poteri” che poi pensavano di poter esercitare in altre occasioni, con altri mezzi e con risultati del tutto illusori, come accadeva nell’ambito delle attivita’ di magia nera.

 

Una cosa deve essere chiara e scontata: le streghe riconoscevano le piu’ comuni malattie e preparavano gli specifici rimedi con gli ingredienti piu’ adatti suggeriti dai loro tradizionali ricettari, pero’ ignoravano completamente quali erano i principi terapeutici attivi contenuti negli ingredienti stessi.

 

Oltre a cio’ erano in grado di curare le fratture degli arti (conciaossa), medicare ferite, assistere le partorienti (mammane) quando nei villaggi mancava la levatrice “patentata”.

 

Resta il fatto che in una societa’ dove era proibito agli ebrei ed alle donne di praticare la medicina, qualche rischio lo correvano, a volte, con tragiche conseguenze. Malgrado cio’ la loro conoscenza sulla virtu’ delle erbe poteva, in certi casi, conferire loro qualche riconoscimento ed un occhio di riguardo quando erano costrette a mendicare per sbarcare il lunario.

 

Occorre tenere presente che la miseria diffusa e generalizzata del mondo contadino non permetteva grandi retribuzioni in cambio dei loro rimedi; sovente dovevano accontentarsi di un po’ di latte, una scodella di minestra, qualche fetta di pane ed altre modestissime mercedi.

Mancando nelle campagne qualsiasi assistenza, la loro capacita’ di guaritrici le poneva come punto di riferimento: temute quindi ma all’occorenza ricercate.

 

Altre attivita’ che generalmente si fanno rientrare nell’ambito della magia bianca potevano essere:

• la preparazione di filtri d’amore, che se non funzionavano non facevano neanche male;

• predire il futuro;

• propiziare con formule e riti magici l’ottenimento di certi benefici;

• fare sortilegi benigni e confezionare amuleti e talismani per proteggere una persona dalla malasorte, dagli infortuni, dalle malattie;

• propiziare l’avverarsi, in vita, della felicita’ e dei piaceri che i preti promettevano solo da morti e a coronamento di una vita di stenti;

• preparare prodotti di bellezza, cosmetici.

Tutto cio’ con il consueto corollario di riti e formule magiche che se nulla aggiugevano all’efficacia del rimedio, avevano il pregio di enfatizzare, illudere ed ispirare un reverenziale timore nella mente degli sprovveduti clienti.

Ad esempio: ecco una formula magica che accompagnava la frizione della pelle con un unguento specifico: moetas naeta daries dardaries asiadaries una naeta.

 

Ma il timore della gente diveniva palpabile quando la strega esercitava i suoi presunti poteri di magia nera.

 

 

§ 05 – LA MAGIA NERA

 

Comprendeva quel complesso di prodotti, di attivita’ e di rituali che venivano richiesti alla strega allo scopo di vendicarsi, recare danno o provocare la morte di una terza persona.

Nel fare cio’ la strega si attribuiva (e il mandante le attribuiva) il possesso di poteri misteriosi e sovrannaturali, sovente legati ad aspetti misterici di qualche culto di antiche divinita’ pagane.

 

Sovente il ritenere di avere questo potere era dovuto a suggestioni ed all’uso, non cosciente, di sostanze allucinogene, come indicato al § 28.

 

Nell’ambito della magia nera, le uniche possibilita’ reali di compiere malefici, che le streghe potevano esercitare, erano quelle legate alla produzione di veleni, sonniferi ed altri prodotti dannosi, sfruttando in negativo la loro conoscenza delle particolari proprieta’ delle erbe e di altre semplici sostanze.

Nondimeno la credenza e la superstizione popolare attribuivano alle streghe ben altri poteri che le streghe medesime si guardavano bene dallo smentire per motivi abbastanza comprensibili:

• di utilita’ personale e desiderio/necessita’ di guadagno

• perche’ esse stesse erano convinte di possedere tali poteri

• perche’ il senso di timore con cui venivano considerate costituiva per loro una specie di protezione.

E a questo proposito, anche se e’ molto probabile che si sia verificato, non si rammentano casi di streghe uccise da un singolo individuo. Prima della grande strage le streghe assassinate furono prevalentemente vittime di esecuzioni collettive, linciaggi dovuti alla collera popolare a fronte di eventi dannosi ed inspiegabili quali epidemie, moria estesa del bestiame, grandiosi incendi e cose simili.

Tra le tante capacita’ malefiche che solitamente si attribuivano alle streghe dell’antichita’, elenchiamo alcune delle piu’ comuni:

• far morire una persona trafiggendo un pupazzo di cera o di panno contenente parti personali delle vittima designata: capelli, unghie, saliva, orina, ecc.

• provocare malattie nei bambini con incantesimi e rituali magici

• la preparazione di filtri d’odio

• far cadere la grandine sulla proprieta’ della vittima

• provocare un incendio nella casa della vittima

• provocare un naufragio

• generare la sterilita’ in una donna

• generare l’impotenza in un uomo facendo opportuni nodi su di una striscia di cuoio

• provocare la moria del bestiame

• gettare il “malocchio” recitando determinate formule

• trasformare un uomo in bestia facendogli mangiare un “formaggio stregato”

• ed altre fole del genere.

In qualche occasione alcune di queste “magie” potevano funzionare se si aveva l’accortezza di far sapere alla vittima, indirettamente ed in gran segreto, che un maleficio era stato pronunciato su di lui. Paura e turbamento psichico in anime semplici ed ignoranti potevano provocare quegli effetti che la sola magia non avrebbe mai potuto realizzare.

Un modo alquanto singolare di generare la grandine sul campo della vittima era quello di recarsi su di un rilievo di terreno, prossimo a quello da devastare, scavare un buco, orinarci dentro e poi disperdere il liquido in aria con un ramoscello di nocciolo recitando speciali formule magiche (!!).

 

 

§ 06 – LA SOCIETA DI DIANA

 

Su questa misteriosa affiliazione, che avrebbe raggruppato intorno a se’ un gran numero di streghe, si e’ scritto molto ma, a conti fatti, le informazioni che si hanno non sono sufficienti a dimostrarne la reale esistenza. Anzi il contrario.

 

Si suppone che all’origine fosse una societa’ segreta femminile, una societa di “Bonae Foeminae” e cioe’ di guaritrici esperte nell’arte della magia bianca, solite riunirsi di notte nei boschi per celebrare particolari cerimonie di natura mai definita.

 

Alcuni autori sostengono che questa credenza sia derivata da un’antica leggenda di ceppo celtico che poneva a capo delle affiliate una certa Morrigan: la Grande Madre. Nell’antico mondo romano Morrigan venne sostituita con Diana, ritenuta oltre che dea della caccia, anche dea della fertilita’.

 

Queste riunioni notturne erano anche dette “Gioco di Diana” e, se pure improbabili, ispirarono agli inquisitori della grande caccia la successiva morbosa fantasia del sabba. Implacabili nella loro furia distruggitrice i preti sostituirono alla figura di Diana quella di Salome’, raccontando ai creduloni che quando la testa di Giovanni il Battista fu presentata alla figlia di Erode su di un piatto, dalle fauci del decollato comincio’ ad uscire un vento fortissimo che la sollevo’ per aria e da allora l’infausta tapina si trova costretta ogni notte a volare, da mezzanotte al canto del gallo.

La fede nel “vero Dio” dei cristiani si alimenta anche di queste cose!

 

§ 07 – SISTEMA ACCUSATORIO

 

Uno dei motivi per cui, nell’antichita’, le streghe furono assai poco perseguitate, puo’ anche essere ricercato nel funzionamento dei tribunali che allora operavano in base al principio del sistema accusatorio.

Questo sistema di procedura penale, derivato dal diritto romano, rimase in vigore presso quasi tutti i tribunali europei sino al 1200 o poco oltre.

 

Il sistema accusatorio richiedeva la formulazione, da parte di un soggetto (attore) o dei suoi aventi causa, di una puntuale accusa pubblica giurata e l’onere di sostenere tale accusa in giudizio, nonche’ fornire prove e testimonianze utili a dimostrare la validita’ dell’accusa stessa nei confronti del denunciato (convenuto); in altri termini l’attore si assumeva quelle funzioni che oggi competono alla pubblica accusa.

 

Nel fare cio’ l’attore si caricava di una pesante responsabilita'; qualora il convenuto fosse riuscito a dimostrare la propria innocenza l’accusatore veniva a sua volta perseguito e punito secondo gli usi e secondo quanto previsto dall’antica “Legge del taglione”.

Il rischio della ritorsione (contro-processo) a carico dell’attore era una pesante remora ad avviare certi processi riguardanti malefici e sortilegi, reati per loro stessa natura indimostrabili. Il convenuto poteva essere condannato solo se confessava la sua colpa, cosa del tutto improbabile quando si trattava di stregoneria.

Se poi l’accusato era persona di buona reputazione, generalmente stimato, poteva agevolmente uscire indenne dal dibattito giurando sulla sua stessa innocenza o delegando il giuramento a testimoni ritenuti uomini onorevoli e probi.

Non era proprio il caso delle streghe!

 

Infine, quando nel corso di particolari dibattiti i giudici si ritenevano incapaci di formulare un giusto verdetto allora si ricorreva alla scappatoia dell’ordalia.

L'”ordalia o giudizio di Dio” consisteva nel delegare alla saggezza del padreterno il compito di decidere chi aveva ragione e chi aveva torto.

 

Un caso particolare di ordalia era la detta “ordalia bilaterale”. L’attore ed il convenuto, o persone da loro stessi scelte (i campioni) dovevano battersi in duello durante il quale chi picchiava piu’ forte finiva col dimostrare la propria ragione.

 

Negli altri casi i giudici sottoponevano l’accusato a prove di verita’ alquanto strane e decisamente crudeli. Per cui si poteva dimostrare la propria innocenza:

• percorrendo una certa distanza tenendo in pugno un ferro rovente. Dopo alcuni giorni di fasciatura e di linimenti la mano doveva apparire “miracolosamente guarita”.

• Una variante della prova precedente era quella di immergere un braccio in un calderone d’acqua bollente.

• Il corpo dell’imputato veniva immerso in un fiume o in una vasca di acqua fredda. Se rimaneva a galla era innocente.

• L’imputato doveva ingoiare un grosso pezzo di pane senza masticarlo e senza soffocare.

• L’imputato doveva uscire indenne da una camminata sui carboni ardenti; questa era la prova piu’ classica (pirobasia/pirobazia).

(Qualche anno fa un gruppo di allegri “mattacchioni” l’ha fatta in diretta T.V.; sembra che la prova possa essere superata senza danno se si tengono, per qualche ora, i piedi immersi in una soluzione di allume di rocca(??))

Il sistema accusatorio ha impedito, almeno fin verso il 1300, che streghe e maghi venissero sottoposti a ridicoli ed inutili processi.

 

 

§ 08 – UN PROFILO

 

Abbiamo gia’ accennato al fatto che le streghe erano prevalentemente di origine contadina ed operavano nell’ambito del mondo rurale; quelle presenti nelle citta’ erano un’eccezione, trattandosi di donne ancora giovani che avevano cercato nell’ambito cittadino migliori opportunita’ di vita, aggiungendo alla loro arte anche la disponibilita’ a prostituirsi.

 

In relazione all’eta’ media della popolazione del Basso Medioevo (circa 35 anni e con un’aspettativa di vita inferiore ai 50 anni), l’eta’ media di una strega si aggirava tra i 50 ed i 62 anni, con punte eccezionali di 80-85 anni.

Se anche una persona di 60 anni poteva considerarsi vecchia non rappresentava comunque una eccezione; l’eta’ media di 35(?) anni, calcolata dagli storici con metodo statistico, e’ fortemente condizionata dal grande tasso di mortalita’ infantile di quei tempi: circa 30-40%.

La media statistica, in certe situazioni, puo’ dare un’idea distorta della realta’. Sarebbe piu’ corretto usare il valore di “moda”, non sempre calcolabile sulla base dei dati disponibili. Si sa comunque che, a quei tempi, nel mondo contadino raramente un individuo arrivava a conoscere i suoi nipoti.

(Rif. 105)

Pertanto queste cifre devono essere considerate molto incerte ed aleatorie.

 

Le streghe che vennero processate tra il 1400 ed il 1700 avevano, in massima parte, un’eta’ superiore ai 50 anni, come si e’ potuto rilevare dai verbali processuali.

Sempre con le dovute riserve, e’ stato calcolato, su qualche centinaio di presunte streghe, che:

• il 50% erano sposate

• il 28% erano vedove

• il 22% erano nubili

Mentre parte delle vedove e nubili cercavano di inserirsi nell’ambito di famiglie, a quel tempo di stampo patriarcale, molte altre preferivano (od erano costrette) vivere sole ed indipendenti.

La cosa era alquanto “fastidiosa” ed imbarazzante per l’elemento maschile della societa’ che considerava la donna come essere assogettato e non approvava la condizione di liberta’ di cui alquante donne, volenti o nolenti, godevano. Erano particolarmente temute le donne vedove e libere che avevano superato l’età della menopausa.

 

Infine, per quanto riguarda il sesso delle streghe:

• il 70-90% erano donne

• il 10-30% erano uomini

ma queste percentuali variano moltissimo secondo i luoghi e le epoche. Ad esempio, mentre in Russia prevaleva l’elemento maschile, nei paesi scandinavi i due sessi erano alla pari.

 

 

§ 09 – RIASSUMENDO

 

Nei paragrafi precedenti si e’ cercato di dare un’idea, approssimata e certamente non esaustiva, di quella che era la figura della strega, dall’antichita’ sino al Basso Medioevo, prima della grande persecuzione.

 

Ne viene fuori il ritratto di una persona emarginata della societa’ di allora che, agli occhi degli altri membri, poteva apparire come una figura inquietante, fonte di timori ma sostanzialmente innocua e sovente utile.

 

Una costante che accomunava queste strane figure era senza dubbio la miseria. Una miseria oggi difficilmente concepibile, tale da ridurre qualsiasi individuo al livello piu’ basso della degradazione e dell’asservimento; qualsiasi cosa pur di procacciarsi la misera, quotidiana razione di cibo necessario per sopravvivere!

Mangiare tutti i giorni era un obiettivo che poche streghe riuscivano a raggiungere.

 

Non sempre i luoghi e le circostanze consentivano loro di vivere con il solo esercizio della propria arte; il furtarello, l’elemosina e la prostituzione erano le attivita’ complementari e necessarie per non morire letteralmente di fame.

 

La strega era quindi una miserabile che agiva prevalentemente in un contesto rurale, popolato da contadini quasi altrettanto indigenti i quali, pur servendosi della sua opera, non sempre erano in grado di compensarla adeguatamente.

 

In linea di massima la strega era pero’ rispettata e tollerata come un “male necessario” ma questo non vuol dire che non venisse a volte perseguitata ed uccisa.

Questi episodi, anche se ricorrenti, furono pur sempre casi isolati dovuti a fiammate di follia collettiva localizzata: la ricerca di un capro espiatorio per calmare gli animi esacerbati da qualche inspiegabile disastro.

 

Erano dunque casi isolati che non avevano nulla in comune con l’allucinante follia omicida della chiesa, esplosa tra il 1400 ed il 1700.

 

 

 

 

PARTE II – IL MASSACRO

 

 

§ 10 – PRESUPPOSTI PER IL MASSACRO

 

Molti valenti autori si sono dedicati allo studio delle motivazioni economiche, sociali e religiose che hanno scatenato un massacro senza precedenti a danno di creature sostanzialmente innocenti.

Sono state individuate parecchie decine di possibili cause, tra di loro combinate, che possono essere ritenute responsabili di tanta aberrazione, tutte comunque riconducibili al binomio

miseria e superstizione

 

In questa sede ci limitiamo a riassumere le principali motivazioni storiche, generalmente condivise dagli autori, che hanno generato il momento scatenante della persecuzione, anche se nessuna di esse puo’, di per se’, giustificare il sacrificio di tante vite umane.

• La peste nera: originatasi in Asia (Crimea?) nel 1346, venne veicolata in Europa da navi commerciali genovesi, provenienti dalla Siria. Si diffonde prima in Sicilia e poi, tra il 1348 ed il 1352, aggredisce Italia, Francia, Spagna, Inghilterra e succesivamente tutto il resto dell’Europa centrale e la Scandinavia.

E’ un’epidemia terrificante che in un tempo estremamente breve uccide 25 milioni di individui nella sola Europa occidentale, cioe’ un terzo dell’intera popolazione. In alcuni territori la mortalita’ tocca punte del 75%.

Per qualche inspiegabile motivo colpisce piu’ gli uomini che le donne generando di conseguenza milioni di vedove sole e senza risorse.

(G. Boccaccio ci da’ una drammatica descrizione dell’infuriare della peste, a Firenze nel 1348).Rif.115

• La carestia. E’ una conseguenza diretta della peste; mancando le braccia necessarie al lavoro dei campi, molti terreni vengono abbandonati e ritornano allo stato selvatico. I prodotti dell’agricoltura diventano insufficienti a nutrire la popolazione superstite.

• La crisi economica. A partire dai primi anni del 1400, dovuta ad una serie prolungata di cattivi raccolti causati da condizioni climatiche particolarmente sfavorevoli (la piccola glaciazione dal 1560 al 1630).

• Inflazione. L’insufficienza dei raccolti obbliga sovente ad importare cereali da altri paesi senza l’esistenza di adeguate contropartite commerciali. Il denaro (oro, argento) diventa sempre piu’ scarso. A fronte di una offera di beni di prima necessità sempre più carente, la domanda resta costante e, in certe circostanze, tende a crescere.

• L’erosione dei salari intesa come riduzione del potere di acquisto dei salariati e della stragrande maggioranza della classe contadina.

• Tasse e decime: in relazione ai fattori precedenti non subiscono riduzioni significative e gravano sempre di piu’ sui lavoratori e sui piccoli proprietari terrieri. Sordi a tutte le istanze nobilta’ e clero continuano ad ingrassarsi e sono sempre piu’ esosi.

• La decadenza del papato. Indifferenza alla miseria di chi lavora; voracita’ e crapuleria del papato e dei prelati in generale. Alla fine queste cose si risanno e determinano una:

• Crisi religiosa in una buona parte dei credenti. Molti morti di fame cominciano ad avere dubbi su di un Dio che non si manifesta mai e li lascia nella disperazione, in balia della carestia e delle malattie.

• Ribellioni. In molte parti d’Europa gruppi di contadini cominciano ad insorgere contro condizioni di vita pressocche’ impossibili, mettendo in discussione l’autorita’ divina ed assoluta dei prìncipi e della chiesa. Si tratta di sommosse sempre locali, isolate e facilmente domate che pero’ non mancano di inquietare le autorita’ coinvolte. Malgrado si brucino villaggi e si impicchino contadini, lo stillicidio delle rivolte continua.

Infine a tutto cio’ si aggiunga, a partire dal 1520, la riforma luterana che, per quanto riguarda la persecuzione delle streghe, si dimostrera’ feroce almeno quanto quella cattolica, se non di piu’.

Occorre notare che nelle citta’ che si amministravano con forme democratiche o, piu’ frequentemente oligarchiche, esisteva pur sempre un’opposizione allo strapotere dei nobili e dei preti. Queste citta’, Italia centronord e Germania, sovente sfuggivano al controllo dei feudatari e a volte dei sovrani. E’ il caso della Repubblica di Genova, malgrado i terribili fatti di Triora, pur appartenente a questo territorio. Quando queste citta’ persero’ una parte del loro potere sulle campagne circostanti, la persecuzione aumento’ sensibilmente.

(Rif. 105)

 

 

§ 11 – CORRERE AI RIPARI

 

Incapaci di risolvere (o gestire al meglio) una crisi economica destinata a durare qualche secolo, governanti e chiesa volsero la loro attenzione ad alcuni aspetti che, se non governati, rischiavano di mettere in serio pericolo i loro privilegi e le loro prebende:

• la crisi religiosa

• le ribellioni contadine.

Per ricondurre le masse all’obbedienza ed alla passivita’ occorreva anzitutto asservire nuovamente le masse stesse alla cieca ed incondizionata superstizione religiosa cristiana.

Era necessario ricostruire la fede della gente in un Dio che brillava per la sua assenza e per la sua indifferenza alle umane miserie.

 

Fare un “restiling” di questo Dio un po’ opaco era comunque un compito difficile che avrebbe comportato implicazioni e sottigliezze teologiche che la gente con la pancia vuota avrebbe diffcilmente compreso.

Occorreva una soluzione piu’ immediata e facilmente comprensibile, anche se grossolana; pertanto la chiesa alla domanda:

perche’ Dio non vede e non provvede?

rispose subdolamente:

perche’ esiste un nemico potente che glie lo impedisce.

 

Risposta geniale che accollava al Diavolo ed ai suoi accoliti la responsabilita’ di tutto il male che affliggeva la terra e lo indicava come il vero nemico da combattere, con la fede e con il massacro dei suoi adepti.

 

L’uomo, per sua natura, ha bisogno di un nemico da combattere, o almeno contro cui sfogare la propria ira impotente; se non l’ha si sente inetto e svuotato, cosa che tutti i detentori del potere sanno benissimo.

In tutte le societa’ totalitarie e’ sempre stato necessario individuare un nemico interno, una quinta colonna, sulla quale infierire:

 

a) per sbarazzarsi di persone o categorie scomode

b) per dare un esempio a quelli che potrebbero avere da ridire.

c) per catalizzare il malcontento popolare verso una categoria esterna al regime, di modo che tutti se la prendano con costoro e la massa, che si sente minacciata da qualcosa, si affidi maggiormente al regime stesso.

 

Gli ebrei per i nazisti, i culachi ed i sabotatori per Stalin, i cittadini corrotti per Pol Pot possono essere considerati esempi moderni della caccia alle streghe. Si tratta solitamente di categorie inoffensive che pur non essendo nemiche possono però essere considerate fonte di imbarazzo e comodi capri espiatori.

Quanta gente si e’ sentita spiazzata dopo la caduta del comunismo ed il crollo del muro di Berlino?

Che altro ha fatto Hitler additando gli ebrei come i nemici naturali del Reich, fornendo ai crucchi un demone da combattere, distogliendo la loro attenzione da ben altri problemi?

 

Quindi, alla base della caccia alle streghe, al di la’ di qualsiasi contingenza inquisitoria, c’e’ stato sicuramente anche quel meccanismo di terrore che ritroviamo puntualmente in tutti i totalitarismi, in quanto la chiesa, (cattolici, protestanti, anglicani, ecc.) in ambito religioso, e’ un totalitarismo.

(Rif. 105)

Sino ad allora il Diavolo era stato per la maggior parte dei cristiani una figura un po’ vaga; qualcuno con cui fare eventualmente i conti se fosse capitato di passare nell’aldila’ senza il “nulla-osta” del prete. Ora il Diavolo stava diventando una cosa concreta, quasi tangibile, un nemico da tenere d’occhio e possibilmente da sconfiggere.

 

Astuti teologi si misero all’opera pescando nella Bibbia (dove si puo’ trovar di tutto) e

• sorvolando sul fatto che la scrittura afferma che Dio aveva a suo tempo incatenato il Diavolo nell’inferno per impedirgli di far del male;

• forti del conforto di san Tommaso il quale invece affermava che il Diavolo era libero di compiere qualsiasi misfatto;

• vagliando con un occhio attento e di riguardo tutto quello che gli scolastici avevano almanaccato in fatto di demonologia

fecero del Diavolo una figura dai contorni ben definiti, viva, quasi palpabile ed incombente. (v. § 15)

 

 

§ 12 – INDIVIDUARE I NEMICI

 

Era naturale che il Diavolo ed il suo esercito di demoni, per quanto dotati di buona volonta’, non potessero occuparsi materialmente di tutte le malefatte di questo basso mondo. Era quindi necessario e presumibile che il Diavolo disponesse anche di alleati terrestri incaricati di eseguire praticamente e puntualmente i suoi voleri.

 

Questo fu l’altro problema che i teologi dovettero affrontare: visto che il Diavolo era invincibile occorreva almeno individuare i suoi complici terreni per combatterli e distruggerli. Problema che, a dire il vero, i teologi misogini risolsero brillantemente concentrando la loro attenzione sulla donna, fonte di tutti i guai possibili ed immaginabili.

 

Prescindendo da facili ed alquanto scontate battute di spirito, i dotti difensori della fede sostennero la colpevolezza e la malvagita’ femminile con le seguenti “inconfutabili” argomentazioni:

• La donna e’ stata generata da una costola di Adamo che, com’e’ noto, e’ di forma ricurva e pertanto la donna e’ per sua natura imperfetta e contorta, sia nel fisico che nello spirito.

• Dall’affermazione precedente e’ facile dedurre quanto la donna sia costituzionalmente perfida, malvagia, infedele, fornicatrice, lussuriosa e menzognera, (impudico scrigno di malizia e di lussuria).

• La donna e’ in assoluto la colpevole del peccato originale essendo stata lei ad offrire la mela al povero Adamo e a indurlo in tentazione (benche’ sia stata creata solo dopo che Dio aveva avvertito Adamo di non mangiare il frutto proibito).

• La donna e’ un essere inferiore. Lo dice anche S.Paolo che, nella sua prima lettera a Timoteo 2,11-15, afferma “La donna impari in silenzio, con tutta sottomissione. Non concedo a nessuna donna di insegnare, ne di dettare legge all’uomo; piuttosto se ne stia in atteggiamento tranquillo. Perche’ prima e’ stato formato Adamo e poi Eva; e non fu Adamo ad essere ingannato, ma fu la donna che, ingannata, si rese colpevole di trasgressione. Essa potra’ essere salvata partorendo figli, a condizione di perseverare nella fede, nella carita’ e nella santificazione, con modestia.”

• La lussuria della donna e’ perniciosa e tale da indurre gli uomini ad atti abominevoli di incontinenza sessuale. L’incontinenza sessuale e’ il vizio preferito del Diavolo per cui la donna e’ naturalmente portata ad essere complice del demonio.

• La donna è la tentatrice in senso assoluto secondo l’atteggiamento misogino del clero in generale e dei monaci in paticolare, assurdamente relegati nei loro monasteri, ricettacoli di sfrenata omosessualità.

• Essendo infine il Diavolo il signore del male, solo da lui le streghe potevano ottenere i loro poteri, abiurando la santa fede.

Quanto sopra non esaurisce certo l’elenco delle dotte argomentazioni; il lettore puo’ trovare altre chicche del genere sui libri di riferimento e sui testi specializzati di § 14.

Si giunse anche ad argomentare se l’utero fosse un animale diabolico nascosto nel ventre femminile oppure una parte intima della natura malvagia della donna.

Quello che occorre sottolineare e’ che tali “apprezzamenti” aggiunti al fatto che alcune di queste donne praticavano la magia bianca e nera (osteggiate dalla chiesa), divennero fatali per la loro incolumita’.

 

Tornando coi piedi per terra, considerando le condizioni della societa’ di allora (§ 10) e tenuto conto che guaritrici, erbarie o presunte streghe erano ormai diventate un esercito di bocche da sfamare in un contesto di generale poverta’, quanto sopra interpretava un inconfessato desiderio di togliere di mezzo una notevole massa di concorrenti allo scarso cibo quotidiano. Questo almeno all’inizio della persecuzione finche’ non venne fiutato il “business”. (§22)

 

L’elemosina, chiesta con sempre maggiore insistenza da parte di queste infelici, cominciava a generare segni di insofferenza da parte dei donatori alle prese con i loro problemi quotidiani e, sovente, al rifiuto di elargire qualcosa corrispondeva una reazione disperata, a volte offensiva e minacciosa da parte delle questuanti.

 

Le streghe, o presunte tali, stavano diventando invise ai piu’ che inconsciamente desideravano liberarsene; questo atteggiamento divenne un terreno fertile per far accettare alle masse i massacri che ne seguirono e la loro “santa e ipocrita” e liberatoria giustificazione.

 

 

§ 13 – DEFINIRE LE COLPE

 

 

Per quanto forte fosse il desiderio di eliminare fisicamente gli individui che vivevano ai margini della societa'(streghe, maghi, omosessuali, ecc.), occorreva trovare delle solide motivazioni che giustificassero la strage di migliaia di persone ed, allo stesso tempo, fornissero una “copertura morale” (morale cristiana!) per salvaguardare quell’alone di fradicia “santita'” che ancora circondava la chiesa.

 

Per gli eretici la cosa era abbastanza facile, essendo in quanto tali ritenuti apostati, essi meritavano pienamente il rito purificatore del rogo, senza che qualcuno se ne scandalizzasse più di tanto.

Occorreva quindi che anche le streghe venissero definite eretiche ed apostate in quanto idolatre ed adoratrici del male, secondo quella definizione del male data dalla chiesa stessa e che aveva la sua massima espressione nel Diavolo. Venne così definito quel concetto di crimen exceptum (stregoneria ed eresia) che consentì ai giudici di disattendere alle più elementari norme di giustizia e di equità.

 

Teologi senza scrupoli, giuristi sadici e filosofi scalzacani si misero al lavoro per attribuire alle presunte streghe quelle colpe necessarie e sufficienti per giustificare il loro ammazzamento senza scrupoli ed il rogo.

Fu un lavoro sistematico, incessante, scrupoloso e ben riuscito che viene qui brevemente riassunto:

• I primi spunti furono probabilmente forniti dalla Bibbia:

o “Non lascierai vivere chi pratica la magia”. (Bibbia Ebr.- Esodo 22,17)

o “Quelli che non credono in me saranno gettati via come rami secchi. Gli uomini li raccatteranno e li getteranno nel fuoco e saranno bruciati”. (Giovanni 15,16)

• Vennero attribuiti al Diavolo poteri malefici straordinari sino a considerarlo come un contro-tipo del Dio cristiano (ricadendo in parte nell’eresia dualista manichea).

In un secondo tempo Calvino ed alcuni scolastici stabilirono, assai stranamente, che il Diavolo puo’ agire solo col permesso di Dio, del quale e’ servo ed esecutore; questo pero’ non impedi’ di proseguire le persecuzioni.

• Non puo’ esistere strega che non sia vincolata da un patto col Diavolo.

• E’ un eretico chi non crede all’opera malefica delle streghe ed al patto demoniaco.

• Vincolate dal patto col Diavolo, e con la sua assistenza, le streghe possono eseguire i piu’ atroci misfatti, come quelli riportati nel seguente campionario:

o uccidere e divorare i propri figli e quelli degli altri

o trasformarsi in gufi o in gatti neri ed introdursi di notte nelle case per rapire, uccidere, estrarre le viscere, succhiare il sangue e divorare i neonati non ancora battezzati (sciocchezze riprese da antiche credenze mitologiche)

o distillare unguenti ed essenze malefiche come quelle della peste e del colera e diffonderle ungendo le porte delle loro vittime; cosa volentieri attribuita agli untori ebrei

o distillare e propinare veleni mortali (si dice che chi puo’ guarire puo’ anche uccidere)

o costruire specchi magici che rispondono alle loro malvagie domande

o disegnare cerchi entro cui invocano il demonio per adorarlo e per offrirgli sacrifici

o evocare qualche demone particolare, imprigionarlo in una bottiglia ed utilizzarlo come coadiutore delle loro arti malefiche

o con l’aiuto del Diavolo possono trovare cose e tesori nascosti

o operare malefici sugli uomini onesti:

? spingendoli a dissolutezze sessuali

? tramutandoli in bestie

? asportando il loro membro virile

? provocando con malefici la loro sterilita’

• copulare col Diavolo, sopratutto dopo la menopausa, perche’ il loro corpo necessita e brama continuamente il liquido seminale del demonio

• possono provocare tempeste e grandine, distruggendo i raccolti

• possono causare naufragi

• praticano atti blasfemi profanando la santa religione

• operano la metamorfosi su se stesse trasformandosi in cani, lupi, lupi mannari, caproni, pipistrelli, asini, corvi, gufi, ecc.

 

 

• volano di notte a cavallo di scope, bastoni o animali per recarsi al sabba o a compiere malefici in localita’ remote

• partecipano a riunioni notturne con altre streghe e ai sabba periodici.

Quanto sopra e’ piu’ che sufficiente per mettere in evidenza la folle stupidita’ e la protervia dei pruriginosi autori di § 14 che, senza accorgersene, sono essi stessi caduti nell’eresia attribuendo ad esseri umani, in carne ed ossa, dei poteri e delle facolta’ che nel mondo pagano erano pertinenza di dei o semidei.

 

Quelle che invece non sono mai state analizzate e studiate a fondo sono le motivazioni incoffessate ed inconfessabili quali:

• eliminare dal contesto sociale persone scomode aliene alle regoli “morali” imposte dalla chiesa

• proiettare e punire sugli altri la innaturale continenza sessuale che devastava il clero-misogino-represso ed i suoi accoliti, trasferendo sulle streghe quei sensi di colpa (e di invidia) provocati dalle loro stesse ed assurde regole di vita

• trasformare persone indifese in capri espiatori di molte delle disgrazie legate al quotidiano

• risolvere indirettamente conflitti di interesse o di insofferenza fra comunita’ rurali confinanti

• stornare l’attenzione della comunita’ dai problemi piu’ gravi ed insoluti concentrandola sulla persecuzione di povere vittime

• additare uno o piu’ colpevoli da sacrificare quando le preghiere, le messe, le benedizioni e le processioni non servivano ad evitare disastrose manifestazioni meteo che distruggevano i raccolti

• ricondurre in definitiva i dubbiosi e i ribelli sotto il controllo della chiesa, attribuendo alle forze del male tutte le disgrazie e gli affanni di una societa’ in sfacelo.

La chiesa e la societa’ contemporanea rinverdirono il concetto di “capro espiatorio”, mutuato dagli antichi egizi e dagli ebrei, e ne fecero una soluzione di comodo per quegli eventi che allora sembravano inspiegabili.

 

Solo in un secondo tempo, con i “processi concatenati”, la caccia delle streghe si trasformo’ in un business di tutto rispetto che diede origine ad un colossale trasferimento di ricchezza a favore del clero e di una magistratura asservita, incompetente e corrotta.

 

 

§ 14 – TEORICI DELLO STERMINIO – (I CORVI)

 

Quello che segue e’ un elenco parziale degli scritti e delle opere che hanno contribuito a trasformare la figura innocua della strega antica in una creatura perversa e demoniaca, da perseguire ed annientare con fanatica determinazione.

L’assunto di tutti questi capolavori e’ uno solo, concorde:

in nome di Dio, massacrate!

 

Tra la meta’ del 1300 e la fine del 1600 di opere simili a queste se ne contavano a centinaia.

 

 

 

REGINONE DI PRÜM – Vescovo e legiferatore canonico.

Anno 906 – LIBER DE SYNODALIBUS CAUSIS ET DISCIPLINIS

ECCLESIASTICIS

.

 

BURCARDO DI WORMS – Vescovo e legiferatore canonico.

Anno 1006 – CORRECTOR ET MEDICUS

Anno 1025 – DECRETA

A quei tempi erano i testi fondamentali di riferimento per le punizioni da infliggere a coloro che praticavano la magia e per quelli che si lasciavano attirare da tali pratiche. Si trattava di punizioni e penitenze abbastanza leggere che, col tempo, furono pesantemente aggravate.

.

GREGORIO IX – Pontefice.

Anno 1233 – VOX IN ROMA

Bolla pontificia che istituisce l’istituto della “santa inquisizione”.

.

 

INNOCENZO IV – Pontefice.

Anno 1252 – AD EXTIRPANDA

Bolla pontificia che prevedeva ed autorizzava gli inquisitori ad applicare la tortura sugli indagati.

.

 

GIOVANNI XXII – Pontefice.

Anno 1320 – SUPER ILLIUS SPECULA

Bolla pontificia per la sistematica definizione dei reati di magia e la regolamentazione delle pene previste.

Questo papa indossava costantemente un “talismano”, donatogli dalla contessa Margherita di Foix, che lo proteggeva da eventuali cibi avvelenati, cosa assai frequente alla corte papale.

.

 

BERNARDO GUI – Teologo e inquisitore.

Anno(1320) – PRACTICA INQUISITIONIS HAERETICAE ET PRAVITATIS

Tra altre cose, sulla pratica delle invocazioni demoniache, estende l’accusa di stregoneria anche a coloro che eseguivano la raccolta delle erbe officinali.

.

 

UNIVERSITA PARIGI – Facolta’ di teologia.

Anno 1328 – VENTINOVE ARTICOLI SULLA STREGONERIA

Questi articoli definiscono “giuridicamente” il reato di stregoneria distinguendolo in due tipi: la stregoneria naturale e la stregoneria eretica. Si stabilisce che la stregoneria eretica e’ strettamente legata ad un patto demoniaco.

* * * * *

In seguito altre universita’ contribuiranno alla definizione della teoria demonologica, sia mediante scritti, sia con risposte dirette ai quesiti che a volte i magistrati ponevano. Tutto cio’ contribui’ ad assicurare un supporto “giuridico” che scaricava la coscienza dei giudici fornendo comode giustificazioni al loro operato.

NICOLAU EYMERICH – Frate Domenicano, Inquisitore.

Anno 1376 – DIRECTORIUM INQUISITORUM

(V. Appendice)

 

CLAUDE THOLOSAN – Giudice del Delfinato per processi di stregoneria.

Anno 1436 – UT MAGORUM ET MALEFICORUM ERRORES

 

JOHANNES NIDER – Domenicano, teologo ed inquisitore.

Anno 1457 – FORMICARIUS

 

JEAN VINETI – Teologo ed inquisitore di Carcassonne.

Anno 1450 – TRACTATUS CONTRA DAEMONUM INVOCATORES

Distingue la streghe in due categorie: quelle antiche, gia’ trattate nel Canon Episcopi, e quelle dei suoi tempi, giudicate particolarmente pericolose perche’ appartenenti ad una oscura setta demonolatrica. Mentre per quelle antiche (ormai inesistenti) propone una blanda punizione (penitenza), per quelle moderne prevede la pena di morte, al fine di legittimare tutto l’apparato inquisitorio e i relativi proventi.

 

NICOLO’ V – Pontefice.

Anno 1451 – CONTRA SACRILEGOS ET DIVINATORES

Bolla speciale destinata all’inquisitore generale delle Fiandre ed ai suoi accoliti con esplicita esortazione ad agire con decisione contro i nemici sacrileghi del cristianesimo.

 

NICOLAS JACQUIER – Teologo.

Anno 1458 – FLAGELLUM HAERETICORUM FASCINARIORUM

Definisce le streghe come una setta demoniaca che si e’ opposta ed ha combattuto l’autorita’ della chiesa sin dai primordi.

 

SISTO IV – Pontefice.

Anno 1475 – BOLLA PAPALE

Conferma e ribadisce quanto gia’ disposto dai suoi predecessori.

 

INNOCENZO VIII – Pontefice.

Anno 1484 – SUMMIS DESIDERANTES

Bolla che convalida in anticipo l’opera di due scrittori, Sprenger e Kramer, i quali si accingevano a pubblicare le loro nuova opera (Malleus Maleficarum).

 

BERNARDO RATEGNO – Domenicano Inquisitore

Anno 1485 – LUCERNA INQUISITORUM HAERETICAE PRAVITATIS

Manuale per la persecuzione delle streghe nel territorio comasco.

 

SPRENGER E KRÄMER – Jacob Sprenger, professore di teologia a Colonia e inquisitore per la regione renana.

Heinrich von Krämer (detto Institor-Institoris), gia’ allora ritenuto affetto da turbe psichiche; teologo e inquisitore per la Germania meridionale.

Anno 1486 – MALLEUS MALEFICARUM

Questo testo convalidato dalla precedente bolla Summis Desiderantes, ha avuto 29 edizioni ed e’ stato tradotto dal latino in italiano, francese e tedesco.

E’ una delle opere piu’ ignobili mai prodotta sotto l’egida della chiesa. Rappresenta la massima espressione dell’ignoranza umana, della perversione, del cieco fanatismo e di una misoginia spinta all’estremo limite; tanto da affermare, in maniera assoluta ed inequivocabile, il legame intercorrente tra il sesso femminile ed il demonio.

Per queste sue “qualita” il testo e’ diventato la base ed il riferimento di altri scritti analoghi succedutisi nel tempo, tipo: “Summa Contra Maleficas” ed altri simili.

 

ULRICH VON MÜLLER – (Detto Molitoris). Dottore in Diritto Canonico e procuratore a Costanza.

Anno 1489 – DE LAMIIS ET PYTHONICIS MULIERIBUS

Trattato di teorie stregonesche.

 

PIERRE MAMORIS – Teologo ed inquisitore.

Anno 1490 – FLAGELLUM MALEFICARUM

Il testo contiene la prima completa definizione del concetto di “sabba”.

 

ULRICH TENGLER – Governatore di Hochstadt.

Anno 1510 – LAYENSPIEGEL

 

SILVESTRO MAZZOLINI – Domenicano, detto anche Prierias.

Anno 1514 – SUMMA SUMMARUM

E’ una specie di dizionario teologico.

Anno 1520 – DE STRIGIMAGARUM DAEMONUNQUE MIRANDIS

Distingue tra le streghe frequentatrici del sabba e quelle, meno pericolose, che partecipano al “Corteo di Diana”.

 

PAULUS GRILLANDUS – Magistrato pontificio.

Anno 1524 – TRACTATUS DE HAERETICIS ET SORTILEGIIS

 

JEAN BODIN – Inquisitore.

Anno 1586 – DE LA DEMONOMANIE DES SORCIERES

. Giurista di fama, nel suo trattato nega che alle streghe possano essere applicate le abituali norme processuali.

Stabilisce che un bambino di tre anni, appena in grado di parlare, possa accusare i propri genitori di stregoneria.

Stabilisce inoltre che le streghe debbano essere bruciate vive ma a “fuoco lento”.

 

GIACOMO VI-GIACOMO I – James Stuart: re di Scozia e, dal 1601, re d’Inghilterra.

Anno 1590 – DAEMONOLOGIE

 

NICOLAS REMY – Procuratore della Lorena, al soldo del duca Carlo III. Si vantava di aver fatto condannare 800 streghe in 16 anni.

E’ una vocazione che Remy aveva sentito sin dall’infanzia quando, mentre giocava per le strade di Tolosa, “il Diavolo si divertiva come un matto a tirargli delle pietre nelle gambe”.

Anno 1595 – DEMONOLATREIAE

 

MARTIN ANTON DEL RIO – Inquisitore.

Anno 1600 – DISQUISITIONUM MAGICARUM – LIBRI SEX

Questo lavoro e’ stato ristampato ben 20 volte. E’ un vero e proprio vademecum di stregoneria. Un manuale enciclopedico di uso pratico per il “perfetto inquisitore”.

 

HENRI BOGUET – Giudice in Borgogna.

Anno 1602 – DISCOURS DES SORCIERES

Questo testo ha avuto 8 edizioni.

 

FRANC.MARIA GUAZZO – Francescano e Inquisitore.

Anno 1608 – COMPENDIUM MALEFICARUM

L’autore ha inserito nel testo numerose xilografie per meglio illustrare i suoi concetti: seduzione della strega, bacio del culo, ecc.

 

PIERRE DE LANCRE – Giudice nei Paesi Baschi.

Anno 1612 – TABLEAU DE L’INCONSTANCE DES MAUVAIS ANGES ET DEMONS

Dotato di illustrazioni esplicative.

 

WILLIAM PERKINS – Inglese di confessione puritana.

Anno 1613 – DISCOURSE OF THE DAMNES ART OF WITCHCRAFT

 

CRISTIANO IV – Re di Danimarca.

Anno 1617 – ORDINANZA SPECIALE CONTRO LA STREGONERIA

Pur non essendo un testo specifico ha avuto un peso notevole nello scatenare numerosi processi contro sospetti di stregoneria, a Copenhagen ed Elsinore.

 

BENEDIKT CARPZOV – Inquisitore e giurista luterano.

Anno 1635 – PRACTICA NOVA INPERIALIS SAXONICA RERUM CRIMINALIUM

Raccolta di sentenze esemplari della Corte di Lipsia, ristampata 9 volte.

 

TRIB. INQUISIZIONE – Tribunale dell’inquisizione di Bologna.

Anno 1679 – SACRO ARSENALE

Manuale in uso presso il tribunale per individuare e processare le streghe.

 

JOSEPH GLANVIL – Rettore della Abbey Church di Bath (Inghilterra).

Anno 1681 – SADDUCISMUS TRIUMPHATUS

 

AUTORI VARI – Generalmente teologi, magistrati e inquisitori.

Anno **** – MANUALI PRATICI PROCESSUALI

Durante i tre secoli in cui duro’ il genocidio delle streghe, gli inquisitori seppero organizzarsi per una sempre piu’ spedita celebrazione dei processi.

Ai primi “manuali ufficiali” vennero ben presto ad aggiungersi i “manuali personali” che ciascun giudice compilava annotando caratteristiche, particolarita’, andamento del processo e relativa sentenza. In un secondo tempo tali manuali passavano di mano, affidati a nuovi giudici e ulteriormente aggiornati.

Venne, col tempo, a costituirsi un corpus giuridico, in grado di dirimere ogni dubbio procedurale, ricco di molteplici informazioni pratiche sulla natura del Diavolo, sulla ricerca del marchio satanico, su metodi e misura nell’applicazione della tortura, sulle modalita’ di esecuzione delle sentenze, ecc.

Alcuni di questi manuali contenevano anche suggerimenti per questionari gia’ predisposti per l’interrogatorio delle vittime; tanto per non dimenticare l’essenziale!

 

 

 

 

§ 15 – IDENTIKIT DEL DIAVOLO

 

Il Diavolo (Satana) è stato un tipico prodotto dell’assurda e dequalificante contro-cultura del clero cristiano medioevale. Questa e’ pertanto una ricostruzione dell’immagine del Diavolo fatta sulla base delle baggianate contenute nei testi di alcuni dei “Corvi” elencati al § 14.

Come aspetto fisico è stato definito:

• figura genericamente antropomorfa

• colore grigio-nero, nero o nerissimo

• ali membranate (tipo pipistrello)

• barba di tipo caprino

• ha un solo dente di cui si serve per marchiare le streghe (non tutti gli autori concordano)

• cervice dotata di grandi e robuste corna

• piedi forcuti

• pelle grinzosa

• dotato di lunga coda con terminale peloso o forcuto

• dotato di grandi mammelle

• privo di circolazione sanguigna sostituita da acqua congelata

• organo sessuale con le seguenti caratteristiche:

o straordinariamente grande e lungo

o pesantissimo

o fatto in parte di ferro e in parte di carne e rivestito con scaglie di materiale corneo

o costantemente in posizione eretta ed in bellavista

o temperatura gelida

o emissione di sperma freddo come il ghiaccio.

Solitamente si presenta nudo. Quando pero’ tenta di circuire o ingannare qualcuno ricorre a vari mascheramenti come, ad esempio:

• assume le sembianze di un bellissimo giovane

• sempre elegantemente vestito

• dotato di calzature o stivali per nascondere i piedi forcuti.

Comunque, anche se mascherato, e’ facile avvertire la sua presenza in quanto puzza di zolfo.

Bisogna poi stare molto attenti perche’ puo’ penetrare, sotto forma di bestie immonde, nel corpo di una persona (preferibilmente donna) generando una terribile possessione demoniaca, o privando istantaneamente un uomo dell’organo maschile.

 

Analogamente a quanto gia’ fatto dalla chiesa in precedenza nella definizione della gerarchia angelica, che comprende entita’ che vanno dagli arcangeli ai ….cherubini, anche il Diavolo ha a sua disposizione una gerarchia di entita’ infernali, con compiti specifici e ben definiti.

Evitiamo quindi certe confusioni!

Il nome proprio del Diavolo e’ SATANA; altri nomi usati impropriamente e con i quali si tende a confondere le idee, sono pertinenza di demoni, piu’ o meno importanti e con compiti particolari, agli ordini ed alle strette dipendenze del Diavolo; si intende qui’ parlare di:

• Asmodeo

• Astarotte

• Baal

• Baphomet

• Behemoth

• Belfagor

• Belial

• Belzebu’

• Berlicche

• Iblis

• Leviatano

• Lucifero

• Malcommetto

• Mammone/a

• Manometto

• Mefistofele

• Messer Gaio

• Messer Leonardo

• Principe delle tenebre

• Salvanello

• Tizia

• ecc.

• ecc.

Oltre ai detti personaggi, che vanno per la maggiore, esite poi il grande esercito dei demoni non qualificati (la bassa truppa), che qualche genio ha preteso di contare e quantificare. Rammentiamo qui’ alcuni di questi geniali ed impegnati studiosi:

• il teologo spagnolo Alfonso Lopez De La Spina ne ha contati 133.306.668

• il teologo Sigmund Feyerabend, nel 1569, era gia’ arrivato a 26 miliardi

• altri ignoti volenterosi non si sono spinti oltre i 6.700.000.

Particolarmente importanti, per quel che riguarda la cerimonia del sabba, sono i demoni “incúbi e succúbi”, che i “corvi” di § 14 si sono affrettati ad inventare a naturale completamento delle loro idiozie. Pertanto, tra i partecipanti al sabba:

• i demoni incúbi rappresentano una particolare gratificazione fatta dal Diavolo alle streghe: essi avevano il compito di soddisfare i desideri sessuali delle partecipanti con un coito di natura “glaciale”;

• analogamente i demoni succúbi dovevano assogettarsi alle voglie di eventuali partecipanti di genere maschile.

Alcuni teologi, esperti demonologi, hanno sostenuto che l’Inferno sia organizzato come una struttura/sistema feudale del quale e’ capo un Imperatore (Satana), a cui sono sottoposti:

• sette re (Asmoneo, Astarotte, Baal, ecc.)

• una ventina di duchi

• dieci marchesi

• undici conti

• e alcuni presidenti

Altri invece sostengono l’esistenza di una “Corte Infernale”, dove l’Anticristo sarebbe il buffone di corte e Mammone il tesoriere; esisterebbero poi coppieri, siniscalchi, panettieri, ecc.

Altri ancora danno per certo che l’Inferno e’ strutturato come un esercito con tanto di generali, colonnelli, capitani, marescialli, ecc. a capo di legioni di diavolacci brutti e cattivi.

 

La demonologia era rimasta a lungo poco studiata in ambiente europeo (mentre nel Vicino Oriente era stata oggetto di studio da parte di manichei, zoroastriani, iazidi, gnostici, sufi, ecc.). Solo in epoca piu’ tarda inizio’ a svilupparsi anche da noi un “catalogo” di diavoli – e poi anche di angeli – con relativi attributi ed inquadramento gerarchico (re, principi, generali dell’Inferno, ecc.) Tant’e’ che, mentre nel ‘300 Dante dovette inventarsi i nomi dei diavoli e degli angeli, nel corso del ‘500, sia a seguito del neoplatonismo e di contatti con la Cabala, (a sua volta in sviluppo) sia a seguito del maggiore interesse causato dai processi alle streghe, inizio’ a svilupparsi quella cultura delle potenze celesti ed infernali che sfocio’ nei trattati di demonologia del ‘600 e dei secoli successivi.

(Rif. 105)

 

§ 16 – LA RICERCA DEL CONSENSO

 

Reinventare il Diavolo e demonizzare streghe e guaritrici non sarebbero stati comunque elementi sufficienti per convincere anche i piu’ sprovveduti non solo ad accettare il massacro che si stava prospettando ma anche a farlo ritenere “opera santa” finalizzata a salvare l’unica vera fede e la santa e proterva madre chiesa.

 

Era necessario che quel vago timore, da sempre nutrito dalla gente nei confronti della strega, si tramutasse in terrore e in odio furibondo. Per ammazzare impunemente le streghe occorreva che la massa credesse ciecamente nei poteri demoniaci delle streghe stesse.

 

Il clero si mise quindi alacremente all’opera per realizzare un colossale lavaggio del cervello, ricorrendo a molti artifici e indicando dal pulpito la strega come unica fonte di tutti i mali che affliggevano la societa’. Tra le tante iniziative:

• venne imposta la lettura in chiesa delle accuse e delle sentenze di condanna delle streghe

• la stessa lettura veniva eseguita in pubblico poco prima dell’esecuzione

• si tenevano martellanti prediche contro la stregoneria durante i processi e prima dell’esecuzione

• si organizzavano turni di preghiera collettiva

• si tenevano sermoni di natura tale da indurre gli stessi fedeli a “vigilare” e a individuare possibili streghe nell’ambito della propria famiglia e tra i conoscenti e chi non collaborava era minacciato di scomunica

• le sedi dei processi furono trasferite in citta’, o in grossi borghi, e le esecuzioni fissate nei giorni festivi per favorire la massima affluenza del pubblico (prima si ascolta la messa e poi si assiste al rogo!)

• molti preti divennero famosi per lo zelo con cui individuavano e deferivano all’inquisizione i presunti colpevoli di stregoneria (regione del Cambresis)

• in alcune parrocchie gli inquisitori affissero delle lettere e dei bandi sollecitando categoricamente la delazione da parte dei fedeli (Franca Contea, 1657)

• catechismo e prediche contribuirono a diffondere quei concetti di:

o patto col Diavolo

o sabba

che la massa ancora ignorava

• il clero sviluppo’ ed alimento’ un assurdo sentimento repressivo nei confronti della sessualita’ in generale ritenendola di per se stessa, atto ispirato dal demonio ed, in qualche occasione, riconducibile ad atto di vera e propria stregoneria.

Prima la chiesa cattolica e poi quella riformata definirono quindi in maniera assurdamente teorica un concetto di stregoneria sino ad allora sconosciuto e lo imposero ad una societa’ ignorante ed asservita per togliere di mezzo quelli che ritenevano in definitiva, potenziali nemici e concorrenti ai loro interessi di bottega.

 

Era inammissibile che una strega riuscisse a curare, con i suoi preparati, dei malanni sui quali preghiere e benedizioni non avevano avuto effetto!!

 

Un altro fattore che contribui’ a portare la persecuzione a livelli allucinanti fu l’adozione, in quasi tutta l’Europa, del sistema giuridico inquisitorio.

Ancora oggi, in qualche paese della Lunigiana, sono visibili, sopra gli ingressi delle case, strane sculture (faccioni) a suo tempo disposte per tenere lontane le streghe e/o gli spiriti demoniaci.

 

§ 17 – SISTEMA INQUISITORIO

 

Affermatosi lentamente in tutta Europa (salvo poche eccezioni), nel corso del 1200-1300, questo sistema fu “la manna caduta dal cielo” per tutti gli inquisitori e permise loro, restando impuniti, di esercitare ogni genere di barbarie.

Questo sistema, eliminando la responsabilita’ diretta del denunciante, delegava il compito di sostenere l’accusa al magistrato che poteva agire e disporre, indisturbato e protetto dalla chiesa e dal sistema, sia sulla base di “soffiate” di anonimi delatori, sia agendo personalmente sulla base di sue personali e prevenute “sensazioni”.

 

Il sistema inquisitorio prima e l’adozione della tortura quasi subito dopo, facilitarono enormemente e misero nelle mani degli inquisitori un’arma potentissima ed incontrollabile. Le raccomandazioni di moderazione nell’uso di questi strumenti, da parte di principi e governanti illuminati, caddero quasi sempre nel vuoto.

 

Eliminata la responsabilita’ diretta dei delatori anonimi e quindi protetti da possibili ritorsioni, una miriade di individui si senti’ in dovere di denunciare per motivi di vendetta, invidia, rivalsa, illeciti guadagni ed altri bassi istinti, persone innocenti trascinate in processi di stregoneria dai quali si usciva, nella maggior parte dei casi, per la via del rogo.

Le garanzie per l’imputato vennero totalmente cancellate; pochissimi di essi potevano permettersi un difensore che in pratica era impotente contro il sistema. Era sufficiente la dichiarazione di due testimoni dell’accusa e la confessione strappata con la tortura per essere mandati a morte.

 

Per quanto riguarda i tribunali interessati essi si possono ripartire in due categorie:

• tribunali ecclesiastici (inquisizione in senso stretto) che avevano il compito di individuare e smascherare i delitti di stregoneria, formulare le accuse e poi consegnare l’imputato ai tribunali laici (secolari) per lo svolgimento del processo (il lavoro sporco).

Questo per un motivo tanto semplice quanto ipocrita: il prete e’ ministro di Dio in terra e quindi “santo e buono” per definizione; pertanto il prete non puo’ esercitare atti di violenza su nessuno, streghe comprese

• tribunali secolari (magistratura ordinaria) che, alla pari dei tribunali ecclesiastici, potevano individuare, arrestare e condurre il processo dei presunti colpevoli (con il beneplacito degli inquisitori), facendosi carico anche del “lavoro sporco” che la chiesa ipocritamente rifiutava: tortura, esecuzione, ecc.

 

In alcuni di questi tribunali, a volte ma non sempre, era prevista la presenza di una giuria popolare laica che aveva il compito di emettere il verdetto finale.

 

Occorre ora una precisazione importante.

In determinate circostanze, quando l’accusato era persona ricca ed influente (e quindi poteva permetterselo) era ammessa la presenza di un avvocato difensore che, se in sede processuale, ben poco poteva contro la furia cieca ed ottusa degli inquisitori locali, diventava importante in seguito per il ricorso in appello contro la sentenza, in quegli stati ove era prevista una Corte Suprema alla quale appellarsi.

E’ necessario rammentare che, all’epoca della caccia alle streghe, l’ Europa era frammentata in una congerie di staterelli (piccoli regni, ducati, principati, ecc.) molti dei quali non prevedevano gradi di magistratura superiore, quali i 9 Parlaments francesi, Corti Imperiali d’Appello ed altre strutture del genere che non sempre esistevano o erano operanti.

Tutto questo spiega, almeno in parte, il divario riscontrato tra i processi istruiti e le esecuzioni eseguite (dal 50 al 90% dei processi).

 

Entrambe le strutture partivano dal presupposto che:

l’accusato era colpevole sino a dimostrazione del contrario.

 

Se era innocente sarebbe stato certamente protetto da dio e quindi in grado di sopportare qualsiasi angheria, compresa la tortura. Altro presupposto importante sanciva che se durante il processo:

- l’accusata taceva era un segno palese che il Diavolo la sosteneva

- l’accusata parlava per negare e difendersi allora si dava per scontata la sua complicita’ col Diavolo.

 

Un particolare va notato: molti processi vennero attivati a seguito di specifiche denunce di soggetti che, “in buona fede”, ritenevano di essere stati vittime e danneggiati da qualche sortilegio (la perdita del raccolto per una grandinata, la moria del bestiame ed altro). In questi casi i tribunali non ebbero esitazioni a ritenere la presunta strega colpevole del maleficio, ma nessuno di essi stabili’ una quota di “risarcimento danni” a favore dei denuncianti. Tutto cio’ che si poteva carpire alla vittima, mediante il sequestro dei beni, finiva invariabilmente nelle tasche dei magistrati e dell’inquisizione.

 

 

§ 18 – IL PROCESSO

 

Riportiamo di seguito le fasi sequenziali piu’ importanti attraverso le quali si svolgeva un processo di stregoneria con il sistema inquisitorio. La sequenza e’ quella che si puo’ ricavare dall’esame degli atti processuali esistenti e dalle indicazioni riportate sui manuali citati nel § 14.

Non e’ detto che questa sequenza fosse sempre rispettata; alcune fasi potevano essere omesse ed alcune altre reiterate. Comunque questo e’ l’iter piu’ logico e completo comunemente accertato.

 

La tendenza a spettacolarizzare il processo era molto marcata; si cercava di dare il massimo di pubblicita’ al dibattito e a protrarlo nel tempo (sopratutto se l’accusato era benestante).

Un’altra caratteristica era quella di annotare e verbalizzare ogni atto, dichiarazione o evento processuale con estrema pignoleria; questo ha consentito agli storici di ricostruire, con molta precisione, lo svolgimento di alcuni processi molto significativi.

Normalmente la verbalizzazione degli atti processuali veniva affidata ad un notaio patentato.

 

 

§ 18.1 – IL PROCESSO: SOSPETTI ED ACCUSE

 

Nel periodo di massimo furore persecutorio delle streghe, essere accusati di aver fatto un patto col Diavolo e praticare malefici era una cosa facilissima, specie nelle campagne, nell’ambito di piccoli miserabili villaggi.

Erano necessarie alcune condizioni, assai frequenti nel contesto sociale in cui era maturata questa follia:

• essere donna

• essere sola ed indipendente

• vivere miseramente ai margini della societa’

• vivere di elemosina, sovente richiesta con insistenza.

In alcuni casi, e senza altre motivazioni, il sussistere di una o alcune di queste condizioni fu piu’ che sufficiente per provocare l’arresto “d’ufficio” ed avviare il processo per stregoneria.

Molte di queste persone, pur essendo delle miserabili, venivano arrestate come “esca” da cui ottenere, con la tortura, i nomi di altre persone, presunte complici, economicamente piu’ dotate e quindi in grado di arricchire, con successivi processi, i magistrati, il clero e tutti gli altri appartenenti all’apparato giudiziario.

 

In altri casi invece la vittima veniva accusata da testimoni di comodo, ai quali era garantito l’anonimato ed una adeguata ricompensa, disposti a giurare il falso su fatti e circostanze che oggi possono apparire come dementi.

Quello che segue e’ un campionario, ovviamente incompleto di circostanze e di atti anche innocenti che potevano aprire la strada verso il rogo:

• non praticare alcuna religione

• non andare regolarmente in chiesa

• non rispettare il riposo domenicale

• avere pronunciato qualche bestemmia

• fornicare e prostituirsi

• essere sospetti di adulterio

• aver abortito o aiutato ad abortire

• accennare qualche passo di danza in prossimita’ o attorno ad un fuoco, sole o in compagnia

• possedere un rosario privo della relativa crocetta

• tenere in grembo, accarezzare e/o nutrire un gatto nero (§31 – Gatti e

demoni) • pronunciare preghiere o fare atti di devozione in chiese in rovina e sconsacrate

• tenere in casa un galletto nero

• raccogliere erbe e radici durante la festa di S. Antonio

• raccogliere erbe e radici genuflessi verso oriente

• essere omosessuali

• aver curato con pozioni o unguenti un infermo che poi era morto

• praticare in genere l’arte di curare con le erbe

• aver pronunciato, nel corso di un litigio, parole oscure ritenute maledizioni in grado di procurare il “malocchio” e la “malasorte”

• essere figlia/figlio di donna gia’ condannata per stregoneria

• avere inveito e/o minacciato qualcuno che aveva rifiutato l’elemosina.

Questo e’ dunque un campionario delle banalita’ che, se opportunamente testimoniate da qualcuno, potevano provocare l’arresto ed il processo.

Era sufficiente che in qualche sperduto villaggio accadesse qualcosa di insolito come:

una qualsiasi disgrazia, una grandinata, la morte improvvisa di una persona, una malattia, un incendio, un furto, un naufragio, un infortunio ad un bimbo, la morte repentina di una vacca malnutrita

che subito il fatto veniva collegato all’opera malefica di una qualche mendicante brontolona passata, alcuni giorni prima, a chiedere l’elemosina o a qualche vicina/o particolarmente indisponente, di cui si desiderava liberarsi.

 

In altri casi le accuse erano piu’ specifiche e tali da lasciare intendere come la scusa della stregoneria fosse sovente un comodo mezzo per dirimere questioni familiari, politiche o per togliere dai piedi presenze fastidiose ed indesiderate.

Molte madri di famiglia dispotiche ed autoritarie verso il marito o i figli adulti, furono accusate di stregoneria dai loro stessi congiunti e tolte di mezzo.

Se poi una donna sola era ricca ed esercitava una qualche influenza nell’ambito della comunita’ locale, un’accusa di stregoneria ben congegnata consentiva a lontani parenti e ai magistrati di appropriarsi e spartirsi il patrimonio senza tanti problemi di successione.

Per inciso, Giovanna d’Arco fini’ sul rogo non solo per motivi politici, insufficienti ad una tale condanna, ma in quanto accusata anche di essere strega ed aver eseguito riti pagani danzando intorno al grande faggio magico di Domrémy ed averne adornato i rami con ghirlande di fiori; se si fosse trattato solo di delitto politico o di tradimento avrebbe dovuto essere decapitata o strangolata.

 

Nei paesi originariamente celtici le sacerdotesse del culto locale (druidesse), man mano che l’invasione cristiana procedeva, vennero dichiarate streghe per definizione. Pur non potendo essere accusate di aver fatto un patto col Diavolo, le druidesse erano invise al clero in quanto concorrenti della bottega cristiana e, sopratutto perche’, pur essendo donne esercitavano funzioni sacerdotali; cosa assolutamente inconcepibile all’assurda misoginia dei sacerdoti cristiani.

 

La strega era, nella maggior parte dei casi, persona indigente e miserabile che vivacchiava con la raccolta dei frutti spontanei che la natura offriva e di elemosine sovente negate. Nelle campagne dove l’assistenza medica era sconosciuta (e persino impensabile), la strega cercava di trarre sostentamento sfruttando quelle nozioni che le erano state tramandate, preparando rimedi a base di erbe da vendere o scambiare con cibo con quanti erano nella necessita’ di curarsi. Questo la rendeva sospetta e quindi perseguibile, da parte della chiesa, per almeno due ragioni:

• la malattia veniva considerata e predicata dalla chiesa come un “castigo divino” per i peccati commessi e pertanto gli unici rimedi possibili, per i poveracci, erano il pentimento e la preghiera. Era temerario anche il solo pensare che potessero esserci altri rimedi al di la’ della superstizione cristiana.

• pero’ chi aveva quattrini poteva indurre il padreterno a chiudere un occhio ricorrendo a rimedi del tutto simili a quelli delle streghe, preparati nelle cantine dei monasteri da monaci erboristi e/o alchimisti; verso di essi la strega, con le sue modeste pretese, si poneva in fastidiosa concorrenza.

• restava comunque mal vista la concorrenza tra i medici “laureati”, provenienti dall’ambiente universitario ortodosso e le erboriste, mammane, ecc. che si muovevano in un ambiente teologicamente sospetto.

E’ interessante rileggere a questo proposito SHAKESPEARE, Romeo e Giulietta, Atto II, Sc.III – La cella di Frate Lorenzo.

 

 

§ 18.2 – IL PROCESSO: L’ARRESTO

 

Su ordine del magistrato o dell’inquisizione almeno quattro militi venivano incaricati di arrestare la presunta strega, giocando sul fattore sorpresa.

L’arrestata doveva essere immediatamente posta dentro una grossa cesta e condotta in carcere tenendola ben sollevata da terra. Si riteneva che se la strega avesse toccato terra avrebbe potuto acquisire la forza di resistere a qualsiasi tortura procurandosi il cosidetto “maleficia taciturnitatis”.

 

Anche il fattore sorpresa era importante in quanto la strega, se messa in allarme, avrebbe potuto volare via a cavallo di una scopa o di un animale, oppure acquisire il maleficia taciturnitatis:

• bevendo un miscuglio di acqua, vino e menta

• mangiando una focaccia impastata con il latte di una madre e di una figlia

• inghiottendo del sapone ammollato in acqua

• uccidendo un neonato, non ancora battezzato, bruciandolo e cospargendosi il capo con le sue ceneri.

 

 

§ 18.3 – IL PROCESSO: IL MARCHIO DEL DIAVOLO

 

Durante i processi di stregoneria la ricerca del marchio era un atto propedeutico ed indispensabile per la prosecuzione del processo stesso e per l’applicazione della tortura.

Quindi all’inizio del processo la strega veniva denudata e rasata dalla testa ai piedi in modo da rintracciare sul suo corpo quel marchio che provava indiscutibilmente il suo patto demoniaco.

Secondo i saggi inquisitori:

• non poteva esistere strega che non avesse fatto un patto col Diavolo

• non poteva esistere patto che non fosse segnato dall’indispensabile marchio.

La ricerca del marchio, se questo non era subito e chiaramente individuabile, poteva durare ore, a volte giorni, nel qual tempo zelanti ed esperti pungitori trafiggevano il corpo della vittima, comprese le parti piu’ intime, con degli spilloni per individuare e far risaltare il segno nascosto.

 

Si supponeva che il patto col Diavolo potesse essere stipulato in varie occasioni, per esempio nel corso di particolari cerimonie solenni notturne, alle quali partecipavano streghe ed aspiranti tali. Nel corso di tali cerimonie le streghe evocavano il Diavolo e lo onoravano uccidendo neonati e bevendo il loro sangue.

Pero’ la maggior parte degli autori di § 14 riteneva che le cose avvenissero in altro modo e che fosse il Diavolo a scegliere ed adescare la donna (o l’uomo) con cui stipulare il patto, secondo una procedura abbastanza convenzionale:

• Di solito il Diavolo assumeva l’aspetto di un bel giovane, molto elegante ed appariva alla candidata strega adescandola con l’offerta di appetitose ricompense, concessione di poteri personali o promesse di travolgenti appagamenti sessuali, cosa quest’ultima assai apprezzata e gradita da parte delle donne di una certa eta’ e sole al mondo.

 

 

• La candidata doveva ripudiare la fede cristiana, sputando e calpestando un crocifisso o altra imagine sacra.

 

• La strega veniva poi ribattezzata nel nome di Satana e gli rendeva omaggio baciandogli il sedere.

• Qualche volta (non tutti concordano) la strega riceveva in dono una moneta, destinata a trasformarsi in una pietra inutile, non appena il patto fosse stato concluso.

• Il patto veniva redatto e sottoscritto col sangue su di una pergamena vergine e conteneva una dichiarazione formale del seguente tenore:

 

“Mi impegno a ricompensare il mio signore Satana, tra venti anni, di tutti i doni che Egli mi fara’. Con questo patto gli concedo il mio corpo e la mia anima di cui potra’ disporre a suo piacimento.”

• Infine la nuova strega riceveva dal Diavolo un marchio in un punto ben nascosto del corpo; in genere nelle parti intime, ma non sempre. Il marchio poteva consistere nella particolare disposizione di alcuni nei, un segno sulla pelle avente la forma di una zampa di pollo, oppure il cosidetto “occhio del Diavolo” che consisteva in uno speciale neo collocato nella parte interna di una coscia, in prossimita’ della vagina.

Il marchio poteva anche essere invisibile e consistere in una piccola parte dell’epidermide resa insensibile al dolore e non sanguinante se trafitta. In determinate occasioni, al fine di individuare comunque il marchio, vennero usati particolari spilloni con punta rientrante quando erano premuti sul corpo della vittima. In questo caso la mancanza di dolore veniva interpretata come chiaro segno dell’esistenza del marchio. Questi spilloni con la punta retrattile furono inventati, all’inizio del seicento, dal medico inglese Hopkins per facilitare il lavoro degli inquisitori.

Alcuni testi, riferiti alle streghe nostrane, affermavano che dopo un iniziale consenso al patto, il Diavolo portasse la donna in volo al “Grande Noce di Benevento”, sotto il quale riceveva il giuramento della nuova adepta.

 

Qualche volta il Diavolo esagerava. Nel 1657, sul corpo di Janet Bruce, una strega scozzese, gli attenti ricercatori di marchi ne trovarono quattro.

 

Diventata strega a tutti gli effetti, la nuova adepta aveva la facolta’ di invocare il Diavolo, o altri demoni, e ricevere precise istruzioni e sostegno nell’operare malefici, comporre pozioni ed unguenti diabolici e apprendere formule segrete e simboli magici.

 

 

§ 18.4 – IL PROCESSO: L’INTERROGATORIO

 

Dopo aver individuato sul corpo della vittima il marchio satanico (cosa che era del tutto scontata e che di per se meritava gia’ il rito purificatore del rogo), si procedeva all’interrogatorio, opponendo alle eventuali negazioni dell’accusata le dichiarazioni di comodo dei testi dell’accusa.

 

Comunque si riteneva la colpa accertata quando esistevano due testimoni oculari a carico oppure una confessione resa dall’accusata, spontaneamente o sotto tortura.

 

I testi dell’accusa erano solitamente degli sprovveduti ruffiani, sovente pagati sottobanco, disposti a giurare qualsiasi cosa come “l’aver visto la strega operare malefici e volare di notte a cavallo di qualcosa” ed altre assurdità del genere (la prova dello spettro). Qualche volta si trattava di persone che ritenevano di essere state lese dai malefici della strega a seguito di grandinate, morti improvvise di parenti ed altro.

 

Viceversa i testi a difesa erano quasi sempre assenti; chiunque avesse osato deporre a favore dell’accusata veniva automaticamente sospettato di complicita’ e correva il rischio di essere a sua volta processato.

 

L’interrogatorio procedeva secondo schemi quasi standardizzati e presumeva l’ammissione (confessione), senza riserve, di qualsiasi colpa gli inquirenti volessero addosssare alla vittima, pena il ricorso alla tortura.

L’idea della tortura incuteva un tale terrore nelle vittime che, pur di evitarla, molte confessavano in questa fase del processo i piu’ fantastici ed orrendi malefici, ritenendo che il rogo fosse ancora un male minore in confronto alla ferocia degli inquisitori.

 

Un altro motivo che poteva indurre l’accusata a confessare “tutto e subito” era la vaga e non sempre mantenuta promessa dei magistrati di commutare la pena di morte nel carcere a vita, nel bando o altre pene minori.

 

Malgrado la loro disponibilita’ iniziale molte accusate venivano ugualmente passate alla tortura quando l’inquirente, a fronte di risposte confuse dettate dalla paura, sospettava qualche reticenza.

 

 

§ 18.5 – IL PROCESSO: LA TORTURA

 

Occorre anzitutto distinguere tra due tipi fondamentali di tortura:

• la tortura punitiva

• la tortura inquisitoria

La tortura punitiva consisteva, in determinate occasioni, in un incremento di sofferenza e di dolore applicato ad un condannato prima della sua esecuzione capitale, come attanagliarlo con pinze roventi o altro. Era una cosa abbastanza frequente nel caso di condanna per il reato di lesa maesta’. Anche la gogna, le frustate, il taglio di una mano possono essere considerati atti di tortura punitiva.

Nell’ambito della persecuzione delle streghe questo provvedimento non risulta sia mai stato applicato.

 

La tortura inquisitoria venne invece pesantemente applicata (c. 90% dei casi) nel corso dei processi contro le presunte streghe. Lo scopo di questo provvedimento era duplice:

• la strega doveva confessare di aver commesso tutte le incredibili idiozie di cui l’accusavano gli inquisitori clericali o laici.

• La strega doveva denunciare i suoi complici o altre streghe di sua conoscenza allo scopo di attivare una catena di processi che, in definitiva, consentiva ai magistrati ed al clero di avviare una spirale persecutoria solitamente fonte di illeciti e cospicui arricchimenti. Un processo di stregoneria, oltre alla condanna della strega “esca”, comportava sempre la confisca dei suoi beni e di quelli della famiglia; questo in base alla consuetudine, entrata in uso dal 1184 ed anni seguenti, che aggiungeva alla pena del rogo anche la confisca.

E’ inutile sottolineare che portando la tortura a limiti di sofferenza insostenibili TUTTI sono disposti a confessare TUTTO quello che un inquisitore pazzo vuole si confessi:

 

Hai partecipato al sabba? Devi solo rispondere si o no ma ricordati che se rispondi no la tortura continua.

 

Il primo caso noto di applicazione della tortura a scopo inquisitorio risale al 1228, presso il tribunale della citta’ di Verona. L’esempio fu poi baldanzosamente seguito dal clero nel 1252 con la papale benedizione ed il sostegno di Innocenzo IV.

 

L’applicazione della tortura non competeva solo alle presunte streghe, anche i testimoni dell’accusa che si dimostravano reticenti potevano essere torturati onde ottenere testimonianze “adeguate” ed in linea con quello che gli inquisitori volevano sentirsi dire.

 

Si cercava di fare in modo – ma non sempre era possibile – che la vittima non morisse durante i tormenti; era necessario arrivare alla fine del processo e procedere, con gran chiasso, alla esecuzione in pubblico in modo che questa servisse da esempio.

 

Qualora pero’ la vittima morisse a causa dei tormenti i giudici non erano ritenuti responsabili; la colpa era attribuita al Diavolo che aveva anticipato la scadenza del patto, stipulato secondo quanto descritto in § 18.3, impossessandosi della sua preda prima che fosse ridotta in cenere sul rogo.

 

Non e’ mai stato accertato quanti accusati siano morti in carcere per le sofferenze subite e quanti altri si siano suicidati per non essere sottoposti ad altri tormenti. Un fatto e’ certo che nel 95% dei casi di esecuzione capitale si e’ trattato di accusati “confessi” in seguito alle torture subite.

 

La tortura poteva essere applicata piu’ volte in caso di sospetta reticenza o di ammissioni confuse. Nella città di Dreissigacher (Germania) si e’ arrivati al caso limite di torturare una vittima per 56 volte consecutive.

Amor di Dio e carita’ cristiana hanno fatto si’ che gli inquisitori escogitassero tormenti talmente raffinati che vale la pena di citarne qualcuno; il lettore impressionabile puo’ saltare a fine paragrafo:

• I tratti di corda. Venivano applicati normalmente per tre volte consecutive. Le mani della vittima venivano legate dietro la schiena e poi fissate ad una corda servita da carrucola. Sollevando la vittima da terra, con strappi piu’ o meno violenti, si produceva la lussazione degli omeri. Questo era il tipo di tortura piu’ frequente.

 

 

• Lo squassamento. E’ una variante del metodo precedente. La vittima veniva appesantita con carichi legati ai piedi, variabili tra i 15 ed i 25 chilogrammi. Uno strappo estremamente violento della corda produceva la fuoriuscita delle articolazioni delle braccia e, sovente, la rottura dei polsi.

• Il cavalletto. Tavolaccio sul quale la vittima era distesa con polsi e caviglie legati a funi che facevano capo ad un argano. L’azione dell’argano provocava lo stiramento degli arti con effetti simili ai due trattamenti precedenti. Questo tipo di tortura poteva essere protratto anche per 30-40 ore e con tensione crescente delle corde.

• La ruota: la figura non ha bisogno di commenti

 

 

• Le compressioni. Tra le piu’ comuni:

o viti per stritolare arti e dita

o ganasce a vite per la testa

o stritolatori per genitali maschili

o stivali con viti, da applicarsi a gambe e piedi.

• La sedia di ferro. Era una specialita’ tedesca. La vittima veniva fatta sedere nuda su di una sedia di ferro arroventata.

• Pinze e tenaglie:

o Le pinze venivano usate per strappare le unghie (Scozia)

o Le tenaglie arroventate si usavano per strappare lembi di pelle.

• Tormenti diversi. Applicati in varie localita’ secondo l’estro degli inquisitori:

o la vittima veniva costretta ad ingurgitare enormi quantita’ d’acqua (Spagna e Francia)

o le narici delle vittime venivano riempite di acqua e calce viva

o la vittima veniva stesa bocconi su di un letto di rovi e poi si passava lungo la spina dorsale un pesante rullo munito di aculei

o bruciature con alcool e zolfo cosparsi sul corpo delle vittime

o la vittima veniva incatenata ad un muro (o in piedi su di uno sgabello) e costretta a bastonate ad una veglia forzata per parecchi giorni, sino al totale istupidimento

o la culla di Giuda dove l’interrogato, legato mani e piedi, veniva fatto dondolare su di un cuneo che gli tagliava lentamente la pancia

o asportazione dei capezzoli femminili con lame taglientissime e cauterizzazione delle piaghe con colata di piombo fuso (specialita’ di alcuni inquisitori papali dell’Italia meridionale)

• Mutilazioni varie. Asportazione di occhi, orecchi, dita.

Al dolore fisico delle vittime occorre anche aggiungere (e non era cosa da poco) la cocente umiliazione dovuta alla totale nudita’ e alla perdita di deiezioni conseguenti all’incapacita’ di controllare i propri sfinteri.

Notare che a quei tempi la chiesa considerava peccaminoso spogliarsi nudi anche per prendere un bagno. In certe occasioni il bagno era permesso solo in presenza di un prete salmodiante (e probabilmente sporco come un maiale).

 

Tanto per citare qualche esempio:

• A Ringingen (Germania); la presunta strega Anna Spulerin fu privata degli occhi, delle orecchie e le furono strappate le braccia.

• Al presunto mago Fian gli zelanti inquisitori scozzesi applicarono gli stivali con tanta ferocia da frantumargli le ossa delle gambe e dei piedi sino a procurargli la fuoriuscita del midollo osseo.

 

 

§ 18.6 – IL PROCESSO: LA CONFESSIONE

 

Oggetto della confessione era tutto cio’ che il magistrato voleva sentirsi dire, sulla base di schemi prefissati, per cui il termine stesso “confessione” e’ del tutto pleonastico; si dovrebbe piuttosto parlare di

“ammissione cieca e senza riserve di fatti impossibili ed inesistenti”

 

C’erano comunque, nell’ambito dello schema confessionale, dei punti chiave, accuratamente verbalizzati, dai quali non si poteva prescindere.

• IL PATTO COL DIAVOLO. Dove, come e quando la strega aveva stipulato il patto demoniaco, nei termini gia’ riportati nel § 18.3. Patto che comunque era dato come dimostrato, senza ombra di dubbio, dal marchio puntualmente rinvenuto sul corpo dell’accusata.

• IL VOLO. Dato per scontato che tutte le streghe potevano “volare”, l’accusata doveva chiarire dove, quando e perche’ aveva volato e con quali degli accorgimenti dettagliati nel § 19.

• LA PARTECIPAZIONE AL SABBA. Nessuna strega poteva esimersi dal partecipare al sabba e rendere omaggio al Diavolo; quindi l’accusata doveva dare ampie informazioni sullo svolgimento della sarabanda, nei termini dettagliati al § 20.

• IL NOME DEI COMPLICI. Forse il punto piu’ importante della confessione e di tutto il processo. Si trattava di acquisire i nominativi di altri possibili colpevoli (complici di malefici, partecipanti al sabba) da processare, preferibilmente ricchi o almeno benestanti, per poterli convenientemente spolpare.

Alcune streghe cercavano di superare l’imbarazzo denunciando i nomi di persone gia’ decedute, cosa che gli inquirenti non accettavano e che comportava per l’accusata un nuovo giro in camera di tortura.

Altre furono costrette con atroci tormenti a denunciare i propri familiari sui quali l’inquisizione aveva gia’ messo gli occhi ed attendeva solo una scusa valida per poterli catturare.

Infine molte accusate, conscie di non aver piu’ nulla da perdere, colsero l’occasione per una tardiva vendetta (…si go da morir mi, vòi che ne mora anco delle altre), denunciando:

o coloro che in qualche occasione avevano astiosamente negato elemosina ed aiuto

o vescovi e preti appartenenti all’inquisizione

o nobili superbi ed intolleranti

o ricchi mercanti che tenevano egoisticamente stretti i cordoni della borsa

o gli stessi magistrati del tribunale e le loro mogli

o ecc.

Anche se molti nomi eccellenti vennero lasciati cadere, per ovvi motivi, nondimeno tutto questo contribui’ in seguito a generare quella massa di processi a catena, ai quali si accenna al § 21.

• MALEFICI E COLPE DIVERSE. Quelli che si ritenevano direttamente attuati dalla strega quali avvelenamenti, grandinate, naufragi, pestilenza del bestiame, unzioni, ecc. puntigliosamente elencati e dettagliati.

Quest’ultima parte non era pero’ molto importante; era una ulteriore motivazione (come se le altre non bastassero) per giustificare feroci sentenze e rendere soddisfazione ai delatori, a coloro che si ritenevano danneggiati ed agli sciocchi in generale.

 

 

 

§ 18.7 – IL PROCESSO: LA VIGILIA

 

Terminato il processo e pronunciata con molta enfasi la sentenza, le streghe condannate a morte venivano abbandonate su un mucchio di paglia in qualche fetida cella. Devastate dalla tortura e pressocche’ incapaci di muoversi, attendevano il giorno dell’esecuzione che, sovente, veniva rimandato allo scopo di farlo coincidere con un giorno festivo, per permettere ad un vasto pubblico e a qualche autorita’ di assistere al macello.

 

Ma per alcune streghe, giovani o ancora piacenti, questa attesa poteva trasformarsi in un ulteriore incubo. Gruppi di giovani per bene e timorati di Dio si mettevano d’accordo per perpetrare uno stupro collettivo della vittima, mediante la complicita’ dei carcerieri che, in cambio di un po’ di denaro, permettevano l’accesso alla cella e le reiterate violenze sessuali sui corpi di disgraziate incapaci di difendersi, straziate dalla tortura e con le membra disarticolate.

 

Era cosa abbastanza comune se si tiene conto, secondo la mentalita’ d’allora che:

• l’atto non era considerato peccato e non necessitava poi di confessione e penitenza.

Tutto sommato i bravi giovani (tra i quali anche qualche inquisitore) si rendevano meritevoli al cospetto di Dio per questo supplemento di sofferenza inflitto ad una creatura ritenuta e dichiarata “demoniaca”.

• I carcerieri si accontentavano di poco (sconto comitiva!) e quindi l’atto costava meno di quanto pretendesse una comune prostituta. E poi in questo caso si trattava di peccato da riportare in confessione.

L’esuberanza di queste pie comitive a volte era tale che la strega ne moriva; non bisogna dimenticare che poteva essere considerata e giudicata come strega anche qualsiasi bambina che avesse compiuto gli otto anni.

 

 

§ 18.8 – IL PROCESSO: L’ESECUZIONE

 

Sempre pubblica e molto spettacolarizzata, l’esecuzione contemplava come passo finale il rogo, inteso come atto di purificazione del mondo dalla presenza di un essere demoniaco, le cui ceneri dovevano poi essere disperse in qualche corso d’acqua.

 

Fermo restando quanto sopra, le modalita’ di esecuzione potevano variare secondo gli usi locali e l’estro dei persecutori.

Nel timore che qualche condannata potesse all’ultimo momento ritrattare in pubblico la sua confessione, in qualche caso si provvedeva ad inchiodare materialmente le labbra della vittima ad una tavoletta di legno, prima di trascinarla sul luogo del supplizio.

(A Giordano Bruno, eretico, venne applicato un boccaglio di legno dotato di chiodi conficcati nella lingua e nel palato)

In particolare, prima di essere arsa:

• in Inghilterra la vittima veniva impiccata

• in Germania, Scozia e alcune regioni francesi le vittime venivano strangolate con la garrota

• nel Principato di Ellwanghen le vittime erano passate a fil di spada

• in Svezia le vittime erano preventivamente decapitate.

 

 

In Italia, Francia e Spagna le vittime erano bruciate vive, subendo l’ultimo oltraggio di qualche chierico ipocrita che alzava davanti ai loro occhi una lunga croce nera.

 

 

Particolarmente spettacolari furono alcune cerimonie organizzate dagli inquisitori papali di Spagna, gli autodafè, durante i quali decine, se non centinaia, di vittime (streghe, eretici, ebrei, ….) vennero spietatamente massacrate.

 

Da non dimenticare la “variante” di Nicolas Remy. Quest’ultimo aveva introdotto l’obbligo di far assistere al rogo delle madri i figli minori di 10 anni facendoli nel contempo frustare a sangue.

 

 

§ 19 – IL VOLO DELLA STREGA

 

Per potersi recare al sabba, concetto base fondamentale della demonologia e giustificazione della caccia alle streghe, era necessario che la strega stessa potesse volare.

Problema che i “Corvi” del § 14 risolvettero facilmente basandosi su di un illustre precedente. Gli autori in questione, visto che persino il Cristo nel deserto era stato portato in volo dal Diavolo, con una logica assolutamente stringente, ne dedussero che egli avrebbe potuto benissimo portare in volo anche le streghe. Niente di piu’ facile.

 

Occorreva pero’ che anche le streghe, dal canto loro, collaborassero alla bisogna, per cui vennero inventati tutta una serie di accorgimenti e di artifici per facilitare il lavoro del Diavolo.

Come mezzo di trasporto l’attenzione si concentro’ sulla scopa, (in alcuni casi su di un bastone), essendo la scopa stessa un tipico strumento quasi esclusivamente usato in casa dalle donne e quindi naturalmente abbinabile al concetto di donna-strega. Ai maghi ed ai demoni invece si addiceva di piu’ il forcone.

Qualcuno piu’ fantasioso penso’ anche ad altri mezzi per volare; vediamo di sintetizzare tutte le trovate che ne vennero fuori.

• La strega puo’ volare a cavallo di una scopa o di un bastone dopo essersi denudata ed aver strofinato il proprio corpo con qualche magico unguento. Gli unguenti migliori erano ovviamente quelli a base di grasso di neonato.

• Mediante il volo la strega puo’ anche sfuggire ad un eventuale arresto.

• La strega in volo puo’ percorrere, in un istante, grandissime distanze e quindi recarsi al sabba anche in localita’ molto remote.

• Il potere dell’unguento magico doveva essere tale da far si che nessuno potesse notare la sua assenza da casa. Trattandosi di streghe coniugate il Diavolo creava un simulacro della donna che continuava a giacere nel letto accanto al marito. Caso mai si fosse svegliato!

• La strega poteva volare anche in groppa ad animali quali il cavallo, l’asino, il caprone e persino il lupo.

 

 

• la strega poteva trasformarsi in una mosca e volare nascosta dentro l’orecchio di un caprone

• Le streghe erano dedite al volo notturno non solo per recarsi al sabba ma anche per raggiungere rapidamente i luoghi ove intendevano eseguire qualche maleficio.

• Un volo non poteva essere attivato se oltre a tutti gli accorgimenti descritti non venivano pronunciate speciali formule magiche. Ad esempio:

o per recarsi al sabba (su scopa o caprone): Harr, harr shebath hemen ethan

o per altre occasioni: Cavallo e cappello, cavallo va! Ha! Ha! Ha!

La credenza che la strega potesse volare di notte a suo piacimento era l’aspetto che impressionava maggiormente la massa ignorante del popolino. Nel corso di vari processi ci furono molti testimoni pronti a giurare di aver assistito, di notte, al volo di una strega.

A Rouen poi, nel 1670, la cosa raggiunse il livello di una allucinazione collettiva. Gruppi di persone affermarono di aver visto, per 30 minuti (!), centinaia di streghe nude volare in cielo, intente a diffondere una malattia epidemica che, a quel tempo, aveva gia’ fatto parecchie vittime.

 

 

§ 20 – IL SABBA

 

Vediamo ora di capire che cosa succedeva durante un sabba, secondo quanto inventato dalla fervida, perversa immaginazione degli autori di § 14, che hanno inconsciamente proiettato nei loro scritti le immagini dei loro incoffessati e ben nascosti turpi desideri.

 

 

E’ stato Pierre Mamoris che, nel 1490, ha dato una definizione accurata del sabba, raccattando in tutte le pattumiere dei suoi tempi le favole, gli incubi, le ossessioni e gli atteggiamenti, mal condivisi e mal repressi, della chiesa nei confronti del sesso.

 

Il sabba era dunque una grande, periodica ed infernale sarabanda notturna con la quale si rendeva onore al Diavolo, rinnovando il patto infernale che legava le streghe al male.

E’ necessario non confondere i sabba con gli esbat. Questi ultimi pare fossero riunioni settimanali di streghe appartenenti a qualche oscura congrega, per discutere di problemi ….associativi(?).

Il sabba si svolgeva generalmente in localita’ sconosciute e molto remote (per le streghe scandinave il Monte Blakulla) secondo un preciso calendario stagionale, nelle notti che precedevano:

• la Candelora (2 Febbraio)

• il Calendimaggio (1° Maggio)

• Vigilia di Ognissanti (31 Ottobre = Halloween)

oppure, secondo altri autori:

• Vigilia del 2 Febbraio

• Vigilia del 1° Luglio

• Vigilia del 1° Agosto

• Vigilia del 1° Settembre

• Vigilia del 1° Novembre

Scendendo nei particolari:

• Come si giungeva al sabba?

o Utilizzando i mezzi di trasporto gia’ descritti in § 19.

• Chi erano i partecipanti?

o Ovviamente tutte le streghe ed i maghi. Era di rigore presentarsi nudi e scarmigliati.

o Il Diavolo stesso che, in caso di precedenti impegni, poteva farsi sostituire da qualche altro prestigioso demone.

o Numerosi demoni vari tra i quali gli incúbi ed i succúbi.

o Un certo numero di caproni puzzolenti.

• Il banchetto: cosa si mangiava?

o Solitamente il piatto forte era costituito dai neonati non ancora battezzati, rapiti alle loro madri ed alle nutrici. I cuccioli venivano cotti a puntino ed allegramente sbranati.

o Altre carni e cibi immondi, a volte donati dal Diavolo, oppure portati da casa. Dovevano comunque essere puzzolenti e disgustosi oltre ogni limite.

o Le bevande consumate erano tra le piu’ immonde che si possano immaginare. Pare che la preferita fosse orina di cavallo.

o Una regola era tassativa: tutti i cibi dovevano essere cotti e mangiati senza sale. La presenza di un solo pizzico di sale avrebbe provocato l’indignazione, la fuga del Diavolo e la conseguente caduta in disgrazia di tutti i partecipanti.

• Le danze

o Totalmente caotiche ed infernali. Si procedeva all’indietro al suono di un violino suonato da un caprone.

o Tutti i danzatori dovevano essere nudi ed esibire oscenamente le loro pudenda.

o Le danze erano accompagnate da suoni stridenti, dissonanti e con un corollario di orrende bestemmie.

o I partecipanti (streghe) potevano ballare tra di loro oppure accompagnarsi ai demoni presenti o ai caproni.

• L’orgia sessuale

o Col Diavolo in persona (solo per i più …meritevoli!!).

o Con demoni incúbi e succúbi.

o Con altre streghe.

o Con un caprone puzzolente.

o Senza alcuna limitazione nella copulazione, la sodomizzazione o nel soddisfare i desideri piu’ osceni e snaturati.

• Cerimonie diverse

o La recitazione al rovescio del Credo di Nicea.

o La benedizione solenne dei partecipanti con un aspersorio nero intinto in qualche liquido immondo.

o Consacrazione di ostie fatte con frattaglie varie.

o Parodia dell’eucaristia con introduzione dell’ostia nel sedere dei comunicandi.

o Canti corali di inni convenientemente osceni e blasfemi.

o Ecc. ecc.

Tutto questo nel corso della nottata. Al primo canto del gallo tutti a casa!

Alcuni “dotti” demonologi hanno “calcolato” che ai sabba potevano partecipare dalle 500 alle …100.000 streghe.

 

Tutto quanto descritto potra’ sembrare eccessivamente assurdo e disgustoso ma il lettore potra’ conoscere di piu’ e di peggio consultando direttamente le opere di “virtuosi” come De Lancre, F.M.Guazzo, Sprenger e Kramer ed altri valenti autori elencati in § 14, di cui esistono edizioni anche recenti, debitamente tradotte.

 

 

§ 21 – PROCESSI CONCATENATI

 

Restando ferme le motivazioni di base che hanno dato origine al genocidio delle streghe, tutte riconducibili alla ricerca di un capro espiatorio per sopire la rabbia e le frustrazioni delle masse, nel corso degli eventi un altro aspetto divenne importante: la ricerca dei complici e l’attivazione di altri numerosi processi in qualche modo concatenati ad un primo procedimento.

 

Il primo processo riguardava, di massima, una povera e miserabile morta di fame alla quale non si poteva confiscare nulla, neanche per coprire le spese di giudizio e il suo mantenimento in carcere.

Quello che pero’ interessava gli inquisitori era la possibilita’ di estorcere a questa prima “esca” i nomi di altre persone facoltose da trascinare a loro volta in giudizio con l’aspettativa di un ritorno finanziario di tutto rispetto.

 

Questo scateno’, a lungo andare, un effetto domino con centinaia di altri dibattimenti, che si protraevano per anni, dando l’opportunita’ all’apparato giudiziario di mettere in crisi grandi nuclei familiari che si vedevano costretti alla fuga abbandonando terreni ed immobili che venivano immediatamente e “legalmente” confiscati.

 

Era sufficiente che una prima strega confessasse di avere visto partecipare al sabba Tizio oppure Caio o altri nomi che le venivano suggeriti con destrezza e che la strega stessa poi confessava per porre fine ai suoi tormenti.

 

Il fenomeno assunse dimensioni incredibili e, tanto per dare qualche esempio:

• a Treviri, da un gruppo di 306 streghe, processate inizialmente, si ricavo’ l’impressionante cifra di 1500 complici a loro volta perseguiti;

• a Rouen, nove accusate iniziali trascinarono in giudizio altre 525 persone;

• la presunta strega Karin Persdotter, in Finlandia, fini’ sul rogo in compania di altre 13 vittime;

• nel 1585 in Germania, i cittadini di Rottemburg si sollevarono contro gli inquisitori perche’ la citta’ era ormai quasi priva di donne;

• sempre in Germania e nello stesso periodo, dopo furibonde persecuzioni, alcuni villaggi erano rimasti privi di donne o con una donna sola.

 

 

§ 22 – AFFARI E POLITICA

 

Nel corso degli anni divenne sempre piu’ evidente come la caccia alle streghe, oltre ad essere un ignobile mezzo per eliminare coloro che in qualche modo davano fastidio alla societa’ in generale ed alla chiesa in particolare, assumesse sempre di piu’ le caratteristiche di una lucrosa attivita’ “industriale”.

 

A parte quelle streghe poveraccie e nullatenenti per le quali il processo procedeva speditamente per evitare eccessive spese di mantenimento in carcere, per le vittime benestanti le cose andavano generalmente a rilento in quanto le spese di mantenimento erano a carico della famiglia del carcerato, come pure le spese di giudizio; salvo, alla fine, rovinare il nucleo familiare con la inevitabile confisca dei beni.

 

Occorre comunque notare che i processi di stregoneria a sfondo politico-affaristico maturarono prevalentemente in ambito cittadino e molti imputati erano di sesso maschile.

 

In un periodo di perdurante crisi economica migliaia di persone, in qualche modo legate all’apparato giudiziario, trovarono nel massacro delle streghe una fonte di guadagno e, a volte, di arricchimento.

Tra i principali lucratori del sistema si rammentano:

• gli inquisitori clericali ai quali spettava una cospicua “quota pontificale” sui beni carpiti ai condannati e alle loro famiglie

• i magistrati laici pagati e premiati secondo il loro zelo

• i notai e i cancellieri dei tribunali

• gli scrivani

• i carcerieri

• i pungitori

• gli esperti torturatori

• il boia ed i suoi aiutanti

• i taglialegna (minimo 40-50 grosse fascine per ogni rogo individuale)

• gli esorcisti (protezione durante i processi contro influenze demoniache)

• i cacciatori di taglie, liberi professionisti ingaggiati dalle autorita’ per incrementare il business del massacro

• i testimoni di comodo

• i delatori

• ecc.

A Treviri, tristemente famosa per i suoi processi di massa, inquisitori e magistrati accumularono, verso la fine del 1500, ingenti ricchezze mediante la spartizione e la vendita dei patrimoni confiscati.

A partire dalla seconda meta’ del 1500 e praticamente in tutta l’Europa, l’aspetto finanziario divenne la principale motivazione per l’istruzione dei processi di stregoneria.

 

Altre numerose e comode motivazioni per le accuse di stregoneria furono quelle politiche mediante le quali si cercava di impedire l’ascesa al potere (poteri locali) di qualcuno o di abbattere quelli che tale potere gia’ lo detenevano.

Si stimano in migliaia i casi di questo genere, rammentando che quasi sempre a farne le spese erano le mogli dei perseguiti: la condanna della moglie trascinava inevitabilmente nel disastro anche il marito e la famiglia.

 

Qulche volta erano i membri della stessa famiglia che si accanivano l’uno contro l’altro per conflitti di interessi, di successione ed altre inconfessabili motivazioni.

Lo stesso dicasi per quei mercanti che cercavano di eliminare la concorrenza ricorrendo ad accuse che, per quanto ridicole, potevano condurre alla rovina il concorrente avversario.

 

Molti autori rammentano, come emblematico, il caso di Anna Pedersdotter Absalon, finita sul rogo dopo tre processi. I processi vennero celebrati a Bergen, in Norvegia.

Anna era la moglie di Absalon Pedersdotter Beyer, un prete luterano entrato in conflitto con gli altri preti locali per futili motivi religiosi. La donna usci’ indenne dai primi due processi grazie agli appoggi di cui godeva il marito.

Morto il marito, gli avversari, da buoni cristiani, fecero le loro vendette reclamando un terzo processo che spedi’ Anna sul rogo nel 1590. La donna venne accusata di:

• aver provocato il “coma” di un uomo

• aver provocato la “malattia” di un secondo uomo

• aver dato ad un bambino di quattro anni un “biscotto stregato” per farlo morire

• aver trasformato la serva di casa in un “cavallo” del quale si era poi servita per volare al sabba.

 

 

§ 23 – GRANDI CACCIATORI

 

Le grandi cacce furono particolarmente dovute alla solerzia dei:

• tribunali ecclesiastici

• tribunali secolari (con sollecito e nulla osta delle diocesi)

• cacciatori professionisti (privati cittadini assoldati dalle autorita’).

Questi ultimi erano, a tutti gli effetti, dei veri e propri “cacciatori di “taglie”, squinzagliati e sovvenzionati dal clero o da magistrati secolari, con il compito di individuare le possibili vittime e raccogliere e/o fabbricare e produrre falsi elementi di prova sufficienti ad istruire un processo.

Per evidenti motivi di interesse i cacciatori puntavano preferibilmente su possibili vittime economicamente dotate o comunque benestanti.

Elenchiamo i nomi di alcuni turpi individui (fanatici o cacciatori) passati alla storia per il loro brutale accanimento.

• Danimarca: si ricorda in modo particolare il vescovo luterano Peder Palladius per la sua caccia scatenata nel 1544, conclusa con 52 condanne a morte.

• Finlandia: nel 1640 si distinse il vescovo luterano Isaac Rothovius e, tra il 1666 ed il 1674, sali’ alla ribalta anche un giudice del tribunale secolare di Ahvenanmaa, Nils Psilander, promotore di una gigantesca caccia a catena, nella quale si distinse per le torture raffinate impiegate nella ricerca del “marchio del diavolo” sul corpo delle vittime.

• Francia: nella sola Lorena, Nicolas Remy, tra il 1586 ed il 1595, fece arrostire 800 presunte streghe. Il “galantuomo”, alla fine della carriera si vantava di aver promosso almeno 2000 processi.

• Germania:

o il giudice luterano Benedickt Carpzov contese il primato a Torquemada collezionando nella sua carriera 20.000 condanne.

o Fuchs von Dornheim, principe-vescovo di Bamberga, detto anche il “vescovo delle streghe”. Il buon Fuchs non badava a spese; fece costruire una “casa delle streghe” con una straordinaria sala di tortura dalle pareti rivestite di scaffali contenenti migliaia di bibbie; questo perche’ le urla dei seviziati non trapelassero all’esterno. Quanto all’attrezzatura era il meglio del suo tempo e comprendeva terrificanti strumenti da applicare agli organi sessuali di ambo i sessi. E visto che l’investimento doveva “rendere”, nel giro di 10 anni (fine 1600), il principe-vescovo mando’ all’altro mondo 600 vittime dopo aver personalmente infierito sugli organi sessuali delle stesse.

o Il principe cattolico Filippo von Ehrenburg di Würzburg, nel giro di 10 anni, all’inizio del 1600, totalizzo’ la bella cifra di 900 esecuzioni, comprendendo pure alcuni suoi parenti. Tra le vittime figurano anche 17 bambini di eta’ compresa tra i 5 e i 7 anni accusati di aver avuto rapporti sessuali con Satana.

• Inghilterra: negli anni 1645-1647 Mattew Hopkins e John Stearne mandarono a morte parecchie centinaia di vittime.

• Italia:

o Antonio da Casale inquisitore, nelle ultime decadi del 1400 ha imperversato nella Lombardia meridionale alla media di 100 roghi all’anno e con una punta di 400 vittime. In particolare, nel comasco e intorno al 1600, alcuni cacciatori di streghe si dimostrarono cosi’ zelanti da causare vere e proprie sommosse nella popolazione.

o Il frate Mino di San Quirico, inquisitore a Firenze dal 1332 al 1334, viene cacciato a furor di popolo per la sua irrefrenabile avidita’ e per le sue angherie.

o Il papa Ghislieri (S. Pio v)

• Scozia: John Kinkaid e John Dich vennero addirittura arrestati, nel 1662, per la ferocia, l’accanimento nella tortura e gli inganni perpetrati durante i processi contro centinaia di presunte streghe.

• Spagna: come dimenticare il migliore? Il grande Torquemada che nel corso della sua carriera colleziono’ quasi 45.000 vittime, con un exploit di 10.000 roghi in soli 18 mesi. (Cifre comprensive anche delle persecuzioni agli ebrei e ad altri eretici).

Juan Antonio Llorente, storico dell’Inquisizione (Rif. 245), attribuisce a Torquemada, nel corso di 15 anni di mandato:

• 10.280 vittime morte tra le fiamme dei roghi

• 6.860 condannati bruciati in effigie perche’ latitanti o morti in carcere per le torture subite

• 27.321 persone punite con carcere perpetuo, pene infamanti (obbligo del sanbenito) e confisca dei beni.

• N. 114.401 famiglie indagate e/o completamente rovinate.

• Svizzera: anche Calvino diede un significativo impulso al msssacro definendo le streghe come “le puttane del diavolo”.

 

§ 24 – LA MISURA DEL MASSACRO

 

Quantificare l’entita’ del massacro non e’ soltanto difficile ma e’ praticamente

IMPOSSIBILE.

 

Anche se molti studiosi si sono cimentati nell’arduo tentativo di determinare delle cifre accettabili e condivisibili dai piu’, i valori che vengono proposti sono del tutto carenti ed inattendibili.

Di molte centinaia (o migliaia) di processi si e’ ormai persa ogni traccia. E questo per vari motivi:

• incendi

• saccheggi

• studi su particolari aree, incompleti o non eseguiti

• distruzioni accidentale di archivi

• distruzioni volute di archivi

Le distruzioni volute riguardano in particolar modo gli archivi dei tribunali ecclesiastici, in quanto il clero ha sempre e sistematicamente distrutto e/o occultato tutti i documenti ed i reperti storici che potevano essere considerati dannosi alla propria immagine di facciata.

In molte occasioni i verbali dei processi vennero bruciati sul rogo unitamente alla strega affinche’ fosse distrutta qualsiasi testimonianza della sua esistenza satanica.

 

Quindi le cifre che seguono vanno considerate come ordini di grandezza e come espressione delle opinioni degli autori che le hanno determinate.

E’ comunque possibile raggruppare tali valutazioni (sono sempre delle stime!), che vengono da piu’ parti proposte, in tre grandi gruppi:

• stime minime

• stime medie

• stime massime

Si da’ naturalmente per scontato che le stime minime e massime riflettono il pensiero e la collocazione degli autori nei riguardi della chiesa; le stime medie riflettono l’atteggiamento di autori apparentemente neutrali ma non per questo devono essere ritenute come piu’ attendibili. L’accettazione di tali cifre e’ quindi totalmente a carico del lettore.

Abbiamo pertanto come valutazione:

• Minima: circa 300.000 processi e 145.000 esecuzioni (Rif. 240)

• Media: 1.200.000/1.500.000 processi e 900.000/1.200.000 esecuzioni

• Massima: circa 12.000.000 processi e 9.000.000 esecuzioni (Rif. 305)

Sul quotidiano “La Repubblica” del 4/10/1985 e’ stato pubblicato un articolo dello studioso Hans Kühng (sacerdote e teologo), nel quale si afferma che il numero delle “streghe” uccise, a partire dal 1484 e sino al 1782, ammonta all’impressionante cifra di 9 milioni.

Come si puo’ constatare il divario e’ enorme.

La situazione si chiarisce, ma non molto, quando si prendono in considerazione cifre parziali riferite a particolari aree geografiche (regioni) che sono state oggetto di studi, piu’ o meno approfonditi, sulla base di ritrovati documenti processuali.

Non c’e’ comunque nessuna certezza che tutto sia stato ritrovato e studiato.

Molti di questi dati derivano da estrapolazioni, basate su cio’ che e’ noto, anche molto accurate ma comunque non certe.

Per venire incontro alla naturale curiosita’ del lettore alcuni valori (i piu’ attendibili) sono stati raggruppati nella tabella che segue con l’avvertenza che i dubbi restano sempre legittimi.

 

 

AREA/TERRIT. REGIONE/CITTA POPOLAZ. PROCESSI ESECUZ.

ITALIA ## (1) = 4000 1500

. Venezia = 700 .

. Como (2) = . 300

. Triora (3) = . 40

. Bormio (1485) = . 41

. Bormio (1514) = . 30

. Valcamonica (1518) = . 80

. Cavalese (1505) = . 14

GERMANIA ## = 50000 20000-30000

. Bamberga(1625-1630) = . 600

. Costanza = . 50

. Eichstatt (4) = . 274

. Quedlinburg (5) = . 133

. Ellwangen(1611-1618) (6) = . 400

. Treviri = . 7000

. Wurzburg = . 900

. Wiesensteig (1562) = . 63

. Oppenau (1562) = . 300

. Obermachtal (1562) = . 54

SPAGNA ## (7) = 6000 .

. Paesi Baschi/Labourd(1600) = . 600

. Logrono = . 30

SCANDINAVIA ## = 4000 1700

. Danimarca 580000 2000 1000

. Norvegia (8) = 1400 350

. Svezia Nord (9) = . 200

. Finlandia = 152 28

EUR. EST/RUSSIA ## = 5000 .

. Pskov(Russia) (10) = . 12

SVIZZERA ## (11) = . 10000

. Ginevra = . 660

. Vaud = 4000 3000

FRANCIA/BELGIO ## = . .

. Lorena = 3000 2700

. Regione parigina = 4000 .

. Mora = . 300

. Ardenne (12 = . 300

. Fiandre = . 98

. Tolosa = . 400

INGHILTERRA (+ isole brit.) (13) = 3000 2500

SCOZIA ## (14) 1000000 2500 1500

POLONIA ## = 3000 .

UNGHERIA ## (15) = 1500 450

LUSSEMBURGO ## (1509-1687) = . 358

AUSTRIA ## = 1700 900

BOEMIA ## = . 1000

OLANDA ## = . 150

 

 

 

1. In Italia le aree principali dove avvennero i piu orrendi massacri furono:

o Benevento

o Como e teritori attigui

o Engadina (territorio di Poschiavo)

o Friuli

o Milano

o Modena

o Trentino

o Valcamonica

o Valtellina

2. Il tribunale della diocesi di Como ha mandato al rogo 300 presunte streghe in meno di un mese.

3. Durante il processo alle streghe di Triora (Liguria), che e’ costato la vita a 40 presunte streghe, quel sant’uomo che era l’arcivescovo di Albenga autorizzo’ ai suoi inquisitori la riesumazione dell’ordalia di fuoco, in disuso ormai da secoli. Il risultato fu che alcune vittime ebbero i piedi carbonizzati; altre morirono durante la prova, ed altre ancora incapaci di reggersi sugli arti bruciati dovettero percorrere la distanza, che separava il luogo dell’ordalia dal tribunale, trascinate sul terreno in ginocchio, con conseguente scarnificazione delle articolazioni.

(Sui fatti di Triora vedere su questo sito Triora, la Salem d’Italia)

4. In un solo anno.

5. Uccise in un solo giorno e bruciate su di un rogo gigantesco.

6. In otto anni: dal 1611 al 1618.

7. Di cui c.4000 gestiti dai tribunali ecclesiastici, gli altri dai tribunali secolari per conto dell’inquisizione.

8. Nel 1650.

9. In nove anni: dal 1668 al 1676.

10. Bruciate in un solo giorno.

11. In Svizzera e in alcune occasioni il totale delle vittime e’ stato pari al 90% dei processi.

12. Si tratta di esecuzioni illegali avvenute all’inizio del 1600.

13. Protestante dal 1560.

14. Protestante dal 1560.

15. Nel 1728-29, a Szeged, 13 donne condannate a morte per aver “provocato” la grandine.

 

E’ stato stimato che il tasso delle condanne a morte, secondo varie localita’ ed epoche, si sia aggirato sul 67-81% dei processi, con punte massime eccezionali del 92% (Svizzera).

Nei casi in cui non veniva comminata la condanna a morte, le “pene minori”(!) potevano consistere nella marchiatura a fuoco, accecamento, estirpazione della lingua, mutilazioni varie, ecc. In pochi casi fortunati il presunto colpevole poteva essere liberato e mandato in esilio.

 

I territori dove venne celebrato il maggior numero di processi per stregoneria, circa il 75%, sono stati:

• Francia

• Svizzera

• Germania

• Paesi Bassi

Nell’insieme di questi territori era allora concentrato circa il 50% dell’intera popolazione europea.

Centri particolarmente attivi sono stati:

• Alsazia

• Baviera

• Brandeburgo

• Lorena

• Savoia

• Scozia

• Regione Tolosana

• Regione Trentina

E’ stato stimato che nei detti territori, tra il 1550 ed il 1600 (50 anni!), siano state uccise oltre 300.000 persone.

Il massimo della barbarie, per accanimento, ferocia nelle torture e numero di esecuzioni si verifico’ in Germania (nei territori di lingua tedesca).

Visto anche quello che e’ successo all’epoca del nazismo vien fatto di pensare che si tratti di una caratteristica genetica; un problema di DNA dei crucchi?

 

§ 25 – STREGHE PARTICOLARI

 

Oltre alle streghe “tradizionali” gia’ descritte, la furia omicida del cristianesimo si abbatte’ anche su gruppi di persone che con la magia bianca o nera avevano poco a vedere.

Il compito naturale dei tribunali che avrebbe dovuto essere quello di vagliare le prove e formulare un equo giudizio venne stravolto al punto di considerare l’accusato gia’ colpevole e condannato prima ancora del processo stesso.

Il dibattito processuale doveva solo confezionare quelle prove che giustificassero “moralmente” l’atteggiamento mostruosamente criminale della chiesa.

• LEVATRICI – Categoria di persone altamente a rischio a causa delle sciocchezze diffuse da teologi imbecilli sull’uso che le levatrici avrebbero fatto dei neonati non battezzati. Tutto questo accentuato dalle tragiche condizioni di vita dell’epoca, causa prima di una estesa mortalita’ infantile. Senza poi contare che molti genitori, non in grado di sfamare altre bocche, erano indotti a sopprimere i loro stessi figli seppellendoli vivi in qualche angolo nascosto.

(Oggi, a volte, qualcuno trova comodo utilizzare i cassonetti dell’immondizia per disfarsi dei neonati.)

Molte levatrici finirono sul rogo accusate di rubare i neonati per poi consacrarli al male battezzandoli nel nome del Diavolo.

Le levatrici erano, sovente, anche erboriste e guaritrici e costituivano, nelle campagne, l’unica forma di assistenza medica a cui potersi rivolgere. Alcune disponevano di patenti rilasciate dalle autorita’ locali, non sempre sufficienti a preservarle da accuse ed arresti.

Molte di esse furono probabilmente eliminate perche’ si ponevano in seria concorrenza, sopratutto in ambito cittadino, con medici e speziali che godevano di maggior prestigio in seno alla societa’ d’allora.

Sulla persecuzione delle levatrici la casistica e’ impressionante e, anche qui, ci limitiamo a pochi esempi significativi.

o Dillingen, Germania, anno 1587. Esecuzione della levatrice Walpurga Hausmannin accusata di aver fatto morire 40 neonati nell’arco di 12 anni per oscuri motivi di stregoneria.

o Szegerin, Ungheria, anno 1728. Altra levatrice bruciata viva accusata di aver battezzato 2000(!) bambini nel nome del Diavolo.

o Lindheim, Germania, anno 1661. L’illuminato giudice George L. Geiss condanna a morte una levatrice ed altre 6 complici accusate di aver rubato e fatto a pezzi un neonato per ricavarne un unguento magico. I genitori del bambino si oppongono alla sentenza. Fanno riesumare il cadaverino del figlio per dimostrare l’infondatezza dell’accusa, ma il Geiss non demorde (troppi soldi in ballo). Accusa di complicita’ gli stessi genitori ed altre 28 persone e li fa spietatamente torturare perche’ ritrattino e neghino l’evidenza stessa dei fatti.

• BAMBINI – Anche bambini ed adolescenti (in particolare femmine) furono estesamente processati ed uccisi con l’accusa di stregoneria; era sufficiente avere compiuto gli otto anni per cadere nelle grinfie degli inquisitori.

Secondo quanto ci insegna il famigerato “Malleus Maleficarum”, fanciulle impuberi di 8-10 anni, consacrate dalle loro madri al Diavolo, sarebbero in grado di scatenare furiose tempeste in mare e devastanti grandinate sui raccolti.

Sprenger e Kramer danno per scontata la trasmissione del maleficio da madre a figlia:

…l’esperienza dimostra che sempre le figlie hanno fama di essere le imitatrici dei delitti materni….e che quasi sempre la progenie e’ infetta.

Comunque si riteneva che i “figli del diavolo” generati dalle streghe non fossero veramente figli di un demonio ma di uomini, in quanto il Concilio Laterano IV (1215) aveva stabilito che gli angeli sono privi di sesso, ed essendo i demoni angeli decaduti, possono al piu’ fecondare una donna accopiandosi, in veste di demoni succúbi, prima con un uomo ricevendone il seme per poi passarlo, in veste di demoni incúbi, alla donna. Sembra un’anteprima della banca del seme!

(Comunque Shakespeare non era d’accordo su questa teoria e nel suo lavoro “La Tempesta” dichiarava esplicitamente che Calibano era figlio di una vecchia strega e del Diavolo.)

Alcuni esempi della mano pesante degli inquisitori:

o Wurzburg, Germania, negli anni dal 1627 a 1629. Su 160 processi per stregoneria ben 64 risultano a carico di bambini.

o Wurzburg, Germania, anno 1629. Molti bambini vennero condannati per stregoneria dopo aver subito atti di pedofilia da parte del vescovo locale, del suo cancelliere e di altri ecclesiastici.

o Paesi Baschi, dal 1610 al 1614. Vennero condannate 1600 streghe confesse. Di queste 1300 erano bambini.

• BENANDANTI – Una strana setta nata e cresciuta in Friuli, all’inizio del seicento; si trattava di individui, nati con la membrana amniotica che, protetti da speciali talismani, cadevano in trance e asserivano di andare in tale stato e di notte, a combattere le streghe e i loro malefici. Tanta buona volonta’ comunque non servi’ loro a nulla perche’ l’inquisizione li accuso’ a loro volta di stregoneria (cultori di antichi riti di fertilità) e li fece fuori.

• ARMIERS – Qualche caso in alcune zone dei Pirenei. Un armier era un individuo che sosteneva di avere la capacita’ di vedere le anime dei morti e di conversare con loro. Pare che queste anime irrequiete amassero rifugiarsi in case confortevoli e ben riscaldate, bevendo abbondantemente del vino migliore che pero’ non si consumava.

• SEGUACI DI DIANA(?) – Stando alla confessione di Bellezza Orsini (1540), certe streghe erano raccolte in gruppi presieduti da una patrona eletta per tre anni. Tutte le patrone rispondevano ad una regina, chiamata Befania, residente a Rieti.

 

 

§ 26 – LIBRI DI MAGIA

 

Il libro di magia piu’ utilizzato dalle streghe pare sia stato il “Libro del Comando”, sovente citato e, a quanto si dice, ancora oggi in uso presso:

• le streghe (masche) del Piemonte e dell’Alta Savoia

• le streghe (strie) del Tonale

• le streghe del Beneventano

• le streghe dell’Isola di Man (Inghilterra)

Malgrado tali affermazioni si sospetta che questo libro non sia mai esistito e che si tratti di uno di quei numerosi manuali di stregoneria noti come “Grimoires”.

 

Di grimoires invece ce ne sono moltissimi. Sono apparsi, sotto forma di manoscritti, intorno al 1100-1200 e, con l’avvento della stampa, malgrado le interdizioni della chiesa, si sono rapidamente moltiplicati e diffusi in tutta l’Europa.

I grimoires, anche oggi facilmente reperibili in librerie specializzate, contengono una quantita’ di ricette, piu’ o meno strane, nonche’ raccolte di formule magiche per eseguire sortilegi, metamorfosi, prevenire le corna ed altre singolari magie.

Molti di essi riportano anche formule di “contro-magia” per sciogliere incantesimi, cacciare il malocchio e comunque difendersi da eventuali magie negative operate a danno del lettore.

 

La presunta strega Bellezza Orsini, giustiziata nel 1540 a Roma per aver compiuto numerosi malefici, nel corso del processo affermo’ di possedere un libro di 180 fogli contenente “tutti li segreti boni et cattivi…”.

Questi libri venivano tramandati da una generazione all’altra, da maestra a discepola. Tra i piu’ famosi grimoires si ricordano:

• La Clavicola di Re Salomone (testo ebraico molto antico)

• Il Dragone Rosso (riedizione del precedente, circa 1650)

• Il Grande Alberto

• Il Piccolo Alberto

• Il Grimoire di papa Onorio III (sic), grande conoscitore di arti magiche (1216-1227)

Recentemente, alcuni autori hanno creduto vedere, in un libro apparso intorno al 1586, una riedizione della “Clavicola di Re Salomone”. Il libro in questione, conosciuto anche come “Manoscritto di Voynich”, ha resistito , fin ora, ad ogni tentativo di decifrazione.

Si suppone comunque trattarsi di una truffa, abilmente operata ai danni di Rodolfo II, imperatore del Sacro Romano Impero.

 

 

§ 27 – INGREDIENTI E RICETTE

 

Dai manuali di stregoneria citati in § 26 (grimoires) si rileva come le streghe utilizzassero, oltre alle erbe, altri ingredienti che oggi ci sembrano quanto meno strani se non disgustosi. Anzi per alcuni di essi ci si chiede quali reali possibilita’ avessero di procurarseli; pensiamo, ad esempio, al “grasso di neonato non battezzato” sovente indicato come ingrediente base per numerose applicazioni.

 

Solo per curiosita’ del lettore citiamo alcuni componenti ed alcune curiose ricette, dubitando fortemente che alcuni di essi siano mai stati veramente utilizzati. L’elenco e’ ovviamente incompleto e puramente indicativo.

• Ingredienti vegetali:

o acconito

o achillea

o alligante

o aloe

o belladonna (erba delle streghe)

o cicuta virtuosa

o cinquefoglie

o datura stramonio (erba del Diavolo)

o fiori di pervinca

o funghi vari

o hascish

o maggiorana

o menta

o muffe varie

o pastinaca acquatica

o ruta

o salvia

o segale cornuta

o solano

o valeriana (radice)

o verbena

o zafferano

o . . . . .

• Ingredienti diversi:

o aceto

o ali di pipistrello

o cervello di gatto

o corda di impiccato

o escrementi di rospo

o fiele di vacca

o fuliggine

o grasso di neonato

o lombrichi

o marmellata di ragni

o olio aromatico

o ossa di morto

o rane e rospi (essicati e polverizzati)

o rognoni di topo

o salnitro

o sangue di piccione

o sangue di pipistrello

o zolfo

o . . . . .

La “mandragora”, pianta magica per eccellenza, poteva, a volte, essere usata come ingrediente ma generalmente la sua funzione era un’altra.

La radice della mandragora, che ricorda vagamente la forma umana, veniva scolpita e lavorata, seguendo un puntiglioso rituale, per ottenere il “magistello”, talismano particolarmente caro alla strega in quanto si riteneva avesse un particolare potere protettivo per la strega stessa, preservandola da magie e sortilegi operati da altre streghe nemiche o concorrenti.

 

A proposito di ricette:

• Le pomate, con le quali le streghe si spalmavano il corpo per predisporsi al volo notturno, sarebbe state costituite da parti di acconito, belladonna e cicuta; il tutto mescolato e reso consistente mediante fuliggine, grasso (di neonato ?), sangue di pipistrello e un poco di olio aromatico.

• Mancando a quei tempi la pillola si poteva ottenere un anticoncezionale “sicuro” polverizzando delle corna di cervo castrato e miscelando poi con fiele di vacca; dopo opportuna essicazione, il tutto doveva poi essere nuovamente ridotto in polvere. Ogni venerdi la donna doveva cospargersi il corpo con detta polvere e l’effetto era garantito per una settimana.

La controindicazione nasceva dalla difficolta’ di trovare un cervo disposto a rimetterci, oltre agli attributi, anche le corna.

• Per sedurre un uomo era sufficiente raccogliere qualche fiore di pervinca ed alcuni lombrichi; for bollire il tutto, dissecare e ridurre il residuo in polvere da cospargere sull’uomo desiderato.

• Piu’ sbrigativamente: ungersi labbra e lingua con olio santo, rubato in chiesa, e poi baciare l’uomo.

 

 

 

PARTE III – FINE DI UN INCUBO

 

 

§ 28 – SFATARE LA LEGGENDA

 

Molti ricercatori che si sono dedicati all’argomento del genocidio delle streghe avevano avuto modo di constatare, non senza qualche perplessita’, come molte presunte streghe, interrogate dagli inquisitori, mentre negavano tenacemente certe accuse (sino a farsi torturare), non avevano particolari remore ad ammettere di avere “volato” e di avere “partecipato al sabba”.

Ammissioni fatte con convinzione ed in totale buona fede, che hanno notevolmente stupito gli studiosi, sino a quando qualcuno non comincio’ a considerare con attenzione gli insoliti ingredienti che entravano nei ricettari dei libri di magia. (§ 27)

 

Una spiegazione convincente e’ stata data dallo studioso A. J. Clark (Rif. 140) che ha posto particolare attenzione sulle sostanze allucinogene e stupefacenti, contenute nei ricettari, capaci di indurre nelle streghe stati transpersonali assai simili a quelli prodotti da certe droghe moderne.

 

In realta’ le streghe non volavano e non partecipavano al sabba ma erano “convinte di farlo” a causa delle droghe che assorbivano quando si denudavano e si spalmavano il corpo con i loro unguenti magici.

Lo stato confusionale nel quale si svegliavano, dopo qualche ora da tale trattamento, non faceva altro che convincerle di avere veramente partecipato ad eventi impossibili che in realta’ erano solo degli incubi auto-indotti. In particolare:

• la sensazione di volare, di spostarsi rapidamente e di superare istantaneamente grandi distanze era dovuta specialmente all’assorbimento, attraverso la pelle (unguenti), di massiccie dosi di acconito, belladonna, pastinaca ed altri componenti minori.

Durante il breve tempo necessario per l’assorbimento cutaneo, queste sostanze davano una sensazione di caduta o di galleggiamento nel vuoto assai simile a quella del volo. Tenuto conto che la strega stessa desiderava “volare”, la sensazione prodotta era gia’ di per se una cosa convincente.

• la partecipazione al sabba e sopratutto al banchetto (virtuale) era la realizzazione, in sogno, di quel problema che assillava quotidianamente la strega: mangiare; illudersi di mangiare, qualche volta, sino alla completa sazieta’! Se questo non poteva essere realizzato allo stato cosciente allora la strega si abbandonava nel suo delirio alla sensazione di potersi finalmente nutrire.

Tale sensazione era dovuta all’assorbimento, oltre che dei composti sopra citati, anche di dosi ben regolate di estratto di cicuta. E’ stato notato che molte ricette comprendevano anche la cicuta ma sempre in quantita’ non mortali.

(Per inciso: alcune popolazioni andine usano masticare foglie di coca (betel?) per meglio sopportare la fatica ma sopratutto i morsi della fame).

• la copulazione coi demoni, altro desiderio sovente represso a livello cosciente che veniva invece soddisfatto a livello di sogno, mediante altri ingredienti a base di sostanze oppiacee e hascish (canapa indiana) che avevano il potere di agire sulle mucose vaginali ingenerando violenti stati di eccitazione.

L’assorbimento di dette sostanze e di altre, in dosi minori, poteva condurre a stati di schizofrenia, di eccitazione motoria e di offuscamento delle capacita’ percettive per cui la strega, cosi drogata, vagava di notte in stato di incoscienza per poi ritrovarsi al risveglio in luoghi insoliti, lontani dalla sua normale abitazione. Lo stato confusionale e di amnesia che ne seguivano inducevano la strega a credere di aver partecipato ad eventi straordinari e di aver soddisfatto tutti quei desideri che allo stato normale erano repressi e irrealizzabili.

 

Approfittando di questa disposizione delle streghe ad ammettere come vere certe assurdita’ (volo, sabba, ecc.), gli inquisitori ebbero buon gioco nel trasformare tali sogni in colpe reali, di cui accusavano le streghe stesse, corredandole con tutte quelle stupidaggini, frutto della fantasia di certi teologi e che sono state citate nei paragrafi precedenti.

 

Nei secoli della caccia alle streghe, oltre alle note epidemie di colera, vaiolo e peste, ci furono anche quelle di “ergotismo” dovute alla presenza infestante nelle colture della “segale cornuta”. Se presente in quantita nei cereali, e conseguentemente ingerita, poteva provocare terribili allucinazioni. Non e’ pero’ certo che questa sostanza sia entrata a far parte dei ricettari delle streghe.

 

Da ricordare che alcuni medici dell’epoca quali G. Cardano (1557), E.Jones, J.Cotta ed altri, rischiando seriamente in proprio, avevano cercato di sfatare le bugie degli inquisitori dimostrando come molti dei mali che si attribuivano alle streghe erano solo fatti isterici, epilettici conseguenti all’abbruttimento dovuto alla malnutrizione.

Secondo il Cardano, era sin troppo facile indicare come in preda la demonio gruppi di donne solitarie e miserabili che vivevano nelle valli prealpine, nutrendosi quasi esclusivamente di castagne e verdure selvatiche, cosa che le rendeva deformi, macilente, scontrose, sovente pazze a causa di allucinazioni dovute alla fame.

 

 

§ 29 – FINE DELL’INCUBO

 

Sviluppatosi in sordina, gia’ a partire dal XIII secolo, e toccati vertici allucinanti, il genocidio delle streghe ando’ lentamente attenuandosi, sul finire del 1600, non senza sussulti e tardivi rigurgiti di intolleranza.

I motivi che concorsero all’attenuazione del fenomeno sono diversi e tra i piu’ importanti si annoverano:

• la nascita del cartesianesimo quale poderoso rivale della filosofia scolastica;

• la nascita e la divulgazione, tra mille impedimenti, delle opere di Copernico, Newton, Galileo, Keplero ed altri;

• il lento radicarsi nelle coscienze di una filosofia meccanicista in opposizione alle menzogne della chiesa in fatto di miracoli, spiriti, divina provvidenza, utilita’ della preghiera ed altre simili;

• l’attenuarsi di una superstizione religiosa totalmente cieca ed i primi cedimenti di un credo imposto per secoli con la ferocia ed il terrore;

• il rifiuto del dogmatismo e del principio d’autorità della chiesa;

• l’attenuarsi della crisi economica e il lento miglioramento delle condizioni di vita, sopratutto nel mondo rurale;

• il miglioramento generalizzato dei salari e la quasi totale scomparsa dell’inflazione;

• l’influsso dell’umanesimo e la lenta ma costante diffusione di una cultura di base dovuta, nella prima meta’ del 1700, all’opera di scrittori illuminati e degli enciclopedici francesi;

• la depenalizzazione del reato di stregoneria, di per sè palesamente assurdo, operata da alcuni stati a partire dal 1700

Tutto cio’ contribui’ alla eliminazione quasi totale dell’orrenda persecuzione, in tutti i paesi europei, con non poche eccezioni ed in tempi diversi. Per quanto riguarda gli anni di celebrazione degli ultimi processi si ha:

• Austria 1775

• Danimarca 1762

• Francia (territori) 1783

• Germania (territori) 1805

• Inghilterra 1717

• Irlanda 1711

• Italia (territori) 1859

• Olanda 1659

• Polonia 1776

• Scozia 1727

• Spagna 1820

• Svezia 1779

• Svizzera (cantoni) 1782

• . . . . .

comunque non tutti conclusi con condanne a morte.

 

Per quanto invece concerne gli anni di esecuzione delle ultime sentenze capitali abbiamo:

• Austria 1750

• Danimarca 1693

• Francia (Alsazia) 1683

• Germania (Kemten) 1775

• Inghilterra 1685

• Irlanda 1711

• Italia (Palermo) 1724

• Olanda 1609

• Polonia 1775

• Scozia 1708

• Spagna 1781

• Svezia 1710

• Svizzera (Glarona) 1782

• . . . . .

Parlando di eccezioni, al di fuori delle date citate, ecco alcuni casi eclatanti:

• 1894 – In Irlanda una presunta strega viene torturata a morte da alcuni “nostalgici” senza alcun processo.

• 1900 – Sempre in Irlanda alcuni volenterosi bruciano viva una strega, nel suo stesso focolare.

• 1981 – In Messico un marito denuncia alla folla la propria moglie accusandola di aver provocato l’attentato a Giovanni Paolo II con un rito magico. La devotissima folla si affretta ad accoppare la donna a colpi di pietra.

• 2001 – Nell’Italia meridionale un’intera famiglia, genitori compresi, viene arrestata per aver provocato la morte di un neonato nel corso di un rituale magico.

Tanto per citare. Ad Alessandria (I) molti anziani ricordano ancora un frate briccone che, sul finire degli anni 30, in una chiesa di via S.Francesco d’Assisi, praticava un rito contro il malocchio.

Malgrado fosse stato diffidato dal vescovo e dal podesta’ fascista, introduceva in chiesa di nascosto, alle tre del mattino, madame sprovvedute e relativi marmocchi, che cascavano in terra dal sonno, ed eseguiva uno strano rito di contro-magia capace di togliere l’eventuale malocchio gettato sul pupo, non si sa bene da chi.

Tariffa: uno scudo d’argento (all’epoca = 5 lire) che a quei tempi era una cifra di tutto rispetto. Poi venne la guerra e il frataccio spari’ dalla circolazione.

 

§ 30 – STREGHE OGGI

 

Nel secolo ventesimo il progresso scientifico e tecnologico e’ stato tale da lasciar presumere che la stregoneria in generale potesse essere relegata tra le memorie del passato.

Invece e’ avvenuto esattamente il contrario; limitatamente alla sola Europa, l’aumento delle streghe e’ stato, a dir poco, vertiginoso.

 

Dobbiamo ora abbandonare la premessa del § 02 dove il termine “strega” era utilizzato in senso neutro. L’enorme sviluppo degli operatori di magia ha visto emergere prepotentemente gli uomini, tanto da rendere un po’ obsoleto il termine strega. Oggi e’ piu’ corretto parlare di maghi e di maghe.

 

Questo non significa che le streghe “vecchio stampo” siano sparite; si sono solo modernizzate, aggiornando il loro modo d’essere e di operare, i loro prodotti e la loro attivita’ in conformita’ alla domanda di mercato.

 

Praticamente il progresso della conoscenza e la diffusione ad ogni livello sociale di una cultura scientifica di base non sono stati sufficienti per eliminare nell’uomo il “bisogno di credere”, la “la necessita’ di una qualsiasi fede malriposta”, un qualcosa a cui aggrapparsi ciecamente senza tanti ragionamenti logici e razionali; ragionare resta ancora un’attivita’ scomoda e faticosa e quindi e’ molto piu’ facile abbandonarsi ad un qualsiasi credo pre-confezionato senza porsi troppi problemi.

In fondo la religione e la magia (che sono la stessa cosa) prosperano nella misura in cui l’individuo sente la necessita’ di autoammettere, inconsciamente, la propria stupidita’.

 

Oltre a tutto, l’offerta del mercato di prodotti consolatori-illusori e’ notevole e sostituisce benissimo gli analoghi prodotti, sorpassati e sclerotici, offerti da una chiesa ormai decadente che morde impotente il freno di fronte ad una concorrenza sempre piu’ serrata sul mercato del divino.

 

La situazione e’ precipitata a partire dagli anni settanta quando Marilyn Ferguson, riprendendo le istanze del ’68, ha pubblicato il suo manifesto della New Age (la nuova era o, come qualcuno ha detto, l’era della morte di Dio).

Certamente l’autrice non immaginava di porre in essere un enorme calderone in cui confluiscono, in una grandiosa confusione, tutti quei movimenti spirituali, settari, animistici, pseudo religiosi e magici nati in opposizione ai culti ufficiali tradizionali.

Si va dai dagli antichi culti della fertilità (wicca) a forme, più o meno idiote, di satanismo.

 

Tornando alle nostre streghe, come le abbiamo conosciute nei paragrafi precedenti, e’ importante mettere in evidenza come la loro arte ed il loro modo d’essere si siano evoluti in barba ad un clero massacratore e certamente nostalgico del sentore di carne bruciata che emanava dai roghi. In particolare:

• L’eta’ media delle streghe si aggira, oggi, sui 35-40 anni.

• Hanno quasi tutte una cultura di livello medio-superiore e molte risultano laureate.

• La cura del loro aspetto e della loro presenza in pubblico sono diventati fattori essenziali per l’esercizio delle arti magiche, tanto che molte vestono abiti firmati, che possono permettersi viste le tariffe da capogiro che chiedono per esercitare i loro sortilegi.

• Alcune di loro sono giovani e molto belle al punto che parecchi uomini sarebbero disposti a siglare un patto col Diavolo pur di trascorrere con le medesime qualche movimentata notte di Valpurga.

• Non si spalmano piu’ con unguenti disgustosi; preferiscono frequentare le profumerie del centro; pare che la linea di prodotti di bellezza piu’ gettonata sia quella della Chanel.

• La vecchia scopa e’ stata relegata in un angolo per cui si recano ai sabba annuali in areo, in treno o in automobile.

• I sabba si svolgono preferibilmente nelle meeting rooms di prestigiosi alberghi a quattro o cinque stelle.

 

• Al sabba, dove si discutono problemi professionali e di marketing, il Diavolo (in profonda crisi esistenziale) non si fa piu’ vedere.

• Dai banchetti e’ stata rigorosamente esclusa la carne di neonato-non-battezzato, preferendo ad essa cocktails di gamberetti, tartine al salmone, al caviale, ecc.

• Oggi nessuna strega va piu’ in giro a raccogliere erbe e a procurarsi certi ingredienti disgustosi, come quelli di § 27. Filtri d’amore, acque di luce, sangue di Giuda, sangue di drago, ecc. sono prodotti su scala industriale e possono essere acquistati all’ingrosso presso ditte specializzate, scegliendoli da cataloghi strettamente riservati ai soli operatori del settore.

• Tutte le streghe moderne affermano di non praticare la magia nera e di non gettare il malocchio, ma non si esclude che cio’ possa essere fatto in segreto. In fondo e’ il cliente che lo chiede e ….paga!

Tutto questo per quanto riguarda le streghe ancorate alle tradizioni. Il mercato dell’illusione e’ pero’ molto piu’ ampio, diversificato e, in massima parte, gestito da operatori uomini: i maghi. Di questi maghi molti appaiono sovente in televisione dove, puntualmente, fanno delle figuraccie da sprofondare sotto terra. Sono in genere specialisti di:

• astrologia

• cartomanzia

• chiromanzia

• divinazione

• occultismo demoniaco

• occultismo miracolistico

• panteismo

• pranoterapia

• satanismo

• spiritismo e necromanzia

• telescrittura

• ufologia

• ecc.

Insomma tutto quanto puo’ servire per illudere i figli di quella famosa Grande Madre che e’ sempre incinta.

 

In Italia una buona parte degli operatori magici aderisce al sindacato “USAODE-CISL” che si batte per l’istituzione di albi professionali, regolamentazione delle tariffe(?), ricevute fiscali ed altri problemi gestionali sovente in collisione con il fisco.

 

 

Da notare che la “CISL” e’ un sindacato “cattolico”.

 

Secondo stime eseguite, qualche anno addietro, dal sindacato USAODE-CISL, in Italia ci sarebbero circa 150.000 operatori dell’occulto (il doppio dei preti cattolici presenti nel paese) che servono una popolazione di 15 milioni di clienti, dei quali 60% donne e 40% uomini. Quanto al livello di istruzione dei clienti si ha:

• 30% = laureati

• 40% = diplomati

• 15% = licenza media inferiore

• 15% = licenza elementare

Gli operatori realmente iscritti al sindacato sono circa 2000.

 

La distribuzione degli operatori dell’occulto sul territorio nazionale non e’ uniforme. Si va, secondo dati Istat:

• da un massimo di un mago ogni 9500 abitanti (Alessandria)

• ad un minimo di un mago ogni 21400 abitanti (Catania)

Il giro di affari e’ vorticoso e pare superi di molte lunghezze il famigerato otto per mille che gli sprovveduti destinano annualmente al Vaticano.

 

Infine, stando a quanto si crede, le grandi citta’ magiche europee sarebbero oggi:

• Lione

• Londra

• Parigi

• Praga

• Stonehenge

• Torino

In particolare, qualche burlone ha sparso la voce che Torino (uno dei vertici del triangolo magico Torino-Lione-Praga) abbia un collegamento diretto con gli Inferi, dove soffrono le anime dei defunti. L’ingresso sarebbe situato sotto il basamento dell’Obelisco del Meridiano (guglia Beccaria), in piazza Statuto. A mezzanotte in punto, se accostate l’orecchio all’obelisco, potete ascoltare i gemiti dei dannati e percepire un vago sentor di zolfo.

 

 

 

 

APPENDICE

 

Gatti e Demoni

Sin dall’inizio del cristianesimo i gatti non hanno mai avuto molta fortuna con la chiesa. Specialmente quelli neri.

Anticamente, in Egitto il gatto era considerato un animale quasi sacro. Chi maltrattava un gatto poteva essere punito con la morte. Quando un gatto moriva i componenti della famiglia che lo ospitava si rasavano le sopracciglie in segno di lutto e, dopo l’imbalsamazione, l’animale veniva inumato con una cerimonia di tutto rispetto.

La dea egiziana Bastet era raffigurata con una testa di gatto. Sin dai primordi della civilta’ e’ sempre stata riconosciuta al gatto la fondamentale utilita’ di tenere granai e magazzini di derrate sgombri dai topi.

Poi venne il cristianesimo illuminato che proclamo’, naturalmente in nome di dio, lo sterminio dei gatti, definendoli animali del demonio.

A dare il via a questa santa crociata fu quell’anima pia di Gregorio IX, attorno agli anni 30 del XIII secolo, e da allora (e ancora oggi) il domestico felino, quale simbolo del male e del demonio, ne ha subite di tutti i colori:

• durante la caccia alle streghe molti vennero atrocemente torturati e gettati sul rogo con la loro padrona;

• per secoli, il 24 Giugno che, in molti paesi d’Europa, era considerato la festa delle streghe, migliaia di gatti vennero:

o gettati vivi dai campanili delle chiese

o rinchiusi in gabbie ed arrostiti a fuoco lento sulle pubbliche piazze

o scorticati vivi

o uccisi a bastonate;

• lo stesso accadeva il martedi grasso, prima delle ceneri, e in altre “sante” manifestazioni religiose;

• molti venivano seppelliti vivi nelle fondamenta delle case per favorire una “maggiore solidita’ del muri”;

• si uccidevano gatti dopo la mietitura come buon auspicio per i raccolti futuri;

• oppure, con il fumo di una gatto bruciato vivo, si affumicava il bestiame per preservarlo dalla moria;

• un pizzico di cenere di gatto sparso in casa, favoriva il benessere e la felicita';

• infine, forte della bolla di Gregorio IX, ogni cristiano poteva acquistare speciali meriti agli occhi di dio torturando atrocemente e poi uccidendo qualsiasi malcapitato felino.

Ancora oggi a Ypres (Francia), il 24 Giugno si usa gettare i gatti da una torre; i gatti oggi sono cambiati, vengono confezionati in stoffa, ma quella che non e’ mutata e’ l’ancestrale imbecillita’ di quelli che si dedicano a questo “sport” sotto lo sguardo compiaciuto ed indulgente della pretaglia locale.

 

 

Le regole d’oro di Eymerich

Nicolau Eymerich era uno che si preoccupava particolarmente della forma. Nel suo manuale (Rif. 165) stabilisce delle regole precise su come e quando (praticamente sempre) applicare la tortura mediante strappi di corda.

• 1 – Si tortura l’accusato che vacilla nelle risposte, affermando ora una cosa, ora il contrario, ma sempre negando i capi di accusa piu’ importanti. Si presume in tal caso che l’accusato nasconda la verita’ e che incalzato dagli inquirenti, si contraddica. Qualora negasse una volta e poi si confessasse e pentisse verrebbe considerato come un eretico penitente e quindi condannato.

• 2 – Sara’ torturato l’accusato che abbia contro anche un solo testimone. La pubblica nomea ed un testimone costituiscono insieme una mezza prova, cosa del tutto naturale dal momento che una sola testimonianza vale di per se’ come un indizio. La regola testis unus, testis nullus vale per la condanna ma non per la presunzione. Una sola testimonianza a carico e’ dunque sufficiente, anche se la testimonianza di uno solo non ha la stessa forza di un giudizio civile.

• 3 – L’accusato contro il quale sussistono uno o piu’ indizi gravi deve essere torturato. Il sospetto piu’ gli indizi non sono sufficienti. Per i preti basta il sospetto (ma solo i preti infami saranno torturati). In questo caso sussistono numerose e sufficienti condizioni.

• 4 – Sara’ torturato l’accusato contro il quale deporra’ un solo testimone in materia di eresia e contro il quale si abbiano indizi veementi e violenti.

• 5 – Il sospettato contro il quale esistono piu’ indizi veementi o violenti verra’ torturato anche se non si hanno testimoni a carico.

• 6 – Quindi a maggior ragione si dovra’ torturare colui che, a somiglianza del precedente, avra’ contro di se la deposizione di un testimone.

• 7 – Il sospettato contro cui si ha solo diffamazione o un solo testimone o un solo indizio non verra’ torturato perche’ una di queste condizioni da sola non basta per procedere alla tortura.

 

 

Madame Voisin

Accadde a Parigi nel 1679-1680. La Marchesa di Montespan e’ costretta a lasciare la sua prestigiosa posizione a Versailles. Amante di Luigi XIV dal 1667 al 1679 (undici anni, un record), periodo durante il quale regalo’ al Re Sole ben 8 figli, ha dovuto cedere il posto ad altra concorrente piu’ giovane ed avvenente.

 

La Marchesa pero’ non si da’ pace e cerca disperatamente qualsiasi artificio per poter riconquistare il favore del re.

Viene cosi’ in contatto con una celebre strega parigina di quei tempi, Madame Voisin e con un certo Abate Guilbourg (prete regolarmente ordinato), noto negli ambienti della Corte per certe sue stranezze tra le quali quella di officiare, in gran segreto, messe nere che poi in realta’ si concludono in orgie sfrenate per il diletto dei nobili partecipanti.

 

I due convincono la Montespan che solo l’intervento del Diavolo potrebbe favorire il ritorno della Marchesa nell’alcova del re e decidono di invocare il suo aiuto con un’adeguata serie di messe nere.

La celebrazione in questione, secondo un rito inventato dallo stesso abate, prevedeva:

• un altare costituito dal corpo nudo della Montespan disteso su un tavolaccio

• calice ed ostensorio sistemati tra le gambe e sul pube della Marchesa

• ostie impastate con materiali innominabili e consacrate dall’officiante con inedite bestemmie

• recitazione della messa al contrario, dall’Ite missa est all’Introibo….

• benedizione eseguita con sangue di animali domestici sacrificati al momento o con sperma umano (o, come alcuni sostengono, con sangue di bambini sacrificati ai demoni Astaroth e Asmodeo)

• conclusione del rito con un bacio osceno del celebrante alla postulante.

Divenuta la cosa di pubblico dominio, la Corte ordino’ un processo che fece scandalo in tutta l’Europa e che si concluse con:

• la condanna della Montespan al confino perpetuo nella sua tenuta di Bourbon-L’Archambaut, dove mori’ nel 1707, all’eta’ di 67 anni

• la condanna al rogo della Voisin che venne eseguita il 22 Febbraio 1680 sulla Place de Grève di Parigi

• la condanna del Guilbourg ad essere murato vivo nella cella di un convento. Alcuni autori pero’ nutrono dubbi sulla vera sorte del singolare abate.

________________________________________

 

L’Isola di Man

Ancora oggi, ed esattamente nella notte tra il 2 ed il 3 Febbraio, le streghe accorrono, da tutte le parti del mondo, ad un grandioso sabba sull’Isola di Man, situata tra l’Inghilterra e l’Irlanda.

Su questa isola, in localita’ Witches Mill, esiste uno dei piu’ importanti musei delle streghe. Pare che le streghe partecipino al sabba incarnandosi nei molti gatti senza coda che popolano l’isola.

Comunque il locale …Ente per il Turismo puo’ dare molte informazioni in proposito.

________________________________________

 

Padrone e cavallo

In Scozia nel 1600 un tribunale mando’ al rogo un allevatore ed il rispettivo cavallo. Il tapino venne accusato di praticare la magia perche’ aveva insegnato al suo cavallo a fare la riverenza, piegato sulle zampe anteriori.

________________________________________

 

Quelle di Triora

Gerolamo del Pozzo, inquisitore di Triora (Albenga), nell’autunno del 1588, prima di dare inizio al processo, tenne una strepitosa predica per “preparare” il pubblico all’evento. Nel corso di tanto sermone affermo’ che le streghe sotto accusa, tra le altre cose:

• giocavano a palla con bambini appena nati

• facevano rivivere i morti

• preparavano filtri d’amore e d’odio con cadaveri putrefatti

• facevano uscire dalle loro vulve bruchi, cavallette e topi per devastare i raccolti

• orinavano sull’ostia sacra

• ed altre vaccate del genere.

(Sui fatti di Triora vedere su questo sito Triora, la Salem d’Italia)

________________________________________

 

Riconquistare il marito infedele

Sortilegio abbastanza laborioso da eseguire ma di sicuro effetto, come ebbe ad affermare la strega Gabrina durante il processo a suo carico, celebrato a Reggio Emilia nel 1375. La Gabrina non fini’ sul rogo; venne “solo marchiata a fuoco ed ebbe la lingua amputata”.

La moglie deve strapparsi alcuni peli del pube, aggiungerli a qualche frammento d’unghia del marito e poi porre il tutto dentro il cuore di una gallina nera.

La donna deve poi infilarsi il cuore della gallina nella vagina e, tenendo in mano una candela benedetta accesa, fare nove passi. Alla fine si trita finemente il tutto e lo si mescola a qualche pietanza da servire al marito fedifrago.

________________________________________

 

Tiratore scelto

In Inghilterra, ai tempi di Maria la Sanguinaria, un arciere di eccezionale bravura nel centrare i suoi bersagli, e’ finito sul rogo in quanto accusato di aver acquistato la sua abilita’ con un patto col Diavolo.

________________________________________

 

S. Carlo Borromeo

Non e’ stato un cacciatore di streghe in senso stretto, ma un accanito …tifoso. Incoraggiò i gesuiti nella loro opera di purificazione del mondo, promuovendo e plaudendo ai mumerosi processi ed alle esecuzioni della Valle Mesolcina. In questa occasione vennero tenuti 162 processi conclusi con 12 esecuzioni, nel corso delle quali le streghe vennero bruciate vive, legate a testa in giù al palo del rogo. Una singolare variante ai tradizionali sistemi.

________________________________________

 

Keplero

Nella seconda meta’ del 1600, nel villaggio di Gorlingen (Leonberg), la vedova Katharina Keplero, madre di Giovanni Keplero, e’ stata per lunghi anni sospettata e perseguitata per stregoneria a causa della sua opera di guaritrice. Non e’ mai stata condannata.

________________________________________

 

SENTENZA DEL 16 NOVEMBRE 1632

Archivio di Stato di Lucerna-Fascicolo COD. 4545

 

Nel mese di settembre ultimo scorso il signor tenente colonnello Ludwig Am Rin, cavaliere, attualmente balivo del territorio dell’Entlibuch, ha appreso che una bambina di nome Cathrin Schmidlin di anni 11, nata a Roomos, si era vantata in due luoghi differenti di essere capace di fare piccoli uccelli. Si e’ poi anche detta disposta a provarlo dinanzi a persone onorate. Quando non vi e’ riuscita, si e’ giustificata spiegando di poterlo fare solamente da sola e di notte, perche’ un piccolo ragazzo nero e malvagio, che era venuto spesso a trovarla, le aveva proibito di fare uccellini quando la gente poteva vederla. Dopo di che e’ stata tradotta in carcere, dove e’ stata interrogata con ogni severita’ sui menzionati indicia dal signor magistrato municipale Mooren e da altre persone appositamente incaricate.

In presenza del signor magistrato municipale e dello scrivano essa ha ripetuto di poter fare, se vi si fosse dedicata con fermo proposito, uccelli muniti d’occhi, cuore e vitalita’. Ha aggiunto che, quando e’ sola, ne risultano uccelli di varie specie, che becchettano sul suolo e svolazzano, e che ha appreso il modo di farlo da un ragazzo malvagio di nome Blundtsch, il quale la chiama Fighetta Stracciona.

 

Item il ragazzo, quando e’ venuto da lei nella torre, le ha promesso di farle fare uccelli davanti ai signori, ordinandole pero’ di giurare di non pregare e di non mangiare il pane sacro.

 

Item il ragazzo l’aveva solleticata nella natura segreta con il membro, che essa ha visto e le e’ molto piaciuto e l’ha spudoratamente toccato in tutta la sua dimensione.

 

Item il Blundtsch l’ha spesso solleticata nel modo descritto anche nella torre, nella quale essa e’ stata poi ripetutamente trovata completamente sconciata.

 

Item il soggetto addetto alla sorveglianza ha udito lo spirito malvagio, la cui presenza e’ sta spesso avvertita nella torre, parlare tre volte con la bambina, in un linguaggio che pero’ non ha capito e che pareva meridionale. La bambina non ha voluto rivelare di che cosa le aveva parlato. Il ragazzo usciva sempre con strepito e chiasso da una mezza finestra, lasciando un puzzo cosi’ orribile che il soggetto ha pensato di dover cadere privo di forze.

 

Item dice la bambina che il ragazzo e’ grande come la stanza e che tuttavia puo’ entrare ugualmente dalla finestra; dice inoltre che spazza la paglia sotto il tavolo fino a farla piccola e poi sparire.

 

 

Item appare a volte come un mostro dagli occhi molto infuocati. Quando e’ stanca di lui si fa il segno della croce, innanzi al quale quello se ne fugge.

 

Item a riprova che il ragazzo sa tutto, il soggetto addetto alla sorveglianza denuncia che il chierico venuto con padre Wolfgang l’ha diffidata dal picchiare le bambina e dal trattarla con male parole. Sebbene di cio’ si fosse parlato soltanto di sotto, nella sala, la bambina sopra nella torre lo sapeva e gliel’ha rinfacciato, dicendole che non poteva picchiarla perche’ il chierico del lungo Wolfang glielo aveva vietato.

 

Item si sono accoppiati, che lei voleva sentirlo e il Blundtsch doveva entrare dentro di lei.

 

Item il soggetto si lamenta della grande malvagita’ della bambina, che l’investe con epiteti molto volgari e non cristiani, bestemmie e scongiuri, e che a questo si volge maggiormente dopo che si sono congedati da lei i sacerdoti, ai quali essa dice sempre si si, salvo poi comportarsi in quel modo miserabile.

 

 

Oggi 16 novembre 1632 gli onorevoli podesta’ consiglieri e loro seguito, constatato che non vi era da sperare in alcun miglioramento della bambina, l’hanno fatta strangolare nella torre ma senza toglierle la vita (?), l’hanno racchiusa in un sacco, condotta al patibolo perche’ fosse bruciata e ridotta in cenere assieme a Brigitta Testacanuta, che a sua volta doveva quel giorno essere giustiziata e bruciata.

________________________________________

 

 

ESTRATTO DAGLI ATTI GIUDIZIARI DEL 27 NOVEMBRE 1662

Documento conservato nell’Archivio principale di Stato di Stoccarda – Libro 166, volume 9.

 

Il di 27 del mese di novembre dell’anno 1662 nella foresta, con discrezione (onde prevenire le solite pusillanimita’ e i conseguenti perigli per l’anime) sono stati messi a morte con la spada Isau e Maria, figli dei Lehner di Dürnau.

Ricevuta la denuncia, sono stati ritenuti colpevolo di orribili e reiterate malefatte commesse con compiacimento, rinnegando la divina maesta’ di Cristo, la sua veneranda madre e tutti i santi. Devoti del nemico maligno, hanno vergognosamente disonorato l’ostie consacrate, copulato – la condannata – innumeri volte col nemico maligno, e commesso tra di loro libidinoso incesto.

In accoglimento di una intercessione, sono stati tumulati nella tomba dei bambini innocenti.

 

1. Isau Lehner, all’incirca d’anni 12 o forse 13, dopo aver recitato il Padrenostro, l’Avemaria e il Credo, ed essersi anche fatto il segno della croce, e’ stato molto benignamente interrogato se egli avesse avuto un buon padre. Ha detto di no e, alla richiesta di spiegare il perche’, ha risposto: perche’ cosi’. Ha dichiarato di avere unto con una pomata nera, ricevuta dal nemico maligno, cavalli ed altro bestiame della gente, uccidendoli. Quegli gli ha insegnato anche ogni altra specie di maleficio, e cioe’ per lo piu’ a produrre nebbie, gelate, tuoni e grandine. Doveva fare un cerchio, ungere un bastone con una pomata, anche sopra, e avvolgerlo sotto uno straccio (tutte cose che aveva ricevuto dal demonio), passarlo attorno al cerchio, e allora venivano insetti, pulci, brine, nebbie, tuoni, grandine e mille altre diavolerie. Cosi’ vede subito compiuto cio’ che desidera. Il diavolo gli ha tolto ogni volta il bastone perche’ non fosse rinvenuto presso di lui e quindi perche’ non lo si punisse.

 

2. Dichiara che inizialmente il diavolo e’ venuto da lui nelle sembianze d’una ragazzina grande come la sua sorellina, senza piede caprino, che gli e’ sembrato molto bello, e che solo in seguito ha notato che era invece molto brutto, con corna sulla testa, piede caprino, artigli e una lunga coda; gli ha dato un bastone unitamente a uno straccio e a una pomata, di modo che potesse fare le sopraspecificate nebbie, e gelate, ragni, pulci, tuoni e grandine. Poi gli ha dato due pallottoline, l’una delle quali bianca e l’altra verde, non molto dure, dolce l’una ma l’altra molto amara. Dopo averle mangiate, ha dovuto vomitare.

 

3. Incitato dal laido demonio, ha orinato e defecato nell’acqua benedetta. Sua amante e’ una ragazza di nome Schindele, divenuta sua druda a Dürnau. Se le avesse promesso di non farle alcunche’ di buono, l’avrebbe condotto in un bel luogo.

L’amante indossa una giacca nera, con corna sulla testa, ha una coda lunga e sottile come quella di una mucca, ma non al punto di toccare il suolo e i piedi caprini. Gli ha anche fatto il segno sul braccio sinistro; l’ha esibito ed e’ apparso giallastro.

 

Questo segno il diavolo gli ha fatto per poterlo distinguere dagli altri. Il diavolo gli ha intimato di uccidere se stesso, e anche di paralizzare persone e animali, di dar fuoco a case e compiere ogni male e, perche’ potesse uccidersi, gli ha dato un coltello.

 

4. Ribadisce che, ogni volta che il diavolo e’ venuto da lui, la notte successiva egli e’ immancabilmente uscito dalla prigione. Ha vagabondato con il diavolo e compiuto con lui innumerevoli volte la maledetta lascivia. L’amante che aveva i peli neri, l’ha toccato e [Emembrum una cum emissione seminis immittiret]. Il membro del suo amante e’ freddo, ma il seme caldo, un po’ piu’ denso dell’acqua, e tutto questo egli fa spesso con lui di notte. Poi dormono, pero’ di mattina quello se ne va promettendogli di tornare presto. Il suo amante ha anche fatto cose come quelle dell’altra gente [ubera eius intelligens], che sono dure e con peli neri. Inoltre ha voluto compiere con lui lascivia [a posterioribus]. Ma poiche’ il suo membro era troppo corto, non vi e’ riuscito…..

 

 

7. Quando faceva insetti, pulci, tuoni e grandine, non poteva arrecare danno a luoghi benedetti o aspersi d’acqua santa. il nemico maligno ha anche spesso voluto che gettasse dalla finestra cose che gli aveva dato, perche’ la gente le calpestasse e ne fosse azzoppata e paralizzata. Non e’ pero’ mai riuscito ad arrecare danno ad animali o a persone. A suo padre ha tuttavia paralizzato varie pecore e maiali.

 

8. Si e’ anche ripetutamente accoppiato con la sorella e ha quindi commesso [profente diabolo et arridente] con lei molte volte l’incesto. Dichiara che la prima volta [propter angustiam vulvae] non e’ riuscito a penetrarla. Ora pero’ e’ piu’ larga, tanto da potervi compiere lascivia, anche emettere il seme, e dice che ha preso la sorella nella parte calda e anche analiter, proprio come l’amante diavolo, solo che con la ragazza gli piace di piu’ che con il diavolo….

 

1. Maria Lehner, figlia del suddito Abraham Lehner, nata a Dürnau, d’eta’ fra i 14 e 13 anni. Nega su domanda che il nemico maligno venga ancora da lei, poiche’ adesso prega devotamente e si fa giornalmente il segno della croce. La prima volta il diavolo e’ venuto da lei a Cannzach mentre portava al pascolo il cavallo di Hanss Christa, si e’ accoppiato con lei [immisso dactilo in magnitudine unii-is digiti] e lei ne ha tratto bel godimento, e ha orinato dentro di lei [immissio ad seminis rutans]. Prima pero’ le aveva dato una pallottolina che era molto amara, tanto che aveva dovuto vomitare. Inoltre le aveva dato una pillolina che lei si era dovuta introdurre nell’organo femminile, tuttavia non sa se poi e’ uscita di nuovo oppure no.

 

2. Confessa che il diavolo e’ venuto da lei anche ieri sera, prima che le si portasse da mangiare, comunicandole che la si sarebbe interrogata ed esaminata quest’oggi, ma che se avesse confessato qualcosa le avrebbero tagliata la testa e l’avrebbero bruciata. Dice che egli e’ piu’ santo di dio, che sa tutto; che il suo amante e’ maschio, quello del fratello una ragazza; che entrambi li vedono benissimo e si chiamano Schindele.

Proprio all’inizio, a Cannzach, su un prato, il diavolo le ha tolto sangue dalla mano e da un braccio mettendolo in una ciotola di stagno, spiegando che gli serviva per scrivere. Poi ha detto che lei doveva rinnegare Dio e tutti i santi, e che il suo dio era adesso il diavolo. E cosi’ lei ha rinnegato Dio, la sua reverenda madre, i santi apostoli e il santo angelo custode, dicendo cosi: io rinnego colui che e’ in cielo (perche’ il diavolo non le ha permesso di chiamare Dio per nome), sua madre, i santi apostoli e l’angelo custode nel nome di mille diavoli. Assieme a suo fratello, per ordine del diavolo ha anche orinato nell’acqua santa. Indi il maligno le ha detto di rovesciare quell’acqua santa e di aspergersi con essa perche’ sarebbe migliore dell’altra….

 

4. Il suo amante le ha anche spalmato un unguento su due punti del fianco sinistro, dopo di che le si sono aperti due buchi nel corpo che le hanno fatto molto male prima di guarire finalmente. Ha esibito i segni, di parvenza bianca. Il diavolo le ha detto che doveva segnarla, cosi’ da poterla distinguere da altre persone.

 

5. Il suo amante viene due o tre volte alla settimana, compie atti lascivi con lei, si accoppia con lei e, dopo essersi con lei giaciuto, dorme fino all’alba quando, all’ora della preghiera, egli vola di nuovo via. Inoltre e’ piu’ volte giaciuto con lei il fratellino, la prima volta mentre guardavano le oche e il maiale su un campo dalle parti di Rùedlingen, vicino a un bosco [profente et gaudente diabolo], compiendo con esso incesto, e ben piu’ volte di quante sono menzionate nel precedente protocollo. Le piaceva molto di piu’ quando suo fratello si univa a lei di quando lo faceva il diavolo. Il diavolo si e’ accoppiato con lei anche una volta che perdeva sangue.

 

8. E’ stata piu’ volte col padre e il fratello sull’Heùberg, volando su bastoni unti con una pomata nera: non troppo alti dal suolo, e il diavolo sedeva dietro di lei. Sull’Heùberg sono poi convenute molte persone, uomini, donne e bambini, anche musici con zampogne e violini. Indi hanno mangiato e bevuto, carne e altri cibi oltre al pane, e il vino era rosso. Quando brindavano, lo favevano nel nome del diavolo. Ballavano e saltavano, si accoppiavano ciascuno con il suo diavolo, le ragazze stando sotto e i ragazzi sopra. A capotavola era seduto in poltrona un vecchio diavolo di nome Lucifero, che sollecitava tutti perche’ mangiassero e bevessero a sazieta’ e fossero allegri…..

 

RIFERIMENTI

 

 

100 – APULEIO L. – L’asino d’oro

105 – ARTICIOC – Note e commenti

110 – BATTISTI G.E. – La civilta’ delle streghe

115 – BOCCACCIO G. – Decameron (Giornata I-Introduzione)

120 – BONOMO G. – Caccia alle streghe

130 – BOLZONI F. – Le streghe in Italia

140 – CLARK A.J. – Appendice V – Su Rif. 270

150 – DE ANGELIS V. – Il libro nero della caccia alle streghe

160 – DE ANGELIS V. – Le streghe

165 – EYMERICH N. – Directorium Inquisitorum

170 – FOGLIA S. – Streghe

180 – FRASER J.G. – Il ramo d’oro

190 – GARDNER G. – Witchcraft today

200 – GINZBURG C. -Stregoneria, magia e superstizione in Europa tra Medioevo ed Eta’ moderna

210 – GINZBURG C. – I benandanti. Stregoneria e culti agrari tra ‘500 e ‘600

220 – GINZBURG C. – Storia notturna. Una decifrazione del sabba

230 – HASLER E. – La strega bambina

240 – LEVACK B.P. – La caccia alle streghe in Europa – 2006

245 – LLORENTE J.A. – Historia critica de la Inquisicíon – Parigi 1822

250 – MICHELET J. – La sorcière

260 – MURRAY M. – Il Dio delle streghe

270 – MURRAY M. – Le streghe nell’Europa occidentale

280 – PAVESE A. – Grande inchiesta sulla magia in Italia

290 – PIOBB P. – Formulario di alta magia

300 – SELIGMAN K. – Lo specchio della magia

305 – SOLDAN-NEPPE – Geschichte der Exenprozess

310 – SPRENGER-KRAMER – Il martello delle streghe (Malleus Maleficarum)

315 – VIVAN I. – La caccia alle streghe nell’America Puritana

320 – VOLTAIRE – Dizionario filosofico

 

 

HOMEPAGE

CATALOGO

 

 

 


Mercury Talisman; 2013 Sept 4


We are fortunate to have one of our favourite astrological talismans coming up in September, the Mercury Talisman.  Mercury is in exaltation now in his own sign, we always look for Mercury to manifest his energy into our lives, this particular talisman is for that of Good Will, Wit and Increased Memory something we can all use. This was calculated for San Juan, PR region, however, you can recalculate to your region and time-zone just by setting your information to your areas Sunrise time.

Talisman for Good Will, Wit and Increased Memory - 2013 4 Sept

Talisman for Good Will, Wit and Increased Memory – 2013 4 Sept

This talisman is calculated for Wednesday the 4th day of September 2013 at 07:05 or 7:05 am, Mercury hour on Mercury day he has a +11 in dignity he is in ruler, exalt and face.  Mercury is conjunct the Sun and the Moon is not afflicted.  Note:  This talisman has a small window for consecration you have from 7:05 am to finish it by 7:15 am.

The image is that of a man sitting upon a chair or riding a peacock having eagles feet and on his head a crest and in his left hand holding a cock or fire. Herb:  Marjoram, Parsley and Dill, there are many others but these are the base ones to use you may also use Basil. If you can get your hands on sheet metal you can use tin or silver, silver being if you have virgin silver.  You may also use the stone of Mercury Agate to engrave your images onto the night prior to consecration.  However, you may also use virgin bees-wax or parchment paper as well.

Draw the above image on the front of the talisman an the image of the Seal of Mercury his sigil and his intelligence on the back of the sigil.  If using parchment paper carry this talisman on you in school, when writing or studying, or when you are just wanting all together good energy around you, it is good will.  If on metal or stone wear it around your next on a string if you can otherwise just put it in a lavender mojo bag and place it in your purse or pocket on the left side (whenever you are out), remember it is in your pants so you do not wash it.

Mercury Talisman; Agrippa

Mercury Talisman; Agrippa

You will draw the following symbols on the back your talisman the Magic Square of Mercury and the sigil of Mercury underneath the Magic Square then you will draw his intelligence on the back side with along with the Seal of Mercury (I am attaching the image of the one Agrippa has in his book Three Books of Occult Philosophy for your benefit).  I am also including the magic square so you can see how it is to look.  The Mercury Magic Square adds up to 2080 the Hebrew letters that are used on talismans (just draw them with a true heart and their magic will manifest).

Remember to note you have two images to choose from when drawing or engraving, the first one is the best one to use as it is easier for most to understand

At the appropriate hour light your candle (Yellow for Mercury) and your incense for suffumigation of your talisman ready, you will invoke Mercury using his Orphic Hymn and while chanting his hymn you will suffumigate your talisman holding it over the smoke of the incense.  Once you have finished leave the candle burning until it has burned completely out on its own.  You will chant this hymn eight times as this is the number of Mercury.

The Orphic Hymn to Mercury

The Fumigation from Frankincense

Hermes, draw near, and to my pray’r incline, Angel of Jove, and Maia’s son divine; Prefect of contest, ruler of mankind, With heart almighty, and a prudent mind. Celestial messenger of various skill, Whose pow’rful arts could watchful Argus kill. With winged feet ’tis thine thro’ air to course,

O friend of man, and prophet of discourse; Great life-supporter, to rejoice is thine In arts gymnastic, and in fraud divine. With pow’r endu’d all language to explain, Of care the loos’ner, and the source of gain. Whose hand contains of blameless peace the rod, Corucian, blessed, profitable God. Of various speech, whose aid in works we find,

And in necessities to mortals kind. Dire weapon of the tongue, which men revere, Be present, Hermes, and thy suppliant hear; Assist my works, conclude my life with peace, Give graceful speech, and memory’s increase.


Talisman of Regulas: 18 August 2013


Regulas Talisman

18 August 2013 06:28 am AST Calculated for San Juan, PR Note:  Estimated time is 44 minutes to complete this Talisman The hour is the hour of the Sun on the day of the Sun with Regulas in the rising at 29° Leo 38’ and the Sun applies to Regulas. RegulasTalisman In mediæval magic, Regulas rules the stone granite and the herbs of sallendine, mugwort, and mastic also you may use wormwood. The image is that of a lion, cat or an honourable person seated in a chair, you may also use the head of the lion or cat.  It makes the wearer temperate, gives favour and appeases wrath, dispels melancholy and brings success and happiness. On either a piece of parchment paper cut into a circular shape or that of a ring with that of a head of a lion, a piece of virgin bees-wax draw on the front the head of a lion and on the back draw the sigil of Regulas directly above the image draw the sigil of Leo, around the edges in Hebrew (if familiar with the language) from right to left Proverbs 4:8 or inscribe in English begin at the top and left to right; Proverbs 4:8 “Prize her highly, and she will exalt you; she will honour you if you embrace her.”   Image of Regulas to draw inside of circle on back of talisman below;  Just above this sigil draw the sigil of Leo; making sure to draw the image of the Lion on the front of your talisman and the sigil of Leo and Regulas on the Back of the talisman with Proverbs 4:8 around the sigils on the back in a circle. LeoImage Image12 At the hour prepare your incense and light your candle a yellow and purple candle are good to use, in the East facing as the Sun and Regulas rises, begin drawing your images and while drawing chant the following invocation until you have completed.  Place this in your wallet, on the desk where you pay your bills, or on the altar dedicated to the Sun while being sure to charge it weekly on Sunday in your daily rituals. Incense you use mugwort, wormwood, or Acabia mastic (a white powder) on a charcoal.  Be sure to suffumigate your talisman over the smoke of the incense when finished still chanting the invocation to the Sun.

Using the Invocation to the Sun

“Greetings O Life of the Universe and the Light of the World, answer my call and give me Radiance and Acceptance, O Sun I Call Thee by your Names; in Arabic SHAMS, in Persian MUHR, in Roman IYLYOOS, in Indian AARS and BRAA.  You are the Light and Glory of the World, the middle of all, whom greets the universe and all evil, the fixer and connecter, the highest in levels, the highest in places, I ask you to assist me with this king or all the kings of the earth or support with the state of rank or presidency and make me Radiant and Accepted as you are the Master and King of the Planets.  With you the world lights up and shines, I ask you the Controller of All to have mercy on me and my begging and submissiveness. (Picatrix The Goal of the Wise Vol II)


The Old Religion & the Law of Attraction


By Ariana Clausen – Vélez

2013 July

“The Principles of Truth are Seven; he who knows these understandingly, possesses the Magic Key before whose touch all the Doors of the Temple fly open”  The Kybalion.

The Seven Hermetic Principles, upon which the entire Hermetic Philosophy is based, are as follows:  These principles are based on the Emerald Tablet and those things in which Thrice Greatest Hermes teaches.

I.        The Principle of Mentalism

II.        The Principle of Correspondence

III.        The Principle of Vibration

IV.        The Principle of Polarity

V.        The Principle of Rhythm

VI.        The Principle of Cause and Effect

  1. The Principle of Gender

The Emerald Tablet (Compiled from several early Latin and German versions)

  1. In truth, without deceit, certain, and most veritable.  (Principle of Mentalism)
  2. That which is Below corresponds to that which is Above, and that is Above corresponds to that which is Below, to accomplish the miracles of the One Thing. And just as all things have come from this One Thing, through the meditation of the One Mind, so do all created things originate from the One Thing, through Transformation.  (Principle of Correspondence)
  3. Its Father is the Sun; its mother the Moon.  The Wind carries it in its belly; its nurse is the Earth.  It is the origin of All, the consecration of the Universe; its inherent Strength is perfected, if it is turned into Earth.  (The Principle of Vibration)
  4. Separate the Earth from Fire, the Subtle from the Gross, gently and with great Ingenuity.  It rises from the Earth to heaven and descends again to Earth, thereby combining within Itself the powers of both the Above and the Below.  (Principle of Polarity)
  5. Thus will you obtain the Glory of the Whole Universe.  All Obscurity will be clear of you.  This is the greatest Force of all powers, because it overcomes every Subtle thing and penetrates every Solid thing.  (Principle of Rhythm)
  6. In this way was the Universe created.  From this come many wondrous Applications, because this is the Pattern.  (Principle of Cause and Effect)
  7. Therefore am I called Thrice Greatest Hermes, having all three parts of the wisdom of the Whole Universe.  Herein have I completely explained the Operation of the Sun.  (Principle of Gender)

So what does any of this have to do with the Craft, the Old Religion, Christianity, Druidism, Muslim or any religion and the Law of Attraction for that matter?  It has everything to do with it, it is the foundation of All.  It is the foundation of magic and all in which we manifest into our lives for the good or the bad.  It is the source to the All.  To understand how one you have to understand the other.  To begin the Law of Attraction is not a new thing, it is something that dates back to the beginning of humanity and the first incarnation of Hermes Trismegitus who was the author of the sacred texts Hermetic Corpus and was also known to the Egyptians as Thoth.  Both Thoth and Hermes were gods of writing and of magic in their respective cultures. Thus, the Greek god of interpretive communication was combined with the Egyptian god of wisdom as a patron of astrology and alchemy. In addition, both gods were psychopomps; guiding souls to the afterlife.  Hermes, Thoth, Mercury is the only God that can walk in both the underworld to guide those souls that have passed and the living world.  He is life and death, light and dark.

The Craft is known as the Old Religion it has been around as long as the beginning of humanity.  The Old Religion is not an easy path for anyone to follow, it comes with great sacrifice and solitary workings, it is however, the path in which focuses on the healing arts, astrology, alchemy and magic, which are the three main paths of a Hermetic teachings.  All leading to the Mystic Will, the Law of Attraction, Manifestation of those things we desire the most to have in our lives be it for the spiritual or the material for they are both connected you cannot have one without the other.  It is magic; it is of the mind of the All, One Mind created which is reached from the base of the One Thing.

However, to understand this you need to understand the Seven Hermetic Principles and how they work in our daily lives.  We all do magic, be it in our words, thoughts, feelings, deeds, actions and reactions it is all magic as it comes from the soul which is the heart.

When the Craft is taught and practiced correctly you will find all of these principles embodied not only in the magic but in how you find that deeper connection to self from within, it is used to find inner healing, too communicate with those entities in other dimensions and realms, to guide us to a greater understanding and knowledge of the All that is within us all.  The understanding of the stars and the planets in astrology, an understanding of the elements and how to transform them in alchemy and in that All magic exists, this is the Old Religion, the Craft of the Wise.  When we do our work we tap into our mental universe to manifest it into matter.

We will begin by looking at the first Principle or Rubric; “The Principle of Mentalism”.  “The All is Mind; The Universe is Mental.”  This Principle embodies the truth that “All is Mind.”  The mind creates everything and controls everything, it manifests from the subconscious to the conscious world whether you realise it or not, words do not matter in this case because when you think something for example you send out mentally that you are an amazing, beautiful, successful business man or woman you will materialise this into your life, this being the ride handed side which is of the material plane in where all things manifest into matter.  Also, on the other hand if you are full of self-doubt and feel you are the worth nothing, this will manifest into your life, you will always fail at what you set out to do, be it in love, career, life “The Mind is All”.  What you allow into it will manifest into your material world.

A quote from the Kybalion; “An understanding of this great Hermetic Principle of Mentalism enables the individual to readily grasp the laws of the Mental Universe, and to apply the same to his well-being and advancement.”

Within magic as well as the Law of Attraction we all whether we know it or not work with these principles, be it consciously or subconsciously, our mind is the one connection we have to the All, to everyone we are at some point of the same mind with, the same level or mental capabilities with and we draw to that energy and people, in that we are using the Law of Attraction to connect to those people who end up in our lives.  It is that of mind and hearts all truth.

We take a stone which is a natural object of the earth, some would call this an amulet, a found object, now when you sit down and hold it in your hands and close your eyes you are taking the time to mentally connect to this object, how it was created, where it came from, the energies it will have that you connect to, to manifest that which you seek in your life.  Let us say it is quartz, quartz is clear but within the family it has many colours, magical connections, healing connections, god and goddess connections, planetary connections, numerical vibrations and sounds that from the earth it has grown to carry within this small object that is literally of the earth.  It began as a base object nothing but dirt or solid black stone and over time, many millions of years as it connected to the Mental the All it begins to take form and create its’ own unique shape it manifests into something amazing and beautiful and from that we can mentally connect to the beginning of this object.  It starting out as nothing and ending up as something amazing and beautiful.  This is the Law of Attraction, this is magic this is what we do in the Craft, the Old Religion, and all paths that are of healing, light of both the dark and light for from the darkness light manifests and creates something amazing and enlightened, illuminated when we allow what we want from within to create in our spiritual and material world.

From the Gnostic Bible, chapter the Paraphrase of Shem; Darkness sees the Spirit & Darkness Ejaculates Mind into the Womb of Nature; “When the darkness stirred, the light of the spirit appeared to him.  When he saw it he was astonished.  He did not know that another power was above him.  And when he saw that his likeness was dark compared with the spirit, he felt hurt.  And in him pain lifted up, above the height of the members of darkness, his mind, which was the eye of bitterness of evil.  He caused his mind to take shape in a member of the portions of the spirit, thinking that, by staring down at his evil, he would be able to equal the spirit.  But he was not able, for he wanted to do an impossible thing, and it did not take place.  But in order that the mind of darkness, which is the eye of the bitterness of evil, might not be destroyed, since he was made partially similar, he arose and shone with a fiery light upon all of Hades, that the equality of the faultless light might become apparent.  For the spirit benefited from every form of darkness because he appeared in his majesty.

And the exalted, infinite light appeared, for he was very joyful.  He wished to reveal himself to the spirit.  And the likeness of the exalted light appeared to the unconceived spirit.  I appeared.  I am the son of the incorruptible, infinite light.  I appeared in the likeness of the spirit, for I am the ray of the Universal light.  And his appearance to me was in order that the mind of darkness might not remain in Hades.  For the darkness made himself like his mind in a portion of the members.  When I, O Shem, appeared in the likeness, so that the darkness might become dark to himself, according to the will of the majesty, and so that the darkness might become devoid of every aspect of the power that he possessed, the mind drew the chaotic fire, with which it was covered, form the midst of darkness and the water.  And from the darkness the water became a cloud, and from the cloud the womb took shape.  The chaotic fire, which was a deviation, went there.

“And when the darkness saw the womb, he became unchaste.  And when he had aroused the water, he rubbed the womb.  His mind dissolved down to the depths of nature.  It mingled with the power of the bitterness of darkness.  And the womb’s eye ruptured at the wickedness of the order that she might not again bring forth the mind.  For it was a seed of nature from the dark root.  And when nature had taken to herself the mind by means of the dark power, every likeness took shape in her.  And when the darkness had acquired the likeness of the mind, it resembled the spirit.  For nature rose up to expel it; she was powerless against it, since she did not have a form from darkness.  For she brought forth the cloud.  And the cloud shone.  A mind appeared in it like a frightful, harmful fire.  The mind collided against the unconceived spirit, since it possessed a likeness from him, in order that nature might become empty chaotic fire.

And immediately nature was divided into four parts.  They became clouds that varied in appearance.  They were hymen afterbirth, power, and water.  And the hymen and the afterbirth and the power were chaotic fires.  And the mind was drawn from the midst of the darkness and the water – since the mind was in the midst of nature and the dark power – in order that the harmful waters might not cling to it.  Because of this, nature was divided, according to my will, in order that the mind may return to its power, which the dark root, mixed with the mind, had taken from it.  And the dark root appeared in the womb.  At the division of nature the dark root separated from the dark power, which it possessed form the mind.  The mind went into the midst of the power – this was the middle region of nature.

It all comes from the same place, the Law of Attraction is this, magic is this, Old Religion is this, as is everything in which we create from our mental universe.

When it comes down to it we all do magic no matter what path we may follow it all comes from the same place.  Every principle is mentioned in the above paraphrases of Shem.  Shem is the son of Anu the Sumerian God who is the Father of all and from him all things manifest from base to illumination.

The ancient philosophers knew this, Akhenaton, Balinas, Empedocles, Paracelsus, Socrates, Aristotle, Bruno, Galileo, Copernus, Hypatia and many, many more (the first two being the reincarnated Thoth).  They knew that all was in the Mind and in the Universe and because of them we have the Law of Attraction as it is called today and it is used by Craft and everyone who truly understands what real magic is the mind and heart.

 


What is an Astral Initiation Anyway?


 What is an Astral Initiation Anyway?

Astral Initiation

Astral Initiation

By Ariana Clausen – Vélez

When we look at one’s initiation what does it truly mean to you, the individual?  Is it man validating you and giving you a title, a position, credentials to throw around so loosely that it does not mean anything, or does it mean something far greater?

An initiation is a single journey of all who are of the path of the Old Religionists, the Golden Dawn, the Hermetic, Wicca, Druidism, and all paths associated to works and service to and with the Gods.  We all go on an individual journey in life, its’ experiences, our training and studies as an individual.  In all of the Ways of Old, that is the paths of the Ancients were all taught as oral traditions, held very sacred their Oaths of Silence that they took (as back then, as it should still be those Oaths were taken before the Gods, and have a high regard to uphold them).  Teachers, Mentors, Elders, True Mother’s or Father’s, Adeptus’s and all those of the learned have gotten there through hard work, studies, training, years of practice, and did so through their own dedication and patience to the studies and the tools provided to them.

When we look at the way of the Ancient’s in Sumer, Egypt, the Celtic lands (which are far and wide and covered many lands that today many would not think were Celtic in culture), Roman and Greek and more held sacred the Path of Initiation.  The Priests and Priestesses would go to the mountains, temples, caves, and inner sanctuaries to prepare for Initiations by setting up the altars with the candles, incenses and the place in which the Priest or Priestess was to be initiated would be placed.  From this one would never know what to expect as this rite is very sacred and between The One and the initiate alone.  If you look at history and how those Magi’s were Initiated before us, you see a similar pattern in all of them, they all go into the desert, to the top of a mountain, into the forest, and are gone for long periods of time to commune with The One, God, Goddesses and Gods, when we look at all of them they are all given great information and are initiated in the astral.

In The History of Magic by Eliphas Levi, in the chapter entitled Magic and the Revolution there are many stories of regenerating movement from well known Magi’s dating back to the time of Pharaoh.  I will mention two such here, the rest you will need to purchase a copy and read it in full for yourself to understand.

“The name Althotas, or that of Caglistro’s master, is composed of the word Thot, with the syllables Al and As, which, if read Kabalistically, are Sala, meaning messenger or envoy.  The name as a whole therefore signifies: Thot, the messenger of the Egyptians, and such in effect was he whom Caglistro recognised as the master above all others.

“Another title adopted by Caglistro was that of Grand Copht, and his doctrine had the twofold object of moral and physical regeneration.  The precepts of moral regeneration according to the Grand Copht were as follows:  “You shall go up Mount Sinai with Moses; you shall ascend Calvary; with Phaleg you shall climb Thabor, and shall stand on Carmel with Elias (Essene Teachings) and Mount Carmel is shaped like that of a triangle.  Now, according to S.L. MacGregor Mather’s “The Grimoire of Armadel Phaleg is the good angel of Mars (as well as all other Angelic sources).  Then we also find in the same work just mentioned, that of the Rod of Moses; it states; “Zainael is the Spirit who did teach unto Moses the methods of availing himself of the Rod with the which he did perform so many miracles in Egypt, and among the Chaldeans.  He hath much power to render those rich who avail themselves of his services.”  Another mention of Moses states; “Hethatia maketh you see even as Moses saw the benefits which he had received from God, when he was in the Desert of the Land of Midian.  These are all spirits and can only be seen and heard in the Astral Realm.  There are many more Magi’s who were initiated in the Astral Realm all dating back to the beginning of man and religious sacred rites of regeneration i.e. Astral Initiation.

Also we look at the works of Dennis William Hauck’s, The Emerald Tablet Alchemy for Personal Transformation.  This is an excellent work for all to have to find a deeper understanding to the rubrics of the Emerald Tablet and how to apply into your life.  But be warned the path in which you will embark on may not be the easiest when you open your heart and mind up to the teachings of Thot, for it is a journey in which one will come upon calcinations, dissolution and separation.  In the 7th chapter entitled Separate the Earth from Fire he says the following; this is based on the Fourth Rubric of the Emerald Tablet; The All the powers of the Above.  This is the most difficult transition for many people to pass through as it does deal with the Above which is the realm of the astral.

“The ancients knew exactly what the powers from the Above were like because they experienced them directly within themselves.”  Also said, “It has been postulated that 5,000 or so years ago mankind lived in unconscious communion with the gods and followed divine “voices” in times of novel or stressful situations.”  Also saying, “The ancients remembered what it was like before full consciousness dawned in man and believed that the mental world of thought and imagination was every bit as real as the physical world in which they found themselves.  With the breakdown of the divine connection, the One Mind in man slowly split into duality of rational consciousness, although the archaic ability to exist in both realms is said to have survived in few genuine psychics and prophets.”  Furthermore, “Perhaps our thoughts have lost their intrinsic value because there are simply too many of them floating around and because nobody seems to care whether anyone’s thoughts are inherently true or not.”  And lastly, “We tend to think that imagination is the same as fantasy that dreams are just image soup that visions are psychotic, that myths are legends are just tall tales, and that our thoughts have no effect on reality.  Most of us really believe that the best use that can be made of the power of thinking is to plot, gain the upper hand, make more money, garner more esteem, or get an edge over someone else in the rat race.”

“As the Son of Heaven and Earth, “the initiate has inside himself not only the four earthly elements but also the three heavenly ones, which is why the ancients viewed the individual as a microcosm of the whole universe.  The same forces that shaped the cosmos are present in man.  This is the meaning of the Doctrine of Correspondences and the whole impetus for spiritual alchemy.  No matter how far man has fallen from grace, no matter how tightly shackled to the chains of physicality he has allowed himself to become, there is hope for him because he has all the elements necessary to set himself free.  All he has to do is purify the earthly elements in his soul and personality and activate the heavenly elements of his indwelling spirit.  This is the Great Work.”

Read about the German mystic Jacob Boehme as his is one of the most incredible of all he was so well mastered that when brought before a panel  of eminent theologians was assembled to exam him.  They found him to beyond their power to judge.

What does all of this represent?  The Astral Self, the Astral Initiation.

Then we have from the Gospel of Phillip; Water and Fire (67, 2-9)—“Soul and spirit have come into being from water and fire.  The attendant of the bridal chamber has come into being from water, fire and light.  Fire is chrism.  Light is fire.  I do not mean ordinary fire, which has no form, but other fire, which is pure white in appearance, beautifully bright and imparting beauty.”

There are so many more references to astral encounters, initiations, conceptions, marriages and more that go back through the ages of man.  Take the time to learn and find the truth for they are part of our history.

Initiation is a very personal experience and while in many if not all Initiations (that one considers valid) are all performed by man.  But when we really look at an Initiation it comes from a far Greater source than we mere ants of humans on this earth, they come from the Gods and Goddesses or from how you see your divine source of life.  All true initiations are from the Astral.

This past week on the Friday 28th of June, I did my Astral Initiation into the E.O.G.D. Order.  As with any initiation I prepared myself through that of rituals that were needed to prepare my space as well as my spirit, body and mind, did the proper fasting and cleansing, prepared the items needed and took time to mentally prepare myself for the Astral event.  Upon the designated hour, I had set up the candles, set the incense, set the tools on my altar and began my journey.  I sat still focusing on that of the spirit and the energies that were from the Mental Plane and that of the illuminating lights that connected to my Higher Self my Crown and felt them as they went through me.  One never really knows how long they are under in this type of ritual.  All of a sudden I felt this amazing energy over me with the wings spread far and wide, white in colour and the head of the Ibis, I felt Thoth all around me carrying me on my new journey into this Initiation.  I had no words for what followed; it was beyond words, beyond ones’ description or that of anyone else’s comprehension of such a journey beyond in that of the Astral.

As first a practicing Old Religionist I do know how powerful the astral realm is, how dangerous it can be if one travels there without knowing how to protect themselves from the spirits, but it is the one form of Initiation in which is the Higher of them all, it is Validated by that of the Gods and in truth the only one who can validate any initiation is the Gods and no other.  I have had many journeys to the Astral and one of them I received a message about Future Earth and following that I came upon an article that was written by another in Arizona who too was spoken to by Ea on the future of earth which validated my vision, while following about 6 months later NASA saying they had found a system in which could be a future place for humanity.  It was as I had seen it in my vision.  All I will say on this is that it was a place and time in which humans only communicate via the Mental.  The Astral is very real.

An experience and Words of Wisdom from a former experience I went through many years back following an Initiation in which many tried to claim was invalid due to the envy of man.

I learned long ago from a wise woman, my “True Mother”, that initiation is not validated by the hands or man, but by the hands of the Gods it is only they who can truly initiate you.   Many years ago I went through a great trial, I was a solitary and then later joined an online school and as I grew within myself I felt that it was time for initiation, however, there was no one in my community who could perform this ritual, as I was a solitary, so I self-initiated to the Gods at that time I followed a more Celtic path.  Later as I continued with my training I was invited by a local group to audit their coven and see if I wanted to join, at a later time I did so, and within the next four months I had resigned.  In following this I was still with this online school and had met online a woman who claimed to be a High Priestess in the Wiccan community out of Canada, I studied under her and later she did my next initiation via the internet.  I prepared as I would for any initiation, fasted, prepared oils, soaps, and ritual garb and tools for the ceremony, it was a beautiful and powerful journey.  When at a later time I had asked if she had filed my papers with her organisation, she kept putting me off, so I did what any person with a mind would do, I sought out and contacted them myself; boy did I get a rude awakening, not only was she not a part of their organisation but she had stolen their watermark logo for my certificate.  But the HP of the organisation instead of being a person of love was out right rude, and without asking anything of me told me that my Initiation was not valid because they only do them in person at their location and it has to be performed by one of the heads to be so valid in the eyes of the Gods.  I was destroyed, or at the time I thought I was, full betrayal by someone who claimed to be in of the gods, they were not at all out for the Gods but for their own puffed up egos.

Shortly following this I had bumped into the old HP of the local coven I had been a part of where I live and he had the audacity to tell me I should step down as a Priestess as I was not ready and only when man blessed would I be; now I was already over the betrayal from the other at this time, so I sat and thought long and hard about this situation.  Flowing this I had a vision, it was of Dr. Leo L. Martello and he had led me to my “True Mother”, we had many amazing conversations over the next year and half and then I went to Salem, MA for the first time and we met and from there I have learned so very much and gained so much in knowledge and wisdom.  “The one thing she taught me and it stays with me every day.  We were in the hotel lobby where I was staying and she cast circle it was on Samhain night and as she placed her hand on me she said the following, “No man can validate a Priestess of the Gods, only they can if you lift your arms and eyes to the heavens and say I am of the Gods and they give you a sign that is all the validation one ever needs, the rest is just icing”.

Can an Initiation be revoked by those Gods who so validate it, yes.  If we do not stand up to the work and service for the Gods and to humanity in an honourable manner in helping those who seek us out when in need of healing, protection, bringing justice to those who have been falsely harmed or accused and so on.  Are Initiations in most cases done by the hand of man, yes, and no, if an Initiation is done correctly with then the HP and HPs or Hierophant, Arch Druid, etc they are simply the vehicles for the Gods.

An Astral Initiation is one of the most pure forms of initiation at the hands of the Gods.  Do all experience it in the same manner, no, of course not, do all feel the experience, I do not know for sure.  Is it best to have years of training prior to such an Initiation, yes, in that way you are better prepared and you know what to expect when you entree the Astral.

So, Always remember; when someone tells you, you are not valid because you were not taken in by the hand of man to be initiated, please ignore them for they do not know what they are talking about.  The only form of true initiation is that of the Astral.  If you are fortunate to be of a family who understands this and who themselves while doing the true work and service of the Gods performs an initiation pay attention to how much more powerful it is than one from one who seeks only his or her own self recognition.  You will feel the difference from within, as one will be truly guided by the hands of the Gods and the other will have no power at all.

Many Blessings in Light


In Memory of Dr. Leo Louis Martello


leobw22

 

Today marks the 13th Anniversary of Dr. Leo Louis Martello’s passing and returning home to Sumerland.  Leo did so much, he was an author, activist and so much more.  Today of all days is a celebration of his work as a Gay Rights Activist all those years ago in New York for one day before his Memorial, California has let go of proposal 8 and now All Gays and Lesbians are free to marry on the same ground as hetrosexual couples.  It seems so fitting that Leo’s energy and he is here celebrating such an amazing victory for the Equal Rights of Gays around the globe.  This was something he fought hard for and now the doors are opening and the laws which were already there under the First Amendment are now seeing so many couples finally getting to marry the ones’ they love.

Leo was known for so much, but today in light of this great Victory we speak more on his works as an activist.

We love you and Miss you so much Leo, we know you are here with us all.

Like his page on Facebook


Cross Posting from Vox Arcana-St. John’s Eve Headwashing Ceremony In Honor of Marie Laveau


St. John’s Eve Headwashing Ceremony In Honor of Marie Laveau “Mother of Vodou, Queen of Conjure, Mistress of Many Names: Teach us how it is right to call upon you. Meet us in the moonlight, where the waters kiss the shore; let our drum beats be the heart beat

Of your presence that endures.”
June 23rd, the Eve of St. John, has historically been an important day in the Vodou religion and in the beliefs of related conjure practices.  Indeed, if there is such a thing as a “holy day” in traditional voodoo, St. John’s Eve is that day.
Madame Marie Laveau (1794-1881) was recognized as the Mother of Vodou in New Orleans in her lifetime.  Even as a young woman she enjoyed the distinction of her reputation as a “rootworker” and “conjure woman.”  Although initially that reputation was mainly among the free people of color and slave populations of New Orleans, she entered mature womanhood recognized by all as the de facto Queen of Voodoo in New Orleans – a title that has never been successfully challenged in all the years since her death.

Blog: Escuela Internacional de Astrología: Alejandro Magno y la crucifixión de Jesús


http://astrochart-astrochart.blogspot.com/2013/05/alejandro-magno-y-la-crucifixion-de.html?m=1


Cross Posting: Mother’s Day a history of her Story


http://feedblitz.com/f/?fblike=http%3a%2f%2fwildhunt.org%2f2013%2f05%2fmothers-day-a-history-of-her-story.html


The Charm of the Rue


herb_rue_1

The Charm of the Rue

by: Florence Peacock

Why do you come to disturb me?

I laid you away to rest,

With red rose-leaves for your pillow,

And rosemary over your breast,

There was lavender all around you,

I knew that your grave was deep;

There were king-cups growing above you,

And yet you have stirr’d in your sleep.

I promised that you should have flowers;

And I did not forget the rue;

But sometimes I think you forgot, dear,

All the old-world spells that I knew.

You said that I must not remember,

But bury you out of my sight;

I might strew the red rose-leaves upon you,

And then must forget you quite.

But I knew you would one day waken,

If only the rue was there;

That the past it would all come back, dear

Some day when the skies were fair.

You know that you bade me forget, dear,

All the love that you told long ago;

To bury it deep, nor regret you,

It had passed with the last year’s snow.

But for years I hoped you would waken,

For I knew that the rue it was there;

But I deem’d that the charm it was broken,

No answer there came to my prayer.

And ah, but you slept so soundly,

‘Mid roses, rosemary, and rue,

That I have had time to remember

It was I, not you, that were true.

But the charm it has worked, and you waken;

The spell of the rue holds you fast;

The grave has no power to keep you,

Your love it is mine at last.

And, dear, you should not reproach me,

Remember that I was true;

Red roses and rosemary wither,

You took no heed of the rue.

But yet for the sake of the past, dear,

And the days e’er you proved untrue,

I would I had left you to sleep, dear,

With never the charm of the rue.


Black Walnut Anthology Vol III has been sent to the Publishers!!!!


Announcement: Black Walnut Anthology Authors and Fans; We have gone to the publishers, it is waiting for layout finalization and then we will go live in about one week or so, once the final layout has been approved we will be able to publish to Kindle for our Kindle readers and fans.

We have an amazing issue, one of the best issues we have published to date. I have attached the Cover of the issue for our readers and contributors to view. Our cover art is by Nelson E. Maldonado Ramos — Hera Queen of all the Gods.

BookCoverPreview

Here is what you look forward to in the coming week or two when we are live

Contents:

 

Abracadabra, by Clausen-Velez, Ariana – page 6

The Feast of Remembrance, by Cooking with Deity – page 8

The Spanish Witch, by Masmitjà, David Garrido – page 11

Signs, Coincidences and Manifestations, by Masmitjà, David Garrido – page 13

The Archetypical Magician, by Cüsters-van-Bergen, Ina –page 18

Primitive Consciousness and Modern Magical Training, by Cüsters-van-Bergen, Ina – page 23

Be your own Herbal Expert, pt 1, by Weed, Susun – page 32

Healing Wise: The Shamanic Herbalist: Power Plants, by Weed, Susun – page 37

Headaches/Migraines, by Weed, Susun – page 41

Gnostic Psycho-Synthesis, by Sigan, Tau – page 46

On the Nature of Gnostic Paganism, by Sigan, Tau – page 54

Walking with Odin: Death in a Shamanic Context, by Anderson, Katie – page 66

North American Voodoo and the Underground Railroad, by Witchdoctor Utu – page 70

Sicilian Witchcraft, by Martello, Dr. Leo L. – page 76

Transformation of Self is like that of forging a Sword, by Clausen-Vélez, Ariana – page 99

The Battle for Separation of Religion and State, by Ramos, Nelson E. Maldonado – page 107

 


Easter – the Fertility Festival of Spring | We Are Vibratory Beings


Easter – the Fertility Festival of Spring | We Are Vibratory Beings.  This is a great article for everyone to read, please do enjoy it and have a most blessed season of new life and fertility.

While I personally do not celebrate Easter on the day as the Christians, I do celebrate the Spring Equinox, Ostara (Celtic), and the Persian New Year I do honour the ways of the this season we are currently in. As Persephone, Proserpina also Kore is celebrated as she returns to the land of the Living by the hands of Mercury delivering her from the hands of Hades to her Mother and Goddess of Earth; Demeter she is the Saviour of the Old Religionists, she is the bringer of life and all things new and she brings us all healing upon her return to the land of the living.

On this day we celebrated in my home with a dish of an omelets of egg, ricotta chesse, green olives, and chicken with potatoes. This is a meal of healing, new life, eating of what comes from under the earth as well as of above the earth. The olives are sacred to Old Religionists as it is the main oil in all of our cooking and magical workings it is also the oil we use to anoint. The Olive Tree is the only tree that does not endure disease of any kind it self heals from the inside out and it is one of the oldest of trees in which we use not only the fruit it bears but the oil it brings. Eggs are of renewal and new life it is the womb of the Mother where all things are created, cheese is of the milk of the mother in which nourishes us all and the chicken the one that hatches the eggs we eat during this time.

While we too partake of meals of fish and all things of yellow and orange in colour as they are the colours of the Sun and healing and the Light that we are once again returning to being dominant over the lands.

Blessed Spring Equinox, Easter, Ishtar, Ostara. This season is of very ancient roots.


Black Walnut Anthology


Black Walnut Anthology.


La Vecchia Religione


La Vecchia Religione

By Leo Louis Martello

{Used w/Permission by, Rev. Lori Bruno}

I was born into a family of Strege {witches}.  My ancestral home is Sicily.  My family passed themselves off as Catholics.  Sicily is the home of magnificent monuments and the notorious Mafia, has the world’s oldest active volcano, Etna, and the tow of Trapani was founded by Eryx, son of Venus, a land where every town has its own patroness, where churches are built upon the sties of ancient temples, where the ancients travelled from all over the world to worship at the Temple to Demeter, in Enna, to celebrate her daughter Persephone’s resurrection from the underworld to reign as Goddess of souls and immortality.

Sicilians are a blend of many races and cultures, Carthaginian, Phoenician, Egyptian, Arab, Greek, Roman, Norman, etc.  They are not strictly Italians, thought most of them speak the language since it is now a part of Italy.  The ancient worship of the female deity exists to this day.  All modern depictions of the Catholic Madonna and Child are derived from the Goddess Demeter and her daughter Persephone.  Sicilians revere the Blessed Virgin more than they do the Christ.  Even when the Normans conquered Sicilyin the 12th century and converted the image of Christ into a fair-haired, blue eyed self-portrait, the crafty Sicilians continued their worship of the Goddess.  The Cathoic Church in the town of Enna has a statue of the Madonna…..with a FEMALE JESUS.  The sculptor who worked on this was a member of la vecchia religione {The Old Religion} and in this way paid tribute to his Goddess of Demeter and Persephone.

There are many traditions in the Italian-Sicilian Craft just as in other countries.  Diana has always been called Queen of the Witches in Italy.  Charles G. Leland’s book, Aradia, or Gospel of the Witches is the basis for many of the rites and even secret names of modern day Gardnerians.  Even Margaret Murray’s Witch Cult in Western Europe and the God of the Witches {upon with Gardner drew heavily} deal only with the Horned God.  Later,  Gardner demoted the Horned God and elevated the Goddess using one of her Italian names.  Today, many Gardnerians seem to be more involved with dogma than they are with devotion and don’t seem to be fully aware of their origins.

Since Roman times {and long before} Diana has always been worshipped by runaway slaves, the outcasts, people of the night, the oppressed, disenfranchised, all those who deviated from the Establishment {including racial and sexual minorities}.  Thus, when a Gardnerian says that “a homosexual can’t be a true witch”, this is a perversion of the Italian-Sicilian Goddess they claim to worship, which indicates either ignorance of the historical truth, or a Judeo-Christian hangover.  Diana, and her daughter Aradia, protected all those who worshipped them.  The victims of oppression and injustice did not have a God to turn to {either Roman and later Christian } but they always had their Goddess.

There are many Sicilian Craft descendants in the U.S. but most of them {especially in California} retain only remnants of their traditions.  Our own branch of Sicilian Craft has always maintained strong ties with the motherland and our members make periodical pilgrimages to the ancient temples and caves.  We also maintain close contact with our secret brother and sisters Malta{only 60 miles away}.  Thus, our traditions have remained unsullied an undiluted, and even during the burning time our Crafters continued their secret worship.  In fact, many of the Catholic priests were, in reality, Strege.  When danger threatened, my forebears went to “holy communion” and the “priest” warned them by the consecrated wafer:  It was either nicked or bent.  This was the danger signal.  For more of our Traditions read “Roman Robin Hoods” in my book Curses and Verses.  I can only give a brief glimpse here.


Home Remedies for the Cold and Flu Season


In this season we again are up against those nasty colds and flus.  Every year I make homemade remedies as needed when either myself or my husband get a wee bug.  This year, I got it from inhaling toxic fumes from cleaning and dust from home repairs, this is typical for me when around toxic cleaning chemicals.  Over the years I have come up with my own herbal blends for teas, cleansing and ointments.  This year I am going to share some of those remedies with all of you.

Easy to make and with what you already should have in your cupboard. 

Herbal Teas, Salves and Vaporiser Blends

Loose dried herbs are the best, if you happen to have fresh dried herbs they work wonderful just bruise them to allow the oils to be extracted in the hot water you boil for a cup of tea.  Many people ask me tea?  You are American, American’s do not drink tea.  Well for one thing, yes, they do and for the second my ancestors are heavily from the UK in England and Ireland as well as other Northern European countries where tea is a favoured drink.  I love my tea.

Ingredients are easy to blend all you need is a tea ball, muslin bag, or a tea strainer holder.  Blend your herbs and place them in the ball.

Ingredients for today’s blend are as follows;  Thyme, Peppercorns, Cinnamon, Peppermint, Anise Seed or Star of Anise, blend them and place in ball and steep for approx. 20 minutes for medicinal purposes.  Other ingredients are Star of Anise, honey and lime or lemon, then you can have ginger root cut up and placed in a big pot fill with water boil for approx. 20 then allow to infuse for 2 hours.  Remove the root and add honey and milk, ginger warms the body and allows for sweating.  Again we have Hawthorne, Elder Flowers/Berries which are wonderful for colds and flus as they warm the body and allow for sweating as well.  Eucalyptus is another great herb for teas in this season.

Salves are very easy to make for your loved ones, just take Vaseline and add your oils of choice for this season, I use Eucalyptus, Peppermint, Tea Tree (great for bacteria), and use 10 drops per tablespoon of Vaseline.  You will need a double boiler or something you can make into one place the Vaseline in the pot atop of the and add your oils, allow the Vaseline to melt down while stirring in the oils, once liquefied turn heat off and transfer to a tin for cooling.  Cool to room temp or place in the refrigerator and use as needed on the chest, back and feet keeping all areas covered to keep in the body heat.

Other things you can do is mix all these oils into a vaporiser and set in the room to clear the air, stop the bacteria from spreading and to help for easier breathing while resting in bed.

Take your vitamins D3, C 1000 +2, A and B-12 along with Zinc all help the body recover quickly.

Drink lots of water, tea and juice, eat chicken soup, lamb, and lentil soups for a speedy recovery.

Many Blessings to you All in this Cold and Flu Season

Ariana


My Blessings to All on this of Feast of Mongfind, Samhain and Feast of the Dead


Many Blessed and Greetings to All this Feast of Mongfind, Samhain, and Feast of the Dead.  This is the time in which we honour those who came before us, our Ancestors those who came from the roots and earth of the Old Religion and always remembering where they truly came from, what the spirit of family, land, and the heart truly came from, from the land of the dead from the realms hidden inside the veils of the unseen and Greater Mysteries.

We are of many heritages, cultures, religions, traditions and paths in our lives, ancestors and our personal spiritual journeys, we must all remember that we do not have to agree with each other and how as individuals we practice and believe, but one should respect one another for having the free spirit and mind as an individual to practice those beliefs in which are deep in the heart of each of us and not worry so much about others and how they practice.  If we all step up and honour the ways of Old, or honour the Gods and Goddesses, God, Allah, Budda, Orishas or whatever you choose to follow let us remember to be accepting.

This Samhain season I am reminded of many things, death, life, change, growth, loss, gain and most importantly the powers of the nature in which not one of us have any control over.  Sandy was an evil disaster one in which I know was from the wrath of the Gods and the Mother of the Oceans to remind us who truly has the say over all life.  We are mere ants in this world and as descendants to those ancestors who were from the lines of the Old Religion and of the path of Warriors, justice keepers, healers, prophets, readers of the stars, visions of the hidden realms and more we must remember we are here to work together not to harm those who seek our counsel and guidance.

My Ancestors are of the Milesian and of the line of Erimon, cousins to the Tuaha de Dannan, they fought and defeated the magic of the Tuaha to then become the last of the invaders of Ireland, but not before travelling over vast lands masses, and learning the arts of the ancient craft, Mongfind was the head wife of Eochaid the High King of Ireland.  Eochaid had two wifes, Mongfind and Cairenn she was of the family of Sachell Balb, King of the Saxons.  Caireen was pregnant with my ancestor Niall of Niall of the Nine Hostages captures of St. Patrick and his sister.  Mongfind so jealous of Caireen sought out to prove how much she loved her husband and on what we now call Samhain drank poison to prove her love to her husband and died, hence the beginning of what we today celebrate as Samhain.  Originally it was called Feast of Mongfind and it is dated to have begun at the time of her death circe 351.  Mongfind means fair main.  As the Queen of Ireland the people honoured her death and from this is where we today get Samhain the feast of the dead.  Mongfind was later turned into a deity and is the known as the Sorcerer of Magic, while Caireen is known as the Goddess who protects children.

This time of year has a much deeper rooted meaning for myself as it is the one time of the year I have always felt most drawn too, the darkest time of the year when those things that are hidden are revealed and seen.  I find that when we understand the meaning of our festivals we better connect to the energy of the season.  The Church calls this the season of the devil; the devil never was mentioned in any ancient works that of the Old Ways in any culture, it was only after the Church forced those who lived in the county side to convert was he created by the Church itself.  There in honouring the dead is to remember where we came from, our roots and the deepest core of our true heritage.  Yes, it is true not all can follow this path and work magic or walk with the dead, it is a path for those whose path it is destiny to wake our fate.

True witches/Witches, Crafters of the Wise, Priests, Priestesses, Shamans, and all such titles of the old have never needed to cover their faces or decisive themselves from being seen by the dead that at this time of the year when the veil is at it thinnest walk among the living to return home and visit their loved ones, miss out on something powerful.

Samhain is a time we honour the dead and all who have given and had their lives taken for us to have the liberties we have today.  Honour your Ancestors and remember them.

To my family and friends and those who are of my Craft family I shall miss gathering with you all in this year, but I shall see you all soon and we shall celebrate next year in honouring our ancestors.

May all be blessed in the Feast of the Dead and Blessings, Prosperity and Health to all in the coming year.

 

 


Follow

Get every new post delivered to your Inbox.

Join 233 other followers